sabato, Dicembre 10, 2022
HomeNotizieIran NewsDichiarazione della Conferenza europeo-americana al Parlamento europeo

Dichiarazione della Conferenza europeo-americana al Parlamento europeo

7 febbraio 2012
 
Una Conferenza europeo-americana è stata convocata su invito dell’intergruppo Amici di un Iran Libero  al Parlamento europeo il 7 febbraio, in relazione alla attuale situazione politica in Iran e nella regione, e la necessità di proteggere i residenti di Ashraf, membri dell’opposizione iraniana . La conferenza è stata presieduta da Jim Higgins, membro dell’Ufficio di presidenza del Parlamento europeo. Decine di parlamentari europei, tra cui Alejo Vidal-Quadras, Vice-Presidente del Parlamento Europeo, Struan Stevenson, capo della Delegazione per le Relazioni con l’Iraq nel parlamento, e molte personalità prestigiose americane come Howard Dean, ex candidato presidenziale degli Stati Uniti e presidente della Convenzione Nazionale Democratica, il Senatore Robert Torricelli, l’ex membro del Congresso degli Stati Uniti Patrick Kennedy e John Bruton ex primo ministro irlandese sono intervenuto alla manifestazione. La presidente eletta della Resistenza iraniana, Maryam Rajavi, era il relatore principale della conferenza. I partecipanti hanno sottolineato i seguenti punti:
1. Dato la rivolta in Siria ha posto il dittatore del paese sull’orlo del collasso e la marea nella regione si sta rapidamente volgendo contro il regime iraniano e il suo governo fantoccio in Iraq, il leader del regime iraniano, Khamenei, ha dichiarato guerra alla comunità internazionale venerdì , 3 febbraio, nell’ incontro di preghiera di venerdì a Teheran e ha annunciato che il suo regime, in violazione di tutte le sanzioni internazionali, continuerà il suo programma di armi nucleari, di ingerenza nella regione, e spingerà a stabilire regimi islamisti nella regione. Ha esortato ancora una volta alla distruzione di Israele e ha sostenuto che gli Stati Uniti sono sull’orlo del collasso.
2. Tale atteggiamento non viene da una posizione di potere, ma riflette la profondità della crisi del regime iraniano e la debolezza che gli impedisce di mostrare ogni flessibilità. Qualsiasi compromesso da parte di questo regime equivale alla sua caduta accelerata ed implosione. Khamenei ha minacciato i suoi rivali interni di sottometterli alla volontà del suo Consiglio dei Guardiani, dato ribolle la società iraniana, con il dissenso e la crisi economica inghiotte il regime. Il suo obiettivo è quello di prevenire l’ennesimo giro di rivolte interne alla vigilia delle elezioni parlamentari farsa del regime. Il Consiglio dei Guardiani è composto da membri nominati direttamente o indirettamente da Khamenei stesso.
3. Il regime iraniano è risoluto alla distruzione dei residenti di Ashraf, membri della principale opposizione iraniana, prima che l’onda del cambiamento raggiunga l’Iraq e l’Iran dalla Siria, in modo che possa affrontare questa sfida più facilmente. Il regime sa bene che il movimento di Resistenza Iraniana è la forza principale che può guidare e trasformare l’enorme dissenso all’interno della società iraniana verso un cambiamento fondamentale per la democrazia.
4. L’esperienza delle rivolte del 2009 e il 2011 ha dimostrato che gli ex membri di questo regime che ora si presentano come il movimento dei Verdi non hanno mai avuto la capacità politica o il coraggio morale di condurre la sollevazione del popolo e in effetti forniscono un servizio al regime di Khamenei per ammortizzare e soffocare il dissenso seminando disperazione tra la gente. Essi cercano di mantenere la struttura attuale regime e la costituzione senza il minimo prezzo e di impiantare se stessi all’interno delle istituzioni del potere.
5. La conferenza del 7 febbraio ha convenuto che la comunità internazionale, in particolare l’UE e gli USA, dovrebbero riconoscere la Resistenza Iraniana e la sua Presidente eletta, come l’opposizione legittima e alternativa democratica al regime iraniano e proteggere i residenti di Ashraf. Questo non è solo un obbligo politico e morale, ma una necessità per raggiungere la pace nel mondo. La signora Rajavi ha giustamente sottolineato che anche se le sanzioni sono assai necessarie, ma la soluzione duratura per liberare il mondo del fascismo religioso che cerca le armi nucleari è un cambiamento di regime e l’instaurazione di una democrazia laica con un atteggiamento non-nucleare. Questo cambiamento può essere raggiunto solo nelle mani del popolo iraniano e la resistenza.
6. La conferenza ha condannato le pressioni rivolte ai residenti di Ashraf per costringerli a trasferirsi a Campo Liberty e ha sottolineato che il prerequisito di qualsiasi trasferimento dei residenti di Ashraf a Liberty era fornire le garanzie minime per i residenti – assicurazioni che sono legittime e ragionevoli e senza le quale Liberty non sarebbe stato nulla di più che una prigione. La libertà di trasferimento di beni mobili e veicoli a Liberty, la mancanza di una presenza della polizia all’interno della piccola area di Campo Liberty, la libertà di movimento, la disposizione una superficie minima di soggiorno, sono i minimi requisiti che se il governo iracheno non è pronto a fornire, mostrerà una sinistra intenzione e quindi escluderebbe qualsiasi cessione da parte dei residenti.
 
