mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeSecret AgentsTRACCIARE LA RETE DI INFLUENZA DELL’IRAN NELLA POLITICA EUROPEA INTENSA CAMPAGNA PER...

TRACCIARE LA RETE DI INFLUENZA DELL’IRAN NELLA POLITICA EUROPEA INTENSA CAMPAGNA PER DIFFAMARE L’OPPOSIZIONE DEMOCRATICA

iran lobby expert regime (1)

Prefazione
In un mondo in cui i confini tra verità e narrazione sono sempre più sfumati, le politiche decennali nei confronti del regime teocratico iraniano e della sua principale opposizione, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI), nota anche come Mujahedin-e Khalq (MEK), il principale membro della coalizione democratica Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI), sono state fondamentali ma spesso fraintese e fuorviate nell’arena geopolitica. Queste politiche hanno influenzato in modo significativo sia l’approccio degli Stati Uniti che quello dell’Europa nei loro confronti.
Alla fine di settembre 2023, la rivelazione di scambi di e-mail tra una serie di “esperti iraniani” e funzionari del ministero degli Esteri del regime iraniano è stata molto scioccante. Ha rivelato un fatto inquietante che i governi e le istituzioni europee si basavano su analisi e raccomandazioni per la loro politica sull’Iran da parte degli stessi esperti che, secondo questa rivelazione, facevano parte di una rete creata dall’Iran.
Queste e-mail rivelano l’iniziativa segreta del regime iraniano, con il pretesto dell’“Iran Experts Initiative” (IEI), che si è infiltrata strategicamente nei circoli politici e nei media occidentali per promuovere gli interessi di Teheran, compreso il suo programma nucleare.
Avviata nella primavera del 2014 dal Ministero degli Esteri iraniano, l’IEI rappresenta uno sforzo sofisticato per rimodellare l’immagine globale di Teheran e promuovere i suoi obiettivi strategici. Al timone di questa operazione c’erano funzionari iraniani, tra cui Saeed Khatibzadeh, consigliere dell’ex ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif, che ha lavorato meticolosamente per coltivare relazioni con accademici e ricercatori stranieri. Questo impegno calcolato mirava a propagare le narrazioni dell’Iran all’interno dei forum politici internazionali e dei media, una missione che avrebbe avuto profonde implicazioni per la diplomazia e la sicurezza globali.
Le e-mail trapelate scambiate tra diplomatici e analisti iraniani coprono quasi due decenni, dal 2003 al 2021. Queste e-mail, che erano in possesso di Mostafa Zahrani, un tempo direttore generale degli affari strategici del ministero degli Esteri iraniano, scoprono una rete di individui che fungono da canali per le narrazioni iraniane. Tra loro c’erano accademici e ricercatori che in seguito sono saliti a posizioni di rilievo nel governo degli Stati Uniti e in think tank e istituzioni europee, influenzando sottilmente ma significativamente le decisioni politiche dall’interno.
L’illusione dell’Occidente su un’inesistente fazione moderata all’interno del regime teocratico in Iran e il successivo approccio conciliante nei confronti dell’Iran avevano gettato le basi per l’operazione di influenza del regime attraverso questi esperti.
L’esame delle loro analisi e raccomandazioni politiche alle istituzioni europee, così come dei loro articoli su media tradizionali e post sui social media, rivela una strategia su due fronti: sostenere le narrazioni di Teheran su varie questioni, tra cui la questione nucleare o le attività maligne dell’Iran nella regione, senza un sostegno diretto al regime, e diffondere la falsa idea che non ci sia un’opposizione unita e vitale. Questa campagna orchestrata mira a demonizzare l’opposizione democratica del CNRI e la principale forza per il cambiamento, il MEK. L’obiettivo è suggerire che, in assenza di un’alternativa praticabile, l’unica opzione sia migliorare le relazioni con il regime e ignorare le sue attività maligne e distruttive
È molto inquietante che alla teocrazia al potere in Iran sia stato permesso di condurre questa operazione di influenza in Europa, in parte finanziata dai contribuenti europei, per sostenere la narrazione del regime iraniano. Ciò detto, questa operazione dimostra anche la vulnerabilità del regime dal punto di vista politico e la sua paura dell’opposizione democratica, che cerca disperatamente di demonizzare.
La politica nei confronti del regime iraniano è stata, a dir poco, quella di un’interazione continua, spesso mascherata da dialogo critico, rapporto costruttivo o contenimento. Nel frattempo, l’opposizione iraniana, in particolare l’OMPI/MEK e il CNRI, è stata in gran parte ignorata come alternativa credibile a questo regime che non solo opprime il suo stesso popolo, ma rappresenta anche una grave minaccia per la stabilità regionale e globale. Questa minaccia non è dovuta solo alle sue attività maligne al di fuori dei suoi confini, ma anche alla sua incessante ricerca di armi nucleari e dei mezzi per lanciarle.
Questa prefazione funge da preludio a un documento che approfondisce le specifiche dell’IEI ed esplora le implicazioni più ampie di tali operazioni segrete. Invita a una comprensione più profonda dei meccanismi attraverso i quali i governi stranieri possono esercitare influenza e indica la necessità di misure rigorose per salvaguardare i processi e le istituzioni democratiche da tali interventi. Mentre i lettori intraprendono questo viaggio attraverso le ombre della diplomazia internazionale, sono invitati a riflettere sull’impatto duraturo di queste rivelazioni sulla nostra comprensione della politica globale e sulla ricerca della verità in un mondo sempre più interconnesso.
In conclusione, questo rapporto è una testimonianza dell’importanza fondamentale della trasparenza, della vigilanza e della responsabilità di fronte alle operazioni di influenza occulta. Le rivelazioni che circondano l’Iran Experts Initiative fanno luce sulle complessità della politica globale e sulla potenziale manipolazione della percezione pubblica. Approfondendo l’analisi dettagliata contenuta in questo rapporto, facciamo in modo che serva da invito all’azione per i responsabili politici, gli studiosi e il pubblico a valutare criticamente le fonti di informazione e a rimanere saldi nel perseguimento della verità e dei valori democratici. Le ombre possono oscurare, ma, con attenta valutazione e consapevolezza, il percorso verso la chiarezza e la responsabilità può essere illuminato.
È tempo che i governi europei e tutte le istituzioni, compresa l’UE, riconsiderino le loro politiche passate sull’Iran e le opinioni democratiche del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI) e della sua cmponente principale, il MEK, che sono stati i primi bersagli di una campagna di disinformazione dannosa da parte del regime iraniano.

