venerdì, Gennaio 27, 2023
HomeNotizieIran NewsI Membri del Parlamento condannano

I Membri del Parlamento condannano

Il Comitato Parlamentare Britannico per la Libertà in Iran, ha condannato l’Iraq per l’esecrabile trattamento dei membri dell’opposizione iraniana che si sono recentemente trasferiti a Camp Liberty, Baghdad, da Campo Ashraf.
Questa mattina, Bardia Amir-Mostofian, 45 anni, ingegnere elettrico e membro del principale gruppo di opposizione iraniano, il PMOI, è morto per arresto cardiaco causato dall’enorme stanchezza dopo un’ordalìa di 48 ore per superare gli ostacoli posti dagli iracheni al raggiungimento di Camp Liberty. Era nel terzo gruppo di residenti di Ashraf che si sono trasferiti a Camp Liberty sotto la supervisione delle Nazioni Unite. Il governo iracheno ha intrapreso una accurata ispezione dei beni appartenenti al gruppo di 400 residenti dalle 08:00 del mattino del 18 Marzo fino a mezzogiorno del 19 Marzo, dopodiché ha iniziato la perquisizione degli individui. Ad un certo punto, le squadre della SWAT irachena hanno attaccato i residenti con dei pungoli elettrici. Il gruppo ha lasciato Ashraf alle 20:15 di Lunedi, ma gli è stato assurdamente impedito di scendere dagli autobus a Camp Liberty fino a che un’ulteriore perquisizione non fosse terminata alle 06:30 di Martedi mattina.

Un medico iracheno a Camp Liberty ha confermato che la morte di Amir-Mostofian è stata causata alla stanchezza e allo stress causati dalle terribili misure alle quali sono stati soggetti i residenti.

La presenza della polizia e dei militari iracheni all’interno del campo lo hanno trasformato  in una prigione e hanno reso la vita insopportabile ai 1200 residenti che attualmente vi si trovano. I rappresentanti del governo iracheno e i responsabili del campo, sono le stesse persone coinvolte nei massacri del 2009 e del 2011 a Campo Ashraf che hanno portato ad un totale di 47 residenti morti.

Nel condannare l’Iraq per i suoi sforzi deliberati a rendere insopportabile la vita per i residenti di Ashraf, per conto del regime iraniano, il comitato trasversale per la Libertà in Iran, sottolinea la responsabilità delle Nazioni Unite e del Rappresentante Speciale per l’Iraq del Segretario Generale ad assicurare il benessere dei residenti. Le Nazioni Unite e gli Stati Uniti non devono essere ciechi quando l’Iraq viola i diritti umani dei residenti di Ashraf e Camp Liberty. Entrambi devono accertarsi che l’Iraq soddisfi le assicurazioni minime richieste dai residenti.

Il Comitato Parlamentare Britannico per la Libertà in Iran
20 Marzo 2012

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,894FollowersFollow