mercoledì, Febbraio 8, 2023
HomeNotizieIran NewsIl Campo Liberty ?

Il Campo Liberty ?

Da leggere, Aprile 2012 – Mentre manca un mese, prima del termine per la chiusura di Ashraf, alla fine di aprile, annunciata dal primo ministro iracheno, le autorità irachene hanno cominciato a minacciare i residenti di Ashraf perché si trasferiscano con la forza a Campo Liberty. Nessuna delle garanzie minime che i residenti di Ashraf avevano cercato, è stato raggiunto. In effetti, si sono lasciati con solo due opzioni: massacro e morte ad Ashraf o la morte graduale in un luogo chiamato Liberty, sotto il nome e la supervisione delle Nazioni Unite. L’Unione Internazionale degli Avvocati in 110 paesi, il Comitato Internazionale “In Search of Justice” (ISJ), più di 10.000 sindaci europei in Francia , Belgio, e Italia e personalità politiche, militari e giudiziari hanno descritto Liberty come una prigione o un “campo di concentramento”.
1° marzo, l’ISJ ha sottolineato, “Contrariamente a quanto affermato il 31 gennaio e le promesse fatte dal Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Liberty non soddisfa gli standard dei diritti umanitari ed umani ed è un complesso fortemente fatiscente che ha bisogno di ricostruzione totale . L’ampia presenza delle forze armate irachene, molte telecamere di sorveglianza e la mancanza di libertà di movimento hanno trasformato il campo in una prigione virtuale, che ha suscitato l’indignazione nella comunità mondiale e nel Parlamento europeo “.
E’ degno di nota che nel suo discorso 28 Dicembre 2011 ai residenti di Ashraf, rappresentante speciale del Segretario Generale dell’ONU in Iraq, Martin Kobler, aveva scritto, “Come’ richiedenti asilo ‘, avranno diritto ai sensi del diritto internazionale, di godere di protezioni di base e a star bene. Sono a conoscenza della vostra richiesta per il rispetto della vostra privacy, per quanto riguarda in particolare le donne”.
Ci sono sei posti di polizia supplementari con guardie armate irachene con mitragliatrici pesanti all’interno del campo che si impegnano in pattuglie da 50 a 60 volte al giorno.
 Il Vice Presidente del Parlamento europeo e Presidente del Comitato Internazionale in cerca di giustizia (ISJ), Alejo Vidal Quadras ha annunciato che “una campagna di diffusione di menzogne” è stata avviata, “con l’intenzione di biasimare gli abitanti di Liberty responsabili dello stato attuale delle cose. “
Il Presidente Rajavi ha informato il segretario Clinton che, se le garanzie minime non vengono fornite a Campo Liberty, tutti i residenti di Ashraf e Liberty sono pronti a lasciare l’Iraq con le loro beni mobili e spostarsi temporaneamente sul lato giordano del confine sotto il controllo del Comitato Internazionale della Croce Rossa e dell’UNHCR.

Per garantire che il governo giordano mantenga il controllo e si senta garantito, l’area sarà recintata dai residenti, che non lasceranno gli edifici fino a che non siano reinsediati in paesi terzi.

Perciò, non ci sarà bisogno a Liberty il centro di detenzione e la catena di problemi e difficoltà. Allo stesso tempo, questo dimostrerà la massima flessibilità da parte del CNRI e degli abitanti di Ashraf e il governo iracheno otterrà anche ciò che desidera di più.

Questo piano non richiede alcun bilancio o costo dato l’ONU, gli Stati Uniti e l’UE sono preoccupati, i servizi e materiale da costruzione saranno intrapresi e pagati per intero dai residenti e sotto la supervisione delle autorità giordane.
Per uscire dalla crisi di Ashraf una volta  per sempre.

Dr. Jamshid Ashough

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,942FollowersFollow