Javier ZARZALEJOS,
Membro del Parlamento Europeo, Spagna

Introduzione

Il 26 settembre 2023, “Iran International” e “Semafor” hanno pubblicato un rapporto che svela l’operazione di influenza del regime iraniano nelle istituzioni statunitensi ed europee da parte di individui che affermano di essere esperti dell’Iran.
Secondo il rapporto, nella primavera del 2014 è emersa un’iniziativa discreta all’interno del Ministero degli Esteri iraniano con l’obiettivo di rimodellare l’immagine globale di Teheran e promuovere i suoi interessi strategici, in particolare per quanto riguarda il suo controverso programma nucleare. Questo sforzo clandestino, noto come “Iran Experts Initiative” (IEI), ha cercato di stabilire connessioni con influenti accademici e ricercatori di tutto il mondo.
Funzionari iraniani, tra cui Saeed Khatibzadeh, consigliere dell’ex ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif, hanno intrapreso uno sforzo segreto per stabilire connessioni con influenti accademici stranieri. L’obiettivo era quello di garantire la propagazione delle narrazioni iraniane in circoli politici e media internazionali.
Un’indagine, supportata da e-mail trapelate scambiate tra diplomatici e analisti iraniani, ha svelato la portata dell’operazione nascosta dell’IEI. Queste e-mail, che coprono quasi due decenni dal 2003 al 2021, erano inizialmente di proprietà di Mostafa Zahrani, ex direttore generale degli affari strategici del Ministero degli Esteri iraniano e consigliere di Javad Zarif. Contenevano un tesoro di documenti, tra cui copie di passaporti, curriculum, inviti a conferenze, domande di visto e un’ampia corrispondenza con funzionari del Ministero degli Esteri, personale universitario e studenti. Il 3 marzo 2014, Khatibzadeh ha inviato un’e-mail a Zahrani chiedendo il suo “sostegno finanziario e politico” per la costituzione dell’IEI.
Le prove trovate in queste comunicazioni indicano una realtà preoccupante: il regime iraniano è penetrato con successo nei circoli politici di Washington e dell’Europa, esercitando una notevole influenza. Attraverso l’IEI, l’Iran ha orchestrato una campagna strategica per sostenere vigorosamente un accordo nucleare favorevole con gli Stati Uniti e l’Europa, cosa che alla fine ha portato all’accordo raggiunto nel luglio 2015, noto come Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA).
Al centro di questo piano c’era un gruppo selezionato di individui, descritti da Saeed Khatibzadeh come “illustri iraniani di seconda generazione” con affiliazioni in importanti think tank e istituzioni accademiche internazionali. In particolare, tra i partecipanti a questa rete c’erano individui che in seguito avrebbero ricoperto posizioni influenti all’interno del governo degli Stati Uniti e dei think tank europei. Tra questi ci sono Ariane Tabatabai, che attualmente presta servizio al Pentagono come capo di gabinetto dell’assistente segretario alla Difesa per le Operazioni Speciali, Dina Esfandiary, consulente presso l’International Crisis Group, a Ali Vaez, Iran Project Director dell’International Crisis Group e consigliere del presidente.
Vaez, in una e-mail a Javad Zarif del 2 ottobre 2014, espresse il proprio impegno ad aiutare a far avanzare la narrazione del regime. Ha scritto: “Come iraniano, sulla base del mio dovere nazionale e patriottico, non ho esitato ad aiutarvi in alcun modo; dal proporre a Vostra Eccellenza una campagna pubblica contro l’idea di un’esplosione [nucleare], all’assistere la sua squadra nella preparazione di rapporti sui bisogni pratici dell’Iran”.
Secondo queste e-mail, una degli “esperti”, Ariane Tabatabai, avrebbe riferito le sue attività a Zahrani al Ministero degli Esteri e avrebbe cercato indicazioni per come proseguire.
Il 27 giugno 2014 lei scrisse a Zahrani in Farsi per dirgli di avere incontrato il principe saudita Turki al Faisal (ex ambasciatore negli Stati Uniti), che aveva espresso interesse a lavorare insieme e l’aveva invitata in Arabia Saudita. Disse anche di essere stata invitata a partecipare a un seminario sul programma nucleare iraniano presso l’Università Ben-Gurion in Israele. “Non mi interessa andare, ma poi ho pensato che forse sarebbe stato meglio che andassi io a parlare, piuttosto che un’israeliana come Emily Landau che va a diffondere disinformazione. Vorrei chiedere anche la Sua opinione e sapere se pensa che dovrei accettare l’invito e andare”.
