sabato, Dicembre 3, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniIran: 16 prigionieri tra cui una donna, impiccati in un solo giorno,...

Iran: 16 prigionieri tra cui una donna, impiccati in un solo giorno, due in pubblico

Trenta prigionieri giustiziati in meno di una settimana nelle città di tutta la nazione

In una nuova ondata di esecuzioni, il regime iraniano ha giustiziato 30 prigionieri in varie città dall’11 al 17 Luglio. Sedici sono stati giustiziati oggi,17 Luglio, a Karaj e Birjand.

A Karaj 11 prigionieri, tra cui una donna, sono stati giustiziati in massa nel carcere di Ghezel Hessar e altri due sono stati impiccati in pubblico nel distretto di Mehrshahr. 

Due prigionieri sono stati giustiziati nel carcere centrale di Lakan, a Rasht (Iran settentrionale) il 16 Luglio. Sei prigionieri sono stati impiccati il 13 Luglio nel carcere di Gohardasht a Karaj. Altri cinque sono stati impiccati l’11 Luglio nel carcere centrale di Arak (Iran centrale) e un altro prigioniero è stato anch’egli giustiziato l’11 Luglio nel carcere di Maragheh (nella provincia dell’Azerbaijan orientale, nell’Iran nord-occidentale) dopo aver passato otto anni in carcere.

Assediato da varie crisi, il regime iraniano è incapace di rispondere alle più fondamentali necessità del popolo iraniano, soprattutto delle fasce povere e a basso reddito. Per combattere il pubblico dissenso e le proteste in tutto il paese, sta facendo ricorso ad una nuova ondata di esecuzioni. Un anno dopo l’accordo sul nucleare, questi crimini dimostrano che le pretese di moderazione nel regime teocratico sono vane e rivelano la falsità delle promesse di un miglioramento del governo dei mullah. È stato così dimostrato che compiacere il regime medievale dei mullah non porterà a nessun cambiamento.

La Resistenza Iraniana chiede alle organizzazioni per i diritti umani di condannare l’aumento del numero delle esecuzioni in Iran e di prendere immediatamente provvedimenti per inviare il dossier sulle violazioni dei diritti umani in Iran al Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Tutte le relazioni con il regime iraniano devono essere condizionate alla fine delle esecuzioni e ad un miglioramento della situazione dei diritti umani in Iran.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

17 Luglio 2016

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,408FollowersFollow