domenica, Febbraio 5, 2023
HomeNotizieIran NewsEIFA: “Dobbiamo cacciare le forze genocide del regime iraniano dall'Iraq”

EIFA: “Dobbiamo cacciare le forze genocide del regime iraniano dall’Iraq”

Stati Uniti e Unione Europea devono agire urgentemente per scacciare le forze armate iraniane dall’Iraq ed impedire che il Medio Oriente si trasformi in un “pantano di guerre settarie”, ha esortato l’ European Iraqi Freedom Association (Associazione Europea per la Libertà Irachena).

Struan Stevenson, Presidente della European Iraqi Freedom Association, ha detto che fintanto che le milizie fiancheggiate dall’Iran opereranno impunemente in Iraq, le violazioni dei diritti umani continueranno ad aumentare in tutta la regione.

Sull’Huffington Post ha scritto: “Mentre continua il conflitto in Iraq, l’Iran continua a fare di tutto per per raggiungere i suoi obbiettivi nella regione.

“Il numero sempre crescente di membri del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Iraniane e le loro attività militari in Iraq rivelano la tremenda portata dell’ingerenza del regime iraniano.

“La morte del comandante dell’IRGC Hamid Taqavi nella città irachena di Samarra e la presenza del comandante della forza terroristica Quds Qasem Soleimani in Iraq, sono tutti segnali inquietanti dell’interferenza di Tehran”, ha detto.

Stevenson ha citato una fonte vicina al leader supremo iraniano, l’ayatollah Ali Khamenei, la quale ha detto al Washington Post: “L’Iran ha inviato più di 1000 consiglieri militari e unità di élite in Iraq, ha condotto attacchi aerei ed ha speso più di un miliardo di dollari in aiuti militari”.

“La Resistenza Iraniana aveva stimato le forze dell’IRGC in Iraq in 7000 elementi”, ha detto.

Ed ha aggiunto: “Sarebbe ingenuo presumere che lo scopo di Tehran nell’inviare truppe in Iraq sia semplicemente quello di combattere lo Stato Islamico.

“Il suo scopo è quello di espandere il suo dominio e la sua influenza in Iraq, una politica che il regime iraniano sta perseguendo sin dalla creazione della Repubblica Islamica avvenuta nel 1979.

“Negli ultimi giorni la forza terroristica Quds e le milizie ad essa legate, hanno dato il via ad una campagna di sterminio senza precedenti contro la popolazione sunnita in diverse province irachene. I massacri provocati dagli agenti e dai paramilitari della forza Quds sono persino peggiori delle atrocità dell’ISIS.

“Fintantoché le milizie fiancheggiate dall’Iran, come Asa’ib al-Haq, Kata’ib Hezbollah e Badr, saranno autorizzate ad agire impunemente in Iraq, le violazioni dei diritti umani continueranno ad aumentare e le fiamme della guerra settaria verranno alimentate. I comandanti di queste milizie, insieme ai loro padroni iraniani Qasem Soleimani e l’ayatollah Khamenei, sono colpevoli di questi e di moltissimi altri crimini simili in Iraq.

“L’amministrazione Obama e l’Unione Europea devono rompere il loro silenzio e il loro immobilismo verso questi crimini e devono adottare misure concrete per aiutare il nuovo Primo Ministro iracheno Hadair al-Abadi a scacciare il regime iraniano dall’Iraq. Se non ci riusciranno, trasformeranno il Medio Oriente in un pantano di guerre settarie senza fine”.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,935FollowersFollow