Zahrani rispose lo stesso giorno: “Tutto sommato, sembra che l’Arabia Saudita sia un buon caso, ma il secondo caso [Israele] è meglio evitarlo. Grazie”. Tabatabai rispose poche ore dopo: “Grazie mille per il Suo consiglio. Mi organizzerò per quanto riguarda l’Arabia Saudita e La terrò aggiornata sui progressi”.
Allo stesso tempo, l’IEI ha esteso il suo raggio d’azione ai think tank europei e ha stabilito connessioni con alcuni dei loro analisti iraniani. Tra questi, persone come Ellie Geranmayeh, vice capo del programma per il Medio Oriente e il Nord Africa presso l’European Council on Foreign Relations (ECFR), Rouzbeh Parsi, capo del programma per il Medio Oriente e il Nord Africa presso l’Istituto svedese per gli Affari Internazionali (UI), e Adnan Tabatabai, co-fondatore e CEO del Center for Applied Research in Partnership with the Orient (CARPO).
La corrispondenza rivela un sorprendente livello di coordinamento e collaborazione tra questi partecipanti all’IEI e il Ministero degli Esteri iraniano. Hanno generato un volume considerevole di editoriali, analisi e apparizioni sui media, sostenendo costantemente un approccio conciliante nei confronti di Teheran sulla questione nucleare. La misura in cui questa iniziativa ha manipolato il discorso e influenzato le decisioni politiche rimane motivo di grave preoccupazione.
Secondo il rapporto di “Semafor” , sulla base delle e-mail, il Ministero degli Esteri iraniano, attraverso il suo think tank interno chiamato Istituto per gli Studi Politici e Internazionali, contattò dieci membri chiave del progetto. Lo scopo di questa sensibilizzazione era facilitare la comunicazione nei successivi 18 mesi, con l’obiettivo strategico di sostenere attivamente i vantaggi di un accordo nucleare tra Teheran e Washington, che fu infine concluso nel luglio 2015.
“Questa iniziativa, che chiamiamo ‘Iran Experts Initiative (IEI)’, è composta da un gruppo di 6-10 illustri iraniani di seconda generazione che hanno stabilito affiliazioni con i principali think-tank internazionali e istituzioni accademiche, principalmente in Europa e negli Stati Uniti”, scrisse Saeed Khatibzadeh, diplomatico iraniano con sede a Berlino e futuro portavoce del Ministero degli Esteri, a Mostafa Zahrani, capo del think tank IPIS a Teheran, il 5 marzo 2014, mentre il progetto prendeva slancio.
Una settimana dopo, l’11 marzo, Khatibzadeh scrisse ancora una volta, affermando di essersi assicurato il sostegno per l’IEI da parte di due giovani accademiche, Ariane Tabatabai e Dina Esfandiary, in seguito a un incontro con loro a Praga. “Noi tre abbiamo deciso che saremo il gruppo centrale dell’IEI”, aggiunse.
Tabatabai attualmente ricopre la posizione di capo di gabinetto per l’assistente segretario alla Difesa per le Operazioni Speciali al Pentagono, che necessita di un nulla osta di sicurezza da parte del governo degli Stati Uniti. In precedenza, ha lavorato come diplomatica nella squadra negoziale sul nucleare iraniano di Robert Malley dopo l’insediamento dell’amministrazione Biden nel 2021. Esfandiary, funge da consulente senior per il Medio Oriente e il Nord Africa presso l’International Crisis Group, un think tank che Malley ha guidato dal 2018 al 2021.
Anche Adnan Tabatabai, co-fondatore e CEO del Center for Applied Research in Partnership with the Orient (CARPO), è stato in contatto con il Ministero degli Esteri iraniano, esprimendo la volontà di scrivere articoli per loro conto. “Il nostro suggerimento potrebbe essere quello di lavorare come gruppo su un saggio (2000 parole) riguardante i colloqui in corso”, scrisse Tabatabai a Zarif per e-mail. “Potrebbe, ad esempio, essere pubblicato sotto il nome di un ex funzionario, attraverso la CSR o l’IPIS, ovviamente dopo che Lei e i suoi collaboratori avrete revisionato il pezzo”.
Quattro giorni dopo, il ministro degli Esteri rispose, con Zahrani incluso nella corrispondenza. Zarif approvò la proposta e suggerì che tali “articoli o editoriali” fossero attribuiti a una serie di figure iraniane e non iraniane all’estero, insieme a ex funzionari. Il numero effettivo di pezzi pubblicati attraverso questo approccio rimane poco chiaro.
I funzionari iraniani che gestiscono l’IEI, Zahrani e Khatibzadeh, evidenziarono con orgoglio i risultati dell’iniziativa ai loro superiori nelle e-mail interne. Monitorarono la frequenza dei contributi o dei riferimenti agli accademici dell’IEI nei media durante la settimana successiva all’accordo nucleare iniziale tra Teheran e le potenze globali il 2 aprile 2015 a Losanna, in Svizzera. Le informazioni relative ai media furono diffuse ad altri all’interno del Ministero degli Esteri iraniano a Teheran.
“A seguito della nostra conversazione telefonica, ho allegato qui per la vostra recensione solo alcuni dei lavori più significativi che alcuni dei nostri amici hanno pubblicato durante la settimana dopo il raggiungimento dell’accordo quadro di Losanna”, scrisse Khatibzadeh in Ffarsi. “Eravamo in costante contatto e lavoravamo intensamente 24 ore su 24. Alcuni amici si sono comportati da soli come un organo di comunicazione”.
Il 14 aprile 2015, Khatibzadeh inviò un’e-mail a Zahrani, che successivamente inoltrò il messaggio a Zarif e a uno dei vice del ministro degli Esteri nella squadra di negoziazione nucleare, Majid Takht-Ravanchi. Khatibzadeh incluse 10 documenti Word separati nell’e-mail, ognuno dei quali descrive in dettaglio l’impatto mediatico dei singoli accademici IEI. Tra questi c’erano riferimenti ad Ariane Tabatabai e Ali Vaez, che hanno entrambi avuto stretti rapporti di lavoro con Malley negli ultimi dieci anni, e a Dina Esfandiary, che è stata reclutata durante il suo mandato all’ICG.
Khatibzadeh, il futuro portavoce del Ministero degli Esteri, si vantava nell’e-mail: “Questi si aggiungono a centinaia di tweet, post e… su Internet che erano decisamente unici e di tendenza a sé stanti. Va notato che questi messaggi non sono stati pubblicati solo in Inglese, ma anche in diverse altre lingue internazionali”.
L’elenco condiviso da Khatibzadeh mostrava che in una settimana Ariane Tabatabai aveva pubblicato quattro articoli, anche su Foreign Policy, e rilasciato interviste all’Huffington Post e all’agenzia iraniana Fars News, collegata al Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (CGRI), per lo più sostenendo le opinioni di Teheran sui colloqui sul nucleare. In un articolo per il National Interest, scritto insieme a Dina Esfandiary, sosteneva che l’Iran era “troppo potente” per essere contenuto e che Teheran non aveva bisogno “di alcun accordo per essere rafforzata e rafforzare la sua presenza nella regione”.
L’Iran Experts Initiative, come rivelato in questa raccolta di e-mail e comunicazioni, mostra gli sforzi segreti del regime iraniano per plasmare la politica e l’opinione pubblica americana ed europea. Ciò che queste rivelazioni rappresentano è solo la superficie visibile di una rete molto più profonda e intricata.
In questo rapporto, il nostro obiettivo è approfondire la formazione e le attività della rete di influenza dell’Iran in Europa, facendo luce su come è riuscito a influenzare i governi europei, il Parlamento Europeo, i think tank, i media e le università nel plasmare la politica estera europea.
La nostra ricerca rivela inoltre che i membri dell’IEI sono stati anche vigorosamente impegnati nell’attaccare il gruppo di opposizione iraniano, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI), nota anche come Mujahedin-e Khalq (MEK) e la più ampia coalizione del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI), affermando che non abbiano alcun sostegno all’interno dell’Iran, calunniando il movimento con una serie di accuse provenienti da Teheran e insinuando che non dovrebbero essere visti come una valida alternativa democratica all’attuale regime in Iran. Nei loro scritti e discorsi, hanno preso di mira specificamente il MEK, la componente principale del CNRI.

