lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeNotizieDiritti UmaniIran: Si aggravano le condizioni di un prigioniero politico al 45° giorno...

Iran: Si aggravano le condizioni di un prigioniero politico al 45° giorno di sciopero della fame

CNRI – Giovedì 8 Dicembre il prigioniero politico Arash Sadeghi, al suo 45° giorno di sciopero della fame, è stato ricoverato all’infermeria del carcere a causa di gravi problemi respiratori e palpitazioni cardiache, per essere poi connesso ad un respiratore ad ossigeno. Il medico dell’infermeria del carcere ha detto che le sue condizioni sono molto preoccupanti. Sadeghi è stato ricoverato nell’infermeria del carcere diverse volte nelle ultime settimane e ogni notte ha bisogno del respiratore ad ossigeno. Ha perso quasi 18 kg dall’inizio del suo sciopero della fame e la pressione sanguigna è calata drasticamente.

Questo prigioniero politico ha perso la capacità di parlare e di muoversi al punto tale che negli ultimi giorni è stato anche portato in ospedale dopo che gli si era formato un coagulo di sangue, anche se alla fine è stato riportato in carcere senza aver ricevuto nessuna cura.

Vale la pena ricordare che Arash Sadeghi ha iniziato lo sciopero della fame quarantacinque giorni fa, per protestare contro le disumane condizioni carcerarie e l’arresto immotivato di sua moglie.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow