lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeNotizieIran NewsRichiesta di un’azione urgente per i pazienti messi seriamente in pericolo dall’assedio...

Richiesta di un’azione urgente per i pazienti messi seriamente in pericolo dall’assedio che impedisce l’accesso alle cure

Campo Ashraf – Violazione di impegni, No. 15

CNRI – Il criminale e disumano assedio che impedisce l’accesso alle cure mediche ad Ashraf sta causando una catastrofe e gravissimi ed irreversibili danni umanitari. Proprio ora ci sono più di 30 casi urgenti che necessitano di cure chirurgiche, ma il governo iracheno sta impedendo da lungo tempo il loro trasferimento presso ospedali specializzati di Baghdad e Baquba. Molti di questi pazienti stanno attendendo per sottoporsi agli interventi chirurgici da più di un anno, ma ogni volta, per ordine del Comitato del Primo Ministro iracheno incaricato di sopprimere Ashraf, le forze irachene si rifiutano di trasferirli in ospedale. Alcuni di questi pazienti sono i feriti degli attacchi del Luglio 2009 e Aprile 2011, che stanno soffrendo gravemente per le loro ferite e necessitano di trapianti ossei. La Sig.na Mitra Ilkhani, ferita ad Aprile 2011 ed il Sig. Amir Kazemi, ferito il 28 Luglio 2009, hanno bisogno di un intervento di trapianto osseo dove sono stati colpiti dalle pallottole.
Otto persone sono pazienti malati di cancro e necessitano di un intervento o di iodio-terapia. Il caso del Sig. Hamid Reza Massoumi è urgentissimo e secondo i medici avrebbe dovuto essere operato la scorsa settimana, ma il suo trasferimento all’ospedale è stato impedito. Anche la Sig.na Elham Fardy, i Sigg.ri Khalil Poorshafe, Mostafa Ganjei, ed Ali Shahkarami sono fra questi pazienti.
Undici dei succitati pazienti, comprese le signore Shamsi Zargaran, Tahereh Nouri e Maliheh Toutounchian, ed il Sig. Mahmoud Mombini sono sul punto di divenire ciechi e alcuni di loro stanno attendendo di essere operati da più di un anno. Alcuni di questi pazienti soffrono di cataratta e, se non verranno immediatamente operati potrebbero perdere completamente la vista.
Le Sig.re Houri Sayyedi, Hengameh Haj Hassan e Massoumeh Eghbal, e il Sig. Amir Mazrae sono pazienti con problemi agli organi interni o ai reni e stanno aspettando di essere operati da molto tempo e vengono privati di tutte le cure mediche.
Nel sottolineare che il governo iracheno è responsabile per ogni perdita umana riguardo ai pazienti di Ashraf, la Resistenza Iraniana si rivolge alle Nazioni Unite, agli Stati Uniti e agli stati membri dell’Unione Europea per trasferire questi pazienti fuori dall’Iraq e salvare le loro vite.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
17 Gennaio 2012
 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,448FollowersFollow