giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeNotizieIran NewsG.B.: “La situazione dei diritti umani in Iran è peggiorata nel 2015”

G.B.: “La situazione dei diritti umani in Iran è peggiorata nel 2015”

Un rapporto del Foreign Office britannico pubblicato mercoledì dice che poco è cambiato nella situazione dei diritti umani in Iran tra Gennaio e Giugno 2015 e che è persino peggiorata in alcuni ambiti.

Citando un’indagine dell’Unione Europea, il rapporto afferma che “nella prima metà del 2015, il numero delle esecuzioni in Iran ha superato il totale del 2014”.

A Maggio l’Inviato Speciale dell’ONU per i Diritti Umani in Iran, il Dr. Ahmed Shaheed e l’Inviato Speciale dell’ONU sulle Esecuzioni Extra-Giudiziali, Christof Heyns, hanno pubblicato un rapporto che condanna il netto aumento dell’uso della pena di morte, sollecitando il regime iraniano a stabilire immediatamente una moratoria sul suo utilizzo, in previsione di abolire totalmente questa pena.

“Tra Gennaio e Giugno ci sono stati molti episodi in cui le autorità iraniane hanno violato il diritto dei loro cittadini alla libera espressione”, afferma il rapporto.

Sulla repressione della libertà di accesso ad internet il rapporto dice: “A Febbraio un esperto del ciber-spazio del Corpo della Guardie Rivoluzionarie Iraniane, ha avvertito gli amministratori delle pagine dei social networks che l’IRGC li stava monitorando molto da vicino”.

“A Marzo, il Centro di Comando per la ciber-sicurezza dell’IRGC per le Indagini sul Crimine Organizzato, ha annunciato i suoi piani per intensificare gli sforzi per monitorare i crimini sui social media. L’unità impiegherà un programma di sorveglianza di nome ‘Spider’ in grado di monitorare i servizi di messaging di Viber e WhatsApp”.

Anche le condizioni carcerarie sono state causa di particolare preoccupazione nella prima metà del 2015.

Sulla libertà di credo e di religione, il rapporto evidenzia il trattamento riservato ai Baha’i e ai cristiani in Iran.

“Coloro che fanno parte del movimento cristiano delle chiese domestiche continuano ad essere minacciati”, dice il rapporto.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,408FollowersFollow