Il ruolo di Adnan Tabatabai in Germania

adnan tabatabai (1)In prima linea nell’operazione “Iran Experts Initiative (IEI)” in Germania c’è Adnan Tabatabai, il cui ruolo di sostenitore del regime iraniano ha sollevato preoccupazioni circa la manipolazione dell’opinione pubblica e del processo decisionale.
Come figlio di Sadeq Tabatabai, il primo vice primo ministro iraniano nel nuovo regime nel 1979 e parente della prima “Guida suprema” del regime Khomeini, Adnan Tabatabai ha esercitato per anni influenza sui media tedeschi.
Tabatabai, in qualità di cofondatore e amministratore delegato del Centro per la Ricerca Applicata in Partenariato con l’Oriente (CARPO) , partecipa attivamente alle principali pubblicazioni dei media tedeschi dal 2016. Le sue affermazioni di essere un iraniano che vive all’estero con una profonda comprensione della regione attraverso il suo lavoro gli hanno garantito credibilità e accesso a piattaforme prestigiose. Invitato come partecipante chiave in numerose discussioni sull’Iran, comprese quelle organizzate da enti importanti come la Fondazione Konrad Adenauer e la Fondazione Friedrich Ebert, Tabatabai ha innegabilmente esercitato una notevole influenza nel plasmare le prospettive tedesche sugli affari iraniani.
Tabatabai ha partecipato attivamente a vari eventi al Parlamento europeo, essendo stato invitato in più occasioni. La sua partecipazione include i seguenti casi degni di nota:
Audizione pubblica della Commissione Affari Esteri “Partenariato strategico con il Golfo” – 22 marzo 2022
Audizione pubblica del Sottocomitato Sicurezza e Difesa “L’attuazione dell’accordo di salvaguardia del TNP con la Repubblica Islamica dell’Iran” 17 febbraio 2020
Delegazione del Parlamento Europeo per le Relazioni con l’Iran – 16 luglio 2020
Riunione congiunta tra la Delegazione per le Relazioni con l’Iran e la Delegazione per le Relazioni con l’Iraq del Parlamento Europeo – 11 maggio 2016
“L’impegno dell’UE e i diritti umani in Iran” – ospitato dall’eurodeputato Guteland il 6 marzo 2018
“L’Iran, il Medio Oriente e l’Europa un anno dopo il JCPOA” – ospitato dall’eurodeputato Weidenholzer il 1° febbraio 2017
Oltre al suo coinvolgimento attivo, Tabatabai è autore di diversi rapporti, tra cui almeno uno per la Foundation for European Progressive Studies (FEPS) e l’Istituto Affari Internazionali (IAI): Il tentativo di lanciare processi di integrazione regionale nell’Asia occidentale e nella penisola arabica – 9 novembre 2020 , cui si è fatto riferimento in altri rapporti strategici dell’UE.
Tuttavia, recenti rivelazioni derivanti da documenti trapelati e scambi tra il regime iraniano e questi “esperti”, scoperte da “Iran International” e “Semafor”, hanno messo in luce il coinvolgimento di Tabatabai con l’IEI dal 2014. Questi documenti delineano gli obiettivi dell’IEI, che ruotano principalmente attorno al mantenere la politica di pacificazione dell’Occidente nei confronti del regime iraniano, promuovendo la narrazione secondo cui l’attuale regime non ha alternative e sostenendo la continuazione dell’accordo sul nucleare, chiedendo al tempo stesso la revoca delle sanzioni.
Nonostante le sue smentite, l’allineamento di Tabatabai con la narrazione del regime iraniano è diventato sempre più evidente, in particolare negli articoli e nelle attività su Twitter, che riflettono un coerente atteggiamento anti-opposizione, facendo eco alle posizioni dei media statali iraniani.
Le implicazioni delle attività segrete di Tabatabai vanno oltre la semplice retorica politica. Evidenziano l’intricata rete di influenza tessuta con cura dai lobbisti iraniani, manipolando le narrazioni dei media e le decisioni politiche per salvaguardare gli interessi del regime iraniano.
Il caso di Adnan Tabatabai serve a ricordare le pericolose conseguenze di un’influenza incontrollata nel campo della politica internazionale. Indica la necessità di una maggiore vigilanza e di un esame critico delle narrazioni propagate da fonti apparentemente autorevoli, per salvaguardare l’integrità del discorso pubblico dalle sottili manipolazioni di programmi nascosti. Solo con un pubblico vigile e informato è possibile limitare l’influenza insidiosa di individui come Tabatabai, aprendo la strada a una comprensione più trasparente ed equilibrata di complesse questioni geopolitiche.

L’assistenza finanziaria del governo federale tedesco ad Adnan Tabatabai e al think tank “CARPO”
Recenti inchieste sollevate dal Bundestag tedesco hanno evidenziato il ruolo di Adnan Tabatabai e i suoi presunti legami con il regime iraniano. Il governo federale tedesco, in risposta a una serie di domande, ha fornito informazioni cruciali sulla natura dei finanziamenti dell’organizzazione e sul suo impegno con vari enti governativi.
Secondo la risposta del governo , “CARPO” ha ricevuto un sostanziale sostegno finanziario dal Ministero degli Esteri federale per diversi progetti che abbracciano un periodo significativo. I progetti, tra cui “Tafahum – Piano d’azione sulla sicurezza per l’Asia occidentale e la penisola arabica” e “Tafahum wa Tabadul – Rafforzare il dialogo e la cooperazione multi-traccia nell’Asia occidentale e nella penisola arabica”, hanno ricevuto finanziamenti per circa 1,4 milioni di euro e 900.000 euro, rispettivamente, dal 2018 al 2023. Inoltre, l’organizzazione è stata coinvolta in altre iniziative, come il progetto “kull:tour”, volto a mettere in rete gli operatori culturali in Bahrein e negli Stati del Consiglio di Cooperazione del Golfo.

adnan tabatabai table 1
Le narrazioni distorte di Adnan Tabatabai
Gli scritti, i discorsi e le dichiarazioni pubbliche di Adnan Tabatabai sono stati determinanti nel plasmare la percezione pubblica, non solo all’interno dei media e dei think tank tedeschi, ma anche su varie piattaforme internazionali. Un esame più attento delle sue narrazioni rivela uno sforzo sistematico per screditare i gruppi e le attività che sostengono il cambio di regime in Iran, perpetuando al tempo stesso una narrazione che dipinge il regime sotto una luce favorevole.
Il ritratto di Tabatabai del processo di riforma in Iran funge da elemento chiave nella sua narrazione, sottolineando la necessità di sostenere i cosiddetti riformatori del regime. Nei suoi scritti, posiziona strategicamente i riformatori come figure essenziali all’interno del governo, spesso dipingendoli come critici o membri dell’opposizione. Ha sostenuto l’idea che un cambiamento politico all’interno dell’Iran potrebbe essere raggiunto sotto la guida di figure come Rouhani , di fatto sorvolando sulle pratiche autoritarie del regime e le violazioni dei diritti umani.
Inoltre, Tabatabai è noto per diffondere informazioni fuorvianti, spesso fabbricando numeri positivi nei sondaggi per rafforzare la popolarità del regime. Ha promosso sfacciatamente stretti rapporti con il regime sotto la maschera di scambi culturali, minimizzando le politiche e le azioni repressive del regime che hanno raccolto la condanna internazionale.
Nel contesto della politica estera, Tabatabai ha costantemente attribuito agli Stati Uniti la colpa di aver destabilizzato il Medio Oriente e di aver provocato una potenziale guerra con l’Iran. I suoi sforzi persistenti per presentare l’Iran come una forza stabilizzatrice nella regione servono a rafforzare la posizione internazionale del regime e a promuovere una più stretta cooperazione economica con altre nazioni. La sua descrizione di Qassem Soleimani, il comandante eliminato della Forza Quds terroristica dell’IRGC, come una figura eroica e un mediatore di pace ha opportunamente omesso il ruolo ben documentato della Forza Quds nell’alimentare i conflitti regionali e nel sostenere le organizzazioni terroristiche.
Quando si parla dell’opposizione e delle proteste iraniane, la narrazione di Tabatabai assume una piega particolarmente allarmante. I suoi tentativi deliberati di diffamare il principale gruppo di opposizione iraniano, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI/MEK), attraverso accuse infondate di terrorismo e paragoni infondati con gruppi estremisti come l’ISIS e i talebani, mirano a delegittimare qualsiasi opposizione al regime. Lui minimizza o ignora opportunamente le esecuzioni di massa degli anni ‘80, oscurando ulteriormente la cupa storia di violazioni dei diritti umani del regime.
Nel 2019 la Società Nejat del regime (organizzazione anti-MEK che agisce per conto del MOIS ) ha citato queste sue affermazioni : “A causa del suo ruolo nella guerra Iran-Iraq, il gruppo è ora più odiato dagli iraniani di al-Qaeda e dell’Isis”; “È fatale credere che un tale gruppo possa influenzare positivamente il processo politico in Iran”.
Tra altri numerosi articoli, nel 2019 la “Neue Zurcher Zeitung” ha scritto: “A causa del suo ruolo nella guerra Iran-Iraq, il gruppo è ‘più odiato dagli iraniani oggi rispetto ad al-Qaeda e IS’, dice l’esperto iraniano Adnan Tabatabai. Dal 1981, il gruppo ha utilizzato il nome eufonico di Consiglio Nazionale della Resistenza (CNRI), ma il Consiglio è completamente dominato dal MEK. Sebbene il MEK avesse abbracciato la causa della democrazia, della libertà e dei diritti umani dopo essere fuggito in Francia, questa era soprattutto retorica. ‘È fatale credere che un gruppo del genere possa influenzare positivamente il processo politico in Iran’, afferma Tabatabai”.
In risposta alle proteste del popolo iraniano, Tabatabai ha sostenuto attivamente la moderazione occidentale, allineandosi indirettamente alla dura repressione del regime nei confronti delle voci dissenzienti. I suoi tentativi di minare le legittime rivendicazioni dipingendo le proteste come mere espressioni di malcontento economico e sociale hanno contribuito a delegittimare le richieste del popolo iraniano per un cambiamento politico fondamentale.
Gli schemi nelle narrazioni di Tabatabai indicano la natura sistematica della macchina di propaganda iraniana, che impiega strategie sofisticate per manipolare la percezione pubblica a livello sia nazionale che internazionale.
L’impatto di Rouzbeh Parsi sull’approccio dell’Europa all’Iran
Rouzbeh Parsi è un’altra figura di rilievo legata all’IEI. Parsi ha acquisito importanza per aver fatto eco alle narrazioni del regime iraniano su importanti piattaforme europee, tra cui il Parlamento Europeo, vari media e influenti think tank. Il ruolo di Parsi nell’amplificare la posizione del regime iraniano su questioni geopolitiche critiche è un esempio notevole degli sforzi mirati dell’IEI per influenzare le prospettive europee sull’Iran e sulle sue politiche.

