giovedì, Gennaio 26, 2023
HomeNotizieIran NewsChe cos’è il valore di una promessa delle Nazioni Unite? Il costo...

Che cos’è il valore di una promessa delle Nazioni Unite? Il costo dei Giochi delle Nazioni Unite

Allan Gerson * Il 24 luglio, le Nazioni Unite hanno emesso un comunicato stampa in cui dichiaravano che la loro missione in Iraq, UNAMI, ha presentato una “roadmap” per il governo dell’Iraq nel trattare con il trasferimento “temporaneo” del Mujahedin-e Khalq (OMPI/ MEK) – un importante gruppo di opposizione ai mullah iraniani –  a un campo profughi squallido chiamato “Liberty”, a 40 chilometri, nei pressi dell’aeroporto internazionale di Baghdad. Il comunicato stampa continua a lodare i suoi sforzi umanitari, affermando che la tabella di marcia è costituita da “una serie di passi per completare il trasferimento pacifico degli esuli iraniani da Campo Ashraf a Campo Hurriya [Liberty].” Citando il Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per l’Iraq, l’ambasciatore Martin Kobler, esso dice: “Il nostro impegno è strettamente umanitario per facilitare una volontario, temporaneo trasferimento dei residenti di Campo Hurriya come primo passo verso i Paesi di reinsediamento fuori dall’Iraq” Egli chiede che il governo iracheno “sia generoso quando si tratta dei bisogni umanitari dei residenti”.

Ma questo “strettamente umanitario” e “volontario” sforzo arriva a un tiro di schioppo. Si rivolge ai residenti MEK di Campo Ashraf che sono stati comprensibilmente riluttanti a passare a Campo Liberty fino a quando i bisogni umanitari di base di cibo, acqua, elettricità, riparo e agevolazioni a favore dei disabili siano comunque soddisfatti. Sono stati attaccati già due volte dalle forze irachene negli ultimi due anni e con quasi 50 morti e feriti come vittime.

Se l’impegno delle Nazioni Unite fosse stato “strettamente umanitario”, non avrebbe mai sostenuto il spostamento dei residenti di Campo Ashraf a Campo Liberty. Nessuno scopo è servito con una tale mossa. Per decenni, il MEK ha vissuto pacificamente nella sua dimora di Campo Ashraf, una piccola città che ha costruito da solo.

Nessuna linea guida è stata offerta a coloro che vengono invitati a trasferirsi per il risultato finale. Nessuna misura di protezione o garanzia per un futuro di pace è stato fornita. Invece essi hanno solo ripetuto le minacce di muoversi senza ritardo, o affrontare le amare conseguenze.
Dopo sei mesi, durante i quali questo “trasferimento temporaneo” si è verificato, il meglio che l’UNAMI ha da offrire è una “roadmap” che si rivolge a malapena ai bisogni umani fondamentali come l’acqua e l’alimentazione, ignorando ogni seria indicazione sul risultato finale.

Infatti, la “roadmap” è solo a favore di Nazioni Unite e il governo iracheno. La verità è che i residenti di Campo Ashraf rimangono nel limbo per quanto riguarda il reinsediamento finché non vengono cancellati dalla lista dell’Organizzazioni Terroristiche Straniere del Dipartimento di Stato. Nessun Paese sarà ben lieto di tenere le persone che rimangono in tale elenco. E infatti, nessun Paese ha fatto un passo avanti, nonostante il fatto che circa 300 residenti hanno già ottenuto lo status di rifugiati da parte dell’UNHCR. L’ironia è che l’ONU ponga l’onere sul MEK per garantire che il trasferimento sia tranquillo, quando alti funzionari delle Nazioni Unite hanno chiarito che al ritmo attuale, ci vorranno 10 anni per completare questa nuova sistemazione “temporanea”.

Bisogna considerare un lusso la fornitura dei più elementari diritti umani, un atto di “generosità” da parte del fornitore? L’ONU sembra pensarla così. Non si tratta di “generosità”. Prendendo i vestiti alle spalle di una persona, spogliandola di uno dei suoi beni, facendola spostare attraverso il deserto iracheno a 130 gradi di temperatura, mentre pendeva la promessa di assistenza, alla fine, non ha nulla a che fare con generosità .

Rimane solo una cosa per l’ONU, agire come un mediatore neutrale, un arbitro sul ring con il governo iracheno e il MEK. Ma quando l’ONU dà licenza al governo iracheno di fare ciò che vuole con il MEK, l’ONU non è migliore del governo iracheno, in attesa che il MEK si esaurirsi in suppliche disperate fino a quando non resta altra scelta che essere abbattuto, essere rimpatriato in Iran e il cappio del boia.

Se l’ONU è del tutto serio, deve cominciare a fornire una luce alla fine del tunnel. Va ricordato che i residenti di Campo Ashraf non sono meno meritevoli di una vera assistenza umanitaria. Dove di preciso queste persone saranno trasferite? Quanto tempo ci vorrà? Per come stanno ora le cose, parole vuote e gesti vuoti non solo si ritorceranno contro i poveri residenti di Campo Ashraf, ma contro le stesse Nazioni Unite.

C’è la questione dell’onestà di ciò che un’organizzazione dice e fa e se l’ONU non è in grado di tener fede alla sua promessa di un trasferimento umano e rapido, può abbandonare le sue sembianze di faro della speranza degli oppressi. Giacché l”umanitarismo” nel linguaggio dell’ONU è solo un artificio per prendere tempo mentre i veri bisogni umanitari vengono ignorati.

* Allan Gerson è il presidente di AG Diritto Internazionale, PLLC a Washington DC Attualmente è impegnato con altri avvocati in rappresentanza dell’OMPI / MEK nei suoi sforzi per essere rimosso dalla lista delle Organizzazioni Terroristiche Straniere del Dipartimento di Stato.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,872FollowersFollow