lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeNotizieIran NewsAnnan ... e il suo insegnante al-Assad

Annan … e il suo insegnante al-Assad

Asharq Al-Awsat – Di Tariq Alhomayed
E’ chiaro che la rivoluzione siriana ha coinvolto Annan – insieme con le sue iniziative e piani- negli affari siriani. E’ come se oggi Annan stesse cercando di rubare il lavoro di Walid Muallam, perchè quello che sta facendo per salvare al-Assad è molto più tangibile di tutto ciò che è in grado di fare Muallam, in particolare perché l’ultima iniziativa Annan verso la Siria non avrebbe concesso al-Assad un’opportunità, ma piuttosto l’avrebbe completamente salvato! Pertanto, parlare di calmare la situazione nel paese in uno “passo dopo passo” significa che Annan intende rafforzare al-Assad a terra dopo che il suo controllo della Siria ha cominciato a scivolare. Per quanto riguarda la dichiarazione di Annan che dobbiamo raccogliere le armi che si trovano nelle “mani sbagliate”, questo è stato spaventoso e provocatorio, perché Annan vuole dire che l’opposizione siriana è un opposizione armata e terrorista, come al-Assad ha sempre affermato? Ciò significa che Annan ha iniziato ad adottare le posizioni di al-Assad, e la sua retorica! Cosa che è ancora più pericolosa di tutto questo è che Annan vuole continuare a perseguire la sua iniziativa, senza mettere un limite di tempo in atto, o portare l’iniziativa al Consiglio di Sicurezza dell’ONU ai sensi del capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite, che autorizza l’uso della forza militare. Senza questo, qualsiasi nuova iniziativa non avrebbe senso.

Tuttavia gran parte del sospetto che circonda le posizioni di Annan scompare quando leggiamo e contempliamo ciò che è stata pubblicato dal giornale libanese al-Akhbar di questa settimana. Il giornale inizialmente pubblicato il verbale della riunione tra al-Assad e Annan, e poi il giorno dopo ha rilasciato una ritrattazione. Questo è qualcosa a cui ci siamo abituati dal regime di Bashar al-Assad, e dai giornali affiliati ad esso, per non parlare dei giornali affiliati a Hezbollah in Libano. Vorremmo inizialmente visualizzare informazioni filtrato e emerso sulle riunioni di al-Assad con i visitatori, e poi seguendo questo si direbbe che queste informazioni sono state prese fuori dal contesto o che le parti in seno al regime di al-Assad stavano tentando di evidenziare la sua posizione. Tuttavia queste sono menzogne e trucchi a cui ci siamo abituati da parte del regime di al-Assad. Il regime di al-Assad ha utilizzato questa politica, quando ha promosso la menzogna della riforma durante i primi giorni del suo dominio a Damasco, così come dopo l’assassinio di Rafiq Hariri, e in effetti durante ogni recente crisi in Libano e Iraq. Al-Assad ha inoltre utilizzato questa tattica per quanto riguarda i suoi incontri con Saudi Arabian, i visitatori turchi e francesi di recente, e altri.

L’articolo del giornale al-Akhbar ha raffigurato Annan come se fosse uno studente ad ascoltare il suo insegnante, Bashar al-Assad, che stava proponendo un’idea dopo l’altra per lui. Al-Assad è apparso rilassato e fiducioso, mentre Annan ha farfugliato risposte e ammirazione. Ciò che è anche peggio di questo, quello è stato riportato in merito svilimento da parte di Annan dell’opposizione siriana al Cairo, e la sua descrizione dei rivoluzionari siriani come gruppi armati terroristici sostenuti dall’estero. Come se massacri e crimini contro l’umanità non si svolgessero in Siria, e ciò che sta accadendo nel paese non è un vero disastro, l’articolo ha anche mostrato il tiranno di Damasco beffare Segretario di Stato americano Hillary Clinton e denigrare esplicitamente lo stato del Qatar. La notizia ha inoltre affermato che Annan ha partecipato a questo. Questo è stato pubblicato in un articolo di un giornale con ben noti legami con il regime al-Assad e con i suoi alleati in Libano.

Pertanto la posizione di Annan significa che la situazione è sempre più urgente, e questo per salvare il popolo siriano da Annan stesso, quanto dal tiranno di Damasco. La semplice ragione di ciò è che, mentre al-Assad uccide, Annan giustifica ed esprime rammarico. Ciò riporta alla mente il famoso proverbio [arabo] che dice “se si uccide una persona allora si deve cercare l’aiuto di un avvocato, ma se si uccide decine allora si deve cercare l’aiuto di una lobby, che effettuerà campagne di propaganda a vostro nome.” Questo è ciò che al-Assad sta facendo oggi, grazie all’approccio di Annan.
 
 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,447FollowersFollow