Rouzbeh Parsi è il fratello di Trita Parsi, ex capo del NIAC.
La carriera di Parsi come esperto di Iran e Medio Oriente gli ha garantito l’accesso a prestigiosi think tank e piattaforme europee, permettendogli di sostenere un approccio di pacificazione nei confronti del regime iraniano. Le sue apparizioni al Parlamento Europeo e i suoi contributi a rapporti per la stessa istituzione hanno acceso dibattiti sull’influenza del regime iraniano sulle decisioni politiche europee.

rouzbeh and trita parsiParsi ha costantemente presentato le questioni relative all’Iran in un modo che si allinea strettamente con gli obiettivi politici del regime iraniano. La sua enfasi sulla promozione di un rapporto di cooperazione con il regime e la sua presunta minimizzazione delle gravi violazioni dei diritti umani da parte del regime erano chiari indicatori delle sue analisi unilaterali.
In uno dei suoi rapporti per il Parlamento Europeo nel 2016, intitolato “Una strategia dell’UE per le relazioni con l’Iran dopo l’accordo sul nucleare”, Parsi ha sottolineato i potenziali benefici di una relazione strutturata tra l’Unione Europea e il regime iraniano. Ha inoltre sottolineato la necessità del coinvolgimento iraniano nella risoluzione delle crisi regionali come quelle che coinvolgono l’Isis e l’immigrazione, suggerendo che escludere l’Iran da queste discussioni sarebbe irragionevolmente costoso o praticamente irrealizzabile.
Queste prospettive hanno portato alcuni osservatori a chiedersi fino a che punto egli abbia promosso gli interessi del regime iraniano all’interno dei circoli politici europei.
I legami di Parsi con suo fratello Trita Parsi, principale lobbista del regime iraniano ed ex capo del gruppo di lobbying del National Iran American Council (NIAC) a Washington, che ora gestisce il Quincy Institute, sono un’altra indicazione della potenziale influenza del regime iraniano sulla politica europea.

