lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeNotizieIran NewsCon la massima flessibilità richiesta dalla signora Rajavi, 400 residenti di Ashraf...

Con la massima flessibilità richiesta dalla signora Rajavi, 400 residenti di Ashraf sono in attesa che gli Stati Uniti, le Nazioni Unite, l’Unione europea e il governo iracheno accettino e sottoscrivano il ‘Documento Esecutiva

per gli Accordi di Trasferimento’ a Campo Liberty

CNRI – Il 2 febbraio, pur accogliendo favorevolmente la proposta delle Nazioni Unite per il dialogo con il governo iracheno per fornire garanzie minime per il trasferimento dei residenti di Ashraf a Campo Liberty, la signora Maryam Rajavi, Presidente eletta della Resistenza iraniana, ha sottolineato ancora una volta la disponibilità di 400 residenti di Ashraf ad essere trasferiti a Campo Liberty assieme ai loro veicoli e beni mobili nel contesto della dichiarazione dell’UNHCR del 1 ° febbraio. Ha chiamato per la firma del ‘Documento esecutivo per accordi di trasferimento’ che incarna “standard umanitari e dei diritti umani”. Il Memorandum d’Intesa firmato il 25 dicembre 2011 da Kobler, e il governo iracheno dice esplicitamente: il Governo iracheno assicura “I luoghi di transito soddisfano i diritti umanitari e umani”, mentre nessuno ha ancora certificato queste norme in materia di Campo Liberty.
 Il 4 febbraio, il ‘Documento esecutivo per gli Accordi di Trasferimento’ è stato discusso in dettaglio con i funzionari delle Nazioni Unite in modo che dopo che è stato concordato con il governo iracheno, un primo gruppo di residenti di Ashraf possa andare a Campo Liberty.
Il 6 febbraio, un rappresentante del Governo iracheno e il Vice SRSG hanno parlato con i consiglieri rappresentativi e giuridici dei residenti di Ashraf presso la sede del battaglione iracheno fuori dal campo per quanto riguarda le modalità di trasferimento. Tuttavia, nulla è stato firmato e ancora ultimato ed è stato rimandato ai prossimi negoziati.

Mohammad Mohadessin, Rappresentante dei residenti di Ashraf fuori dall’Iraq, ha detto in risposta ai giornalisti in proposito: i funzionari delle Nazioni Unite sanno bene che i residenti di Ashraf, che hanno annullato molti dei loro diritti, su richiesta della signora Rajavi, sono in attesa che gli Stati Uniti, l’ONU, l’UE e le autorità irachene che accettino e firmino il ‘Documento Esecutivo per gli accordi di Trasferimento’ a Campo Liberty. Successivamente, il primo gruppo di 400 residenti – mostrando la massima flessibilità sul numero di veicoli e camion necessari per l’avvio di Campo Liberty il quale non dispone di acqua per bere o lavarsi – si muove entro una settimana.
 
Il 7 febbraio, la conferenza del Parlamento europeo-americano presso il Parlamento europeo ha annunciato nella sua dichiarazione: “Il campo non soddisfa gli standard internazionali sui diritti umani e le norme umanitarie. A questo proposito la conferenza, al fine di chiarire ogni equivoco, ha chiesto un “Documento Esecutivo delle Modalità di Trasferimento” deve essere firmata dal Rappresentante Speciale, dai rappresentanti dei residenti, e dal governo iracheno per impedire all’Iraq di violare gli impegni orali  che ha fatto in passato. “
Vale la pena notare che, riferendosi all’impedimento del governo iracheno fin dall’inizio di questo processo ad Ashraf, l’UNHCR ha sottolineato nella sua dichiarazione il 1° febbraio per quanto riguarda la determinazione dello status di rifugiati dei residenti di Ashraf: “La stipula del governo iracheno non toglie che questi processi avvengano fuori dal Campo di Nuovo Iraq, nella nuova postazione che si sta fornendo per consentire ai residenti di trasferisi volontariamente lì e su base temporanea in condizioni sicure e dignitose. L’UNHCR è stato avvisato sugli aspetti tecnici del miglioramento delle infrastrutture del campo.
 
L’UNHCR attribuisce estrema importanza che vengano trovate soluzioni pacifiche, tra cui che qualunque delocalizzazione al di fuori Campo Nuovo Iraq proceda su base volontaria, con la libertà di movimento, con lo stato più desiderabile al sito di delocalizzazione “.
I residenti di Ashraf, le loro famiglie, i loro avvocati, i manifestanti del sit-in a Ginevra e a Washington, i comitati regionali e internazionali in difesa dei diritti dei residenti di Ashrafdi sollecitare il Segretario Clinton, la baronessa Ashton e il Segretario Generale Ban Ki-moon per sostenere la firma del ‘Documento Esecutivo delle Modalità di Trasferimento’ dal governo iracheno in modo che il rapito trasferimento dei residenti di Ashraf a Campo Liberty sia possibile e garantito.
Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
8 febbraio 2012

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow