domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniIran: Pubblicata la foto di uno dei responsabili dei massacro dei membri...

Iran: Pubblicata la foto di uno dei responsabili dei massacro dei membri del MEK negli anni ’80

CNRI – Finalmente, per la prima volta, è stata pubblicata una foto che mostra il volto del famigerato giudice Mohammad Moghiseh, noto come Naserian. Finora non era mai stata pubblicata su un giornale una sua immagine. Inoltre, neanche i canali televisivi nazionali avevano mai trasmesso notizie su di lui o sui tribunali che aveva presieduto.

È piuttosto strano che la sua immagine non sia stata pubblicata prima. Ciò ha fatto sì che i prigionieri politici degli anni ’80, per la maggior parte membri e sostenitori del MEK e i loro familiari, non potessero riconoscerlo e che la sua vera identità non venisse mai rivelata.

Mohammad Moghiseh è lo stesso giudice che ha condannato la giornalista irano-americana Roksana Saberi, ad 8 anni di reclusione.

Moghiseh era il capo della Sezione 28 del Tribunale Rivoluzionario ed un membro della commissione della morte durante il massacro dei prigionieri politici del MEK avvenuto nel 1988. Secondo alcuni sopravvissuti al massacro del 1988, egli era direttamente coinvolto nell’uccisione dei prigionieri politici.

Mohammad Moghiseh è nato in uno dei villaggi di Sabzevar (Iran nord-orientale). Ha frequentato il seminario prima della rivoluzione anti-monarchica e non era politicamente attivo a quel tempo. Appena Khomeini assunse il potere fu immediatamente impiegato in varie istituzioni di governo.

Ha iniziato a lavorare nelle sezioni di interrogatorio e tortura del carcere di Evin nel 1981. Nello stesso carcere, è stato incaricato di interrogare e torturare i sospetti detenuti nella sezione 3 del carcere di Evin. Nell’inverno del 1984, ha iniziato a lavorare come pubblico ministero nel carcere di Ghezel Hesar, insieme a Hossein Shariatmadari. È divenuto pubblico ministero del carcere di Gohardasht dopo che i prigionieri di Ghezel Hesar sono stati trasferiti in questo penitenziario.

Mohammad Moghiseh, noto come Naserian, nel carcere di Gohardasht è divenuto temporaneamente direttore di questo penitenziario per mandato d’ufficio, mantenendo anche la sua posizione di pubblico ministero.

Per quanto riguarda il massacro dei prigionieri politici, riteneva che neanche un prigioniero che appoggiasse il MEK dovesse vivere. Cercava continuamente di giustiziare i prigionieri il più presto possibile. Questo criminale una volta ha detto ai prigionieri, che durante le esecuzioni, lui li impiccava personalmente, in modo che morissero prima e, in questo modo, intendeva giustiziare la prossima serie di prigionieri così velocemente.

Il 6 Agosto 1988, il prigioniero politico Naser Mansouri, venne portato fuori dalla sua sezione e, nonostante avesse la spina dorsale lesionata e non potesse assolutamente muoversi, fu tirato su dalla barella da Mohammad Moghiseh per essere giustiziato. Anche un altro prigioniero, Mohsen Mohammad Bagher, paralizzato dalla nascita ad entrambe le gambe, venne giustiziato con lucida brutalità il 9 Agosto 1988.

Sebbene non avesse nessuna esperienza o conoscenza giuridica, Mohammad Moghiseh fu nominato capo del Tribunale Rivoluzionario di Teheran per il suo contributo a questi crimini. Molti prigionieri politici vennero condannati da lui alla pena di morte o all’ergastolo.

Ad Aprile 2011 l’Unione Europea ha vietato a Mohammad Moghiseh l’ingresso negli stati membri dell’UE, dato che prese parte a questi atti violenti contro i diritti umani del popolo iraniano.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,369FollowersFollow