mercoledì, Febbraio 8, 2023
HomeNotizieDiritti UmaniIran: 11 esecuzioni nelle prigioni di Zahedan e Gohardasht

Iran: 11 esecuzioni nelle prigioni di Zahedan e Gohardasht

Il 3 e il 5 settembre, il regime disumano dei mullah ha giustiziato 11 prigionieri nelle prigioni di Zahedan e Gohardasht (Karaj).
Tre di questi prigionieri sono stati mandati al patibolo nella prigione di Zahedan all’alba di martedì 3 settembre. I tre, di etnia baluchi e di età compresa tra i 21 e i 24 anni, erano stati condannati a morte con l’accusa di aver ucciso un agente di polizia.

Le autorità del regime hanno informato le famiglie dei prigionieri che sarebbero state tenute a pagare le corde per le esecuzioni e a fornire denaro per il sangue alla famiglia della vittima per ottenere il rilascio dei corpi.
Il 5 settembre, altri otto prigionieri sono stati giustiziati nella prigione di Gohardasht.
La resistenza iraniana rivolge un appello a tutte le autorità che difendono i diritti umani, in particolare l’Alto Commissario per i diritti umani e il Relatore Speciale sulla situazione dei diritti umani in Iran, nonché il Gruppo di lavoro sulle esecuzioni arbitrarie, affinché condannino queste brutali esecuzioni e intraprendano immediate azioni per prevenire forme di pena così brutali in Iran.
Travolto da crisi interne e internazionali che crescono e si approfondiscono ogni giorno, il regime dei mullah ha fatto ricorso a una nuova ondata di esecuzioni per intensificare l’atmosfera di intimidazione e terrore nella società nel tentativo di prevenire la diffusione della rivolta popolare. Questo è un processo criminale che non farà che aumentare la rabbia delle persone che sono stufe del sinistro regime del Velayat-e Faqih (potere della ‘Guida Suprema’).

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran
7 settembre 2018

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,942FollowersFollow