mercoledì, Febbraio 8, 2023
HomeNotizieIran NewsIl Campo Liberty o Prigione?

Il Campo Liberty o Prigione?

Da Leggere – Marzo 2012 – 3400 dissidenti iraniani, da 25 anni vivono in un campo a nord di Baghdad conosciuto con il nome di Ashraf, membri dell’unica opposizione democratica organizzata per poter eliminare il terrorismo Iraniano. I progetti per la chiusura del campo di Ashraf e per il trasferimento dei suoi residenti in un campo chiamato Liberty che è stato velocemente trasformato in una prigione, hanno essenzialmente lo scopo di distruggere l’unica forza di opposizione  per realizzare la pace in Medio Oriente, e di prolungare il dominio dei Mullah nel mezzo di un ciclone di crisi interne e mondiale. In un programma articolato in 7 punti presentato al primo ministro iracheno e ad incontri sia pubblici che privati, Khamenei, il Leader Supremo iraniano, ha sottolineato i suoi due obbiettivi principali. Primo, il ritiro di tutte le forze americane dall’Iraq. Secondo, le 3400 persone affiliate ai Mojahedin del popolo che vivono nel campo di Ashraf devono essere eliminate o estradate in Iran. Con questi due obbiettivi, il regime iraniano sta conseguendo un scopo strategico preciso: il ritiro delle forze americane aiuta Teheran a consolidare la propria egemonia sull’Iraq, permettendogli di riempire un vuoto. La chiusura del campo di Ashraf permetterà ai mullah di eliminare l’unica alternativa democratica e con essa, qualsiasi speranza per stabilire la pace mondiale.
Il tempismo del ritiro delle truppe americane che coincide con la data prevista per la chiusura di Ashraf non è una coincidenza. Ritirando tutte le forze americane dall’Iraq, il presidente Obama ha soddisfatto la prima delle due richieste dei mullah. Tuttavia, la scadenza del 31 dicembre per la chiusura del campo di Ashraf è stata posticipata grazie ad una campagna globale in difesa di Ashraf in Europa ed in America. Sapendo quanto grande sarebbe stato il prezzo di un assalto ad Ashraf, Noori Al-Maliki non ha avuto altra scelta se non di cedere e posticipare questa scadenza fasulla per altri 6 mesi. Questi sviluppi sono stati accolti favorevolmente dalla comunità internazionale, hanno scatenato la rabbia dei mullah di Teheran. Nonostante l’abbandono dei residenti del campo di Ashraf sia avvenuto contro la loro volontà, il 28 dicembre, la Signora Rajavi, la presidente eletta del CNRI, ed in risposta all’affermazione del Segretario Clinton del 25 dicembre, il discorso del 26 dicembre del  Segretario Ban Ki-Moon e la lettera di Martin Kobler ai residenti annunciava, come gesto di buona volontà, la disponibilità del primo gruppo di 400 persone a trasferirsi a campo Liberty.
I documenti indicano che il campo Liberty attualmente è stato trasformato in una
prigione, anche se dovrebbe essere sotto la protezione delle Nazioni Unite. Il campo  sotto controllo Iracheno ha presentato gravi disagi come la rottura della fognatura e la presenza dei serpenti. Nell’ MoU, la zona di camp Liberty che inizialmente comprendeva 40km² è stata ridotta solo a mezzo km quadrato. Tali ostruzioni hanno bloccato il trasferimento dei 400 residenti al camp Liberty.
Il presidente Rajavi ha dichiarato:
Perché una politica efficace riesca a far fronte alle minacce dei mullah, deve tenere in considerazione il destino della loro principale opposizione. I Mojahedin del popolo ed i membri che risiedono nel campo di Ashraf si sono dimostrati il tallone di Achille del regime iraniano e terrorizzano i mullah.

 Dr. Jamshid Ashough
 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,944FollowersFollow