giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniIran: Maryam Rajavi condanna attacchi missilistici ai quartieri dei partiti curdi, e l'esecuzione...

Iran: Maryam Rajavi condanna attacchi missilistici ai quartieri dei partiti curdi, e l’esecuzione di tre attivisti curdi

La signora Rajavi ha esortato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a intervenire e affrontare tali atrocità

Il regime iraniano ha impiccato oggi tre prigionieri politici curdi, Ramin Hossein-Panahi, 24 anni, Zanyar Moradi, 30 anni, e Loghman Moradi, 32 anni, nella prigione di Gohardasht, Karaj. 

Andando incontro ad una soverchiante rivolta popolare e aumentandone l’odio contro, il regime ha comunque portato avanti le esecuzioni capitali nonostante le ripetute chiamate internazionali, per terrorizzare la platea e prevenire ulteriori proteste anti-regime. I tre prigionieri erano stati in sciopero della fame secco per diversi giorni. Zanyar e Loghman erano in prigione da oltre nove anni e Ramin era stato imprigionato negli ultimi 14 mesi. Sono stati sottoposti a dura prova durante la loro incarcerazione. La resistenza iraniana ha ripetutamente chiesto, ieri compreso, al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e ai suoi stati membri, di agire con urgenza per prevenire queste esecuzioni arbitrarie in palese contraddizione con le norme internazionali riconosciute. In un altro frangente, il regime Iraniano ha lanciato missili presso il quartier generale del Partito democratico iraniano del Kurdistan e il Partito democratico del Kurdistan, all’interno del territorio del Kurdistan iracheno. Un certo numero di membri e pishmargas (esponenti) delle due parti sono stati uccisi e altri feriti.
Il sito web di Tabnak, gestito da Mohsen Rezaii, ex comandante dell’IRGC e segretario del Consiglio per le autorità statali, ha scritto scritto poche ore dopo questo attacco criminale: “Le forze del Corpo delle guardie rivoluzionarie … hanno preso di mira da stamattina, sabato 8 settembre, gli avamposti militari … del Partito Democratico Iraniano e del Partito Democratico del Kurdistan vicino alla città di Kouyeh, a 200 km dal confine iraniano “.
Tabnak ha aggiunto: “L’IRGC ha lanciato sei missili terra-aria presso il quartier generale del Partito Democratico del Kurdistan, che ha provocato decine di morti e feriti”.
Il presidente del Consiglio dei ministri della regione del Kurdistan iracheno ha rilasciato una dichiarazione che condanna gli alla sede di entrambe le parti “della Repubblica islamica dell’Iran che ha portato a una serie di morti e feriti”.

La Sig.ra Maryam Rajavi, il Presidente eletto del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, ha descritto l’esecuzione da parte del regime iraniano dei tre attivisti kurdi e gli attacchi missilistici contro il quartier generale del Partito Democratico dell’Iran e del Partito Democratico del Kurdistan come crimini contro l’umanità e ha invitato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ad affrontare queste atrocità. Ha salutato i martiri e ha offerto le sue condoglianze al Partito Democratico Iraniano Kurdistan e al Partito Democratico del Kurdistan, nonché ai compagni attivisti e parenti di coloro che hanno perso la vita o sono stati messi a morte. Ha anche desiderato un rapido recupero per i feriti in questi attacchi criminali. La signora Rajavi ha chiesto al popolo del Kurdistan e di tutto l’Iran di alzarsi e protestare contro il regime iraniano. “Il regime antiumano dei mullah è deciso a intensificare l’atmosfera di terrore e repressione per estinguere la rivolta del popolo iraniano attraverso repressioni, esecuzioni, bombardamenti e attacchi missilistici. “Ma si porterà questo desiderio fino alla tomba “, ha detto.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
8 settembre 2018

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,485FollowersFollow