7. La conferenza ha espresso grande apprezzamento per l’iniziativa coraggiosa e di buona volontà della signora Rajavi per il trasferimento di 400 residenti con i loro beni mobili e veicoli a Liberty, al fine di preparare la strada per il trasferimento di tutto il resto dei residenti. La conferenza ha espresso la speranza che il governo iracheno accetti quest’iniziativa generosa e ricambi con buona volontà. Senza fornire tali condizioni, il trasferimento del resto dei residenti non sarà possibile.
8 – La conferenza ha sottolineato considerando tutte le limitazioni e i pericoli che esistono in Liberty, che sostiene con forza una soluzione secondo cui a seguito del trasferimento dei primi 400 residenti a Liberty, il secondo gruppo sarebbe stato trasferito solo quando il primo gruppo avrà lasciato Liberty per paesi terzi. In altre parole, a Liberty, non ci saranno mai più di 400 persone.
9 – La conferenza, riconoscendo gli sforzi del Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite, l’Ambasciatore Martin Kobler, per quanto riguarda Campo Ashraf, sottolinea che si dovrebbe considerare il fatto che i residenti di Ashraf, la leadership del campo e la signora Rajavi hanno dimostrato massima flessibilità e cooperazione e hanno rinunciato a molti diritti in questo modo. E’ arrivato il momento che Kobler ha preso una posizione imparziale e ha coraggiosamente difeso i diritti minimi dei residenti di Ashraf trascurando le reazioni del governo iracheno e del regime iraniano. Ha la comunità internazionale dalla sua parte e senza dubbio può raggiungere i minimi requisiti se mette da parte le considerazioni politiche.
La conferenza si rammarica del fatto che il Memorandum d’Intesa sia stato firmato il 25 dicembre senza il consenso o la consapevolezza dei residenti, e che sia stato annunciato che Campo Liberty sarebbe stato pronto in una dichiarazione rilasciata il 31 gennaio, ancora una volta senza la conoscenza dei residenti, mentre il campo non soddisfa i diritti umani internazionali e delle norme umanitarie. A questo proposito la conferenza, al fine di chiarire ogni equivoco, ha chiesto che un “Documento Esecutivo delle Modalità di Trasferimento” venga firmato dal Rappresentante Speciale, dai rappresentanti dei residenti, e dal governo dell’Iraq per impedire all’Iraq di violare gli impegni orali come ha fatto in passato.
10 – La conferenza ha plaudito alla posizione dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati e l’UNHCR ha chiesto di avviare la riaffermazione dello status di rifugiati dei residenti di Ashraf che si opponevano alla limitazione imposta dal governo iracheno. Per oltre 5 mesi questo processo, che è necessario per reinsediare i residenti di Ashraf, è stato bloccato.
11 – La conferenza ha accolto e apprezzato le considerazioni di valore da parte del Segretario Generale delle Nazioni Unite su Ashraf e ha chiesto a lui e al Consiglio di Sicurezza dell’ONU di condannare le limitazioni imposte contro l’UNAMI e l’UNHCR, da parte del governo iracheno e aiutare il Rappresentante Speciale ad adottare misure forti ed efficaci nei confronti di una soluzione pacifica per il rilascio di Ashraf, ignorando le pressioni del governo iracheno e del regime iraniano.
12 – La conferenza ha inoltre invitato l’Alto Rappresentante dell’Unione europea Catherine Ashton, il Segretario di Stato Clinton e il governo degli Stati Uniti ad assumere un ruolo più attivo in questo senso, a sostenere le Nazioni Unite e l’Ambasciatore Kobler, a fornire le fonti necessarie per l’UNHCR, e iniziare il processo di accettazione dei residenti di Ashraf specialmente i malati e feriti in modo rapido. Il governo degli Stati Uniti è stato appositamente chiamato a rimuovere l’etichetta illegale e illegittima terroristica contro l’Organizzazione dei Mojahedin del popolo, PMOI, al fine di rimuovere il principale ostacolo sulla via di reinsediamento dei residenti in paesi terzi ed eliminare la scusa principale di al-Maliki per sopprimerli. Con la leva economica e politica a disposizione, la comunità internazionale e in particolare gli Stati Uniti non dovrebbero consentire al governo di al-Maliki, che ha preso il potere e lo mantiene con l’aiuto degli Stati Uniti, di massacrare gli abitanti indifesi di Ashraf, che gli Stati Uniti hanno accettato la responsabilità della loro protezione legalmente e ufficialmente nel 2003.

Amici di un Iran Libero
Parlamento europeo
Bruxelles

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,487FollowersFollow