venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeNotizieIran News“Ambasciata Iraniana” all’interno del Parlamento Europeo

“Ambasciata Iraniana” all’interno del Parlamento Europeo

Official Wire
Pubblicato il 6 Aprile 2012
di Frank Demeyer

BRUXELLES (BELGIO)
OfficialWire News Bureau
Il meeting della scorsa settimana della Delegazione del Parlamento Europeo per le Relazioni con l’Iran, è stato teatro di un insolito scontro tra la fazione pro-Iran capeggiata dal gruppo dei Verdi e quelli che vogliono vedere un cambiamento essenziale. In discussione c’era l’elezione di un vice-presidente della Delegazione, posto lasciato vacante da quando un membro tedesco che lo occupava a nome del maggiore gruppo politico, il Partito Europeo del Popolo (EPP) di centro-destra, ha lasciato recentemente il parlamento.
Secondo la regola di d’Hondt – un metodo che mantiene la proporzionalità dei seggi in base all’entità di ciascun gruppo politico –  la carica doveva andare ad un Membro del Parlamento Europeo (MEP) del l’EPP. Josef Daul, il Presidente dell’EPP francese, aveva ufficialmente proposto l’italiano Potito Salatto per questa carica.
Durante la sessione di Febbraio della “Delegazione Iran”, la belga Isabelle Durant del gruppo dei Verdi e altri tre MEP, avevano richiesto uno scrutinio segreto, un atto insolito dato che c’era un solo candidato e perciò non vi era competizione. Ma la ragione è divenuta chiara nel momento in cui è stato annunciato il risultato. Salatto è stato testimone della maggioranza dei voti contro la sua candidatura in qualcosa che è stato visto come un “coup” senza precedenti.
Il perché i MEP abbiano scelto di votare contro Salatto è apparso chiaro nel meeting della scorsa settimana, quando il nuovo ambasciatore iraniano Mahmoud Barimani, è stato invitato alla Delegazione. L’ambasciatore aveva osteggiato la candidatura di Salatto poiché lo considerava troppo critico nei confronti della Repubblica Islamica.
La Delegazione per l’Iran e la sua attività pro-Tehran risale allo scorso decennio quando l’Ambasciata Iraniana a Bruxelles lavorò duramente per formare una delegazione ufficiale per le relazioni con il Parlamento Europeo. Creata quando è entrato in carica Ahmadinejad, la Delegazione ha lavorato duramente per minare le sanzioni all’Iran e organizzare viaggi a Tehran.
Un altro ospite a sorpresa al meeting della Delegazione della scorsa settimana, è stato Rouzbeh Parsi, fratello di Trita Parsi, un famoso sostenitore del “riavvicinamento” alla Repubblica Islamica, a capo della principale lobby di Tehran a Washington chiamata NIAC. Trita ha  appena perso una causa a Washington DC contro gli esuli iraniani che aveva accusato di diffamarlo in quanto capo di una lobby di regime.
Come suo fratello, anche Rouzbeh frequenta i  meeting del NIAC negli USA, mantiene stretti contatti con l’ambasciata iraniana a Parigi ed ha ottenuto una carica influente nella cerchia dei politici dell’UE che si occupano della politica iraniana. Dal Giugno 2009, è  un Research Fellow dell’Istituto per la Sicurezza dell’Unione Europea che si trova a Parigi. Appoggia  l’aumento dei rapporti commerciali e degli impegni con l’Iran nonostante la nuova politica dell’UE che inasprisce le sanzioni mentre distoglie il sostegno alla vera opposizione.
Durante il meeting della scorsa settimana, Mario Mauro, leader del gruppo dell’EPP italiano, ha ferocemente accusato la Delegazione per l’Iran di essere divenuta “la rappresentante dell’Ambasciata Iraniana all’interno del Parlamento Europeo”.
La persona che principalmente ha diretto la campagna contro Salatto, è un membro dello staff dei Verdi tedeschi, Sabine Meyer, che gli osservatori hanno definito la “leader de-facto” della Delegazione. Il suo contatto iraniano è Anwar Mir Sattary, un auto-dichiaratosi attivista per i diritti umani appartenente al partito degli Eco-Verdi belga.
Ex-membro del gruppo marxista-leninista “Rah-e Kargar” ed in seguito membro della Maggioranza Fedayaan – una ramificazione del partito comunista Tudeh che lodava l’Ayatollah Khomenei come progressista e anti-imperialista, Sattari è oggi uno dei più ricchi iraniani in Belgio. La sua compagnia di taxi gestisce 11 taxi a Bruxelles e porta, solo a lui, circa €50.000 al mese.
Gestisce anche tutta una serie di attività culturali, organizzando eventi e cerimonie iraniane in Belgio. Le sue:  Associazione Culturale Persepolis, Federazione Europerse, il Centro per i Rifugiati Iraniani, il Centro per la Difesa dei Diritti Umani in Iran, l’Unione delle Associazioni Iraniane ecc., sono state create a questo scopo.
Nel Parlamento Europeo, ha aiutato la sua cara amica Sabine Meyer, ad organizzare diversi meeting contro i rifugiati di Campo Ashraf in Iraq, membri della principale opposizione PMOI/MEK.
A Giugno del 2009, l’infame Ministro degli Esteri iraniano Manouchehr Mottaki, è stato fischiato al Parlamento Europeo dai MEP che agitavano le immagini di Neda Agha Soltan, la giovane studentessa iraniana massacrata dalla Guardie Rivoluzionarie durante la protesta pro-democrazia del Giugno 2009. La Durant, di contro, ha dato un controverso pranzo in onore di Mottaki lo stesso giorno.
Nel Dicembre 2009, Mir Sattari insieme alla Meyer avevano preso degli accordi per portare in parlamento Batoul Soltani. Ex-membro del PMOI, la Soltani era stata mandata dall’Iran per prendere parte al meeting della Delegazione per l’Iran allo scopo di demonizzare il PMOI. Alla fine del dibattito Geoffrey Van Orden un vecchio conservatore britannico, ha criticato la trappola: “Io non sono un fan del PMOI, ma riconosco a naso la propaganda sponsorizzata dal governo e mi dispiace che questa Delegazione stia divenendo uno strumento della disinformazione di Tehran”.
Durante una conferenza il mese scorso a Parigi, il Colonnello Leo Mc Closkey, che ha prestato servizio nella forza americana di protezione di Campo Ashraf, ha rivelato come la Soltani fosse stata reclutata dall’Iran e rimandata ad Ashraf “per conto della Forza Quds (Gerusalemme) –  una ramificazione delle Guardie Rivoluzionarie Iraniane, come agente del governo iraniano”.
La decisione su chi avrà la vice-presidenza della Delegazione per l’Iran, sarà nuovamente in agenda nella sessione di Aprile.

http://news.officialwire.com/main.php?action=posted_news&rid=318691

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow