mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniIran: La brutale repressione di persone innocenti da parte del regime iraniano

Iran: La brutale repressione di persone innocenti da parte del regime iraniano

Secondo alcune notizie, martedì 11 Luglio 2017 le forze di polizia iraniane della città di Ahvaz (Iran sud-occidentale) hanno arrestato alcuni membri di una famiglia con la scusa che non avevano i cosiddetti documenti di proprietà “ufficiali” della loro terra ed hanno demolito completamente la loro casa.

L’arresto di questa famiglia è avvenuto due giorni dopo il raid delle forze di polizia e dei funzionari del 6° distretto del comune di Ahvaz, che ha portato alla totale distruzione della sua casa. Secondo alcune notizie giunte insieme ad alcune foto, le forze di polizia hanno utilizzato un’estrema brutalità nell’affrontare questa famiglia, tanto che Zahra Savari e suo figlio, Mohammad Savari, sono rimasti feriti al volto e alla testa.

Secondo alcuni testimoni oculari, domenica i poliziotti, dopo le operazioni esecutive del 6° distretto del comune di Ahvaz, hanno attaccato la casa e dopo aver picchiato i membri della famiglia, hanno demolito il fabbricato ancora in costruzione con un bulldozer.

Dopo la sua pubblicazione, uno dei funzionari del comune ha confermato la notizia della demolizione dicendo: “La persona responsabile del procedimento della zona 6 del comune si chiama Zabihi, il quale, sembra a causa di una costruzione abusiva, ha mandato domenica i funzionari del comune e le forze di polizia in vicolo Sadat, alla periferia di Ahvaz, per procedere alla demolizione della casa in base all’ordinanza del comune”. 

Gli attivisti per i diritti umani dicono che mentre la casa veniva demolita, Zahra Savari e suo figlio Ali Savari, venivano picchiati dai poliziotti e dagli agenti del comune. Sono stati gravemente feriti alla testa e al volto durante questo incidente. Un parente della famiglia ha detto: “Il terreno è stato legalmente acquistato da un’azienda e questa famiglia ha speso tutti i risparmi di una vita per i materiali da costruzione e per realizzare una casa su questo pezzo di terra”.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,400FollowersFollow