domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieIran NewsIran: 100 persone arrestate per aver ballato ad una festa mista mentre...

Iran: 100 persone arrestate per aver ballato ad una festa mista mentre la repressione continua con Rouhani

CNRI – Le forze di sicurezza dello stato (la polizia) in Iran ha arrestato 84 ragazzi perché ballavano ad una festa nella città di Mashhad.

49 uomini e 35 donne stavano partecipando ad una festa mista, quando hanno fatto irruzione gli agenti del Ministero dell’Intelligence e delle Sicurezza del regime a seguito di una soffiata.

Un servizio dei media di stato ha detto: “Dopo che l’informazione è stata confermata, è scattato il coordinamento con le autorità giudiziarie ed è stata emessa l’autorizzazione all’operazione.

“49 uomini e 35 donne sono stati arrestati con un’operazione a sorpresa mentre stavano ballando”.

In un altro articolo si diceva che un altro gruppo di 20 ragazzi e ragazze era stato arrestato dalle Guardie Rivoluzionarie giovedì nella città di Amol, nell’Iran settentrionale.

Questi arresti giungono a dispetto delle promesse del cosiddetto presidente “moderato” Hassan Rouhani il quale ha detto che avrebbe aumentato le libertà sociali durante il suo mandato.

Invece la repressione della popolazione è aumentata, insieme ad una brusca impennata delle esecuzioni arrivate a più di 1200 negli ultimi 18 mesi.

Questi raids seguono anche l’arresto dei rivenditori e dei distributori di apparecchi satellitari e la chiusura di negozi di barbieri e fotografi di molte città con l’accusa di essere “non-islamici”.

La polizia per la moralità del regime ha arrestato 21 persone a Tehran accusate di essere coinvolte nella produzione e nella vendita di parabole satellitari ed altri apparecchi utilizzati dagli iraniani per guardare le TV satellitari.

Il capo della polizia per la moralità di Tehran ha affermato che le sue forze hanno distrutto “una rete di officine modernissime” per la produzione di apparecchiature satellitari.

Il colonnello Mohammad Masoud Zahedian ha detto: “A questo proposito 21 persone sono state arrestate e sono stati confiscati più di 640.000 pezzi di apparecchi”.

Secondo un altro articolo, almeno 30 negozi, tra cui negozi di fotografia, barbieri e tipografie, sono stati chiusi in diverse città della provincia di Mazandaran, nell’Iran settentrionale, con la scusa che avevano infranto le regole islamiche.

Queste misure repressive sono state applicate in due fasi nelle città di Amol, Babol e Qaemshahr sabato e martedì dal dipartimento che controlla i luoghi pubblici a Mazandaran. 

Negli ultimi mesi molti fotografi, editori ed artisti sono stati arrestati e privati del loro lavoro per aver utilizzato social networks come Instagram ed aver pubblicato i loro lavori sui vari social networks.

 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,369FollowersFollow