Chi è Trita Parsi

Trita ParsiLe preoccupazioni e i dibattiti sull’influenza dell’Iran negli Stati Uniti costituiscono da molto tempo una questione importante, con il Consiglio Nazionale Iraniano Americano (National Iranian American Council – NIAC) emerso come un importante gruppo di pressione che promuove gli interessi del regime iraniano all’interno del governo e dei media statunitensi.Il NIAC si presenta ufficialmente come un’organizzazione apartitica e senza scopo di lucro dedita a promuovere gli interessi della comunità iraniano-americana. Tuttavia, le sue azioni hanno spesso sollevato dubbi sulla sua conformità al Foreign Agents Registration Act (FARA) e ad altre leggi statunitensi, poiché si è costantemente allineato agli obiettivi del regime iraniano.Le radici del NIAC possono essere fatte risalire a Trita Parsi, che iniziò le sue attività pro-Teheran nel 1997 con la fondazione di “Iraniani per la Cooperazione Internazionale” (IIC) in Svezia. Il coinvolgimento di Parsi nella politica estera statunitense è diventato più evidente durante il suo ruolo di consigliere di politica estera dell’ex deputato dell’Ohio Bob Ney, condannato e incarcerato per corruzione e violazione delle sanzioni statunitensi facilitando l’acquisto di un aereo per il regime iraniano.Dopo il suo trasferimento negli Stati Uniti nel 2001, Parsi ha assunto la posizione di direttore dello sviluppo presso l’American Iran Council (AIC), un’organizzazione promozionale filo-iraniana. Le sue attività aprirono la strada alla formazione del National Iran American Council (NIAC), che mirava a fare pressione per una politica statunitense più favorevole nei confronti dell’Iran. Tuttavia, le controversie sui presunti legami del NIAC con il regime iraniano hanno innescato critiche all’interno della comunità iraniano-americana.
Nel 2008, una causa per diffamazione tra il NIAC e uno dei suoi critici ha portato alla pubblicazione di documenti interni, che hanno sollevato interrogativi significativi sui collegamenti del NIAC con il regime iraniano. Questi documenti hanno rivelato scambi di e-mail tra Parsi e l’allora ambasciatore dell’Iran presso le Nazioni Unite, Javad Zarif, suggerendo che il NIAC operava come una lobby non dichiarata che potenzialmente violava varie leggi.
Inoltre, l’accesso diretto di Parsi ad alti funzionari del regime iraniano, tra cui il presidente Mahmoud Ahmadinejad e il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif, ha ulteriormente sottolineato la stretta relazione tra il NIAC e il governo iraniano; e il ruolo del NIAC nel facilitare gli incontri tra i membri del Congresso e gli alti funzionari iraniani ha sollevato preoccupazioni circa il suo coinvolgimento nelle discussioni diplomatiche ad alto livello.
Nonostante queste rivelazioni, l’amministrazione Obama si è impegnata con il NIAC, utilizzandolo come canale per stabilire una comunicazione con la dirigenza iraniana. Questa relazione ha contribuito a legittimare l’approccio conciliante del presidente Barack Obama nei confronti dell’Iran, consolidando la posizione del NIAC come attore chiave all’interno dell’amministrazione.
Nel 2019, dopo che il NIAC è stato smascherato e screditato come lobby di Teheran, Trita Parsi e altri hanno lanciato il Quincy Institute for Responsible Statecraft , finanziato da George Soros e Charles Koch, con l’obiettivo di perseguire il loro obiettivo con l’immagine di think tank indipendente. Il Quincy ha di fatto sostenuto un approccio della politica estera statunitense favorevole alla pacificazione. Le pubblicazioni e le fonti finanziarie del think tank hanno portato ad accuse secondo cui esso opera come un gruppo di pressione sotto l’influenza e il controllo del regime iraniano.
L’allineamento del Quincy Institute con i punti di discussione del regime iraniano ha attirato attenzione e critiche, segnalando le continue sfide poste dall’influenza dell’Iran. Con l’Iran e i suoi alleati che utilizzano varie piattaforme per portare avanti i propri programmi, continuano a emergere interrogativi sulla profondità e sull’impatto della loro influenza sulle politiche e sui discorsi pubblici degli Stati Uniti.

Images of Trita Parsi with senior Iranian delegationTrita Parsi a Losanna, Svizzera, nel 2015 con la delegazione iraniana

NIAC2Losanna, Svizzera, 2015: Trita Parsi (seconda da sinistra) con il fratello del presidente del regime iraniano Hassan Rouhani, Hossein Fereydoon (a destra) e il negoziatore nucleare Majid Takht-Ravanchi (secondo da destra) durante i negoziati sul nucleare.

La presenza di Rouzbeh Parsi nei circoli politici europei

“Rouzbeh Parsi, riconosciuto come esperto di Iran e Medio Oriente, ha svolto un ruolo cruciale in vari incontri e conferenze, cercando di influenzare politici europei su questioni riguardanti l’Iran. Oltre a questi impegni, ha partecipato attivamente a diversi think tank e organizzazioni politiche in Europa, contribuendo in modo significativo al discorso sulle relazioni del regime iraniano con i Paesi europei.
Degna di nota è stata la presenza di Parsi al Parlamento Europeo, caratterizzata da diverse apparizioni di alto profilo come relatore ospite. Insieme ad altri membri dell’IEI come Ellie Geranmayeh e Dina Esfandiary, Parsi ha partecipato a discussioni cruciali, comprese udienze pubbliche della Commissione per gli Affari Esteri sulla situazione in Iran e sulle implicazioni dell’accordo sul nucleare. Inoltre, il suo coinvolgimento nella preparazione delle analisi approfondite richieste dalla Commissione per gli Affari Esteri del Parlamento Europeo dimostra il suo impegno attivo nel modellare le discussioni politiche.

ellie geranmayeh and rouzbeh parsi (1)(S-D) Rouzbeh Parsi e Ellie Geranmayeh, allo European Council on Foreign Relations

Durante il suo mandato come analista senior presso l’Istituto dell’Unione Europea per gli Studi sulla Sicurezza (EUISS) dal 2009 al 2013 ha influenzato in modo significativo la narrativa del regime iraniano in prestigiose istituzioni europee. In particolare, è autore di oltre 60 documenti di programmazione politica, ha partecipato a interviste con vari media e ha contribuito con analisi su questioni di politica estera, di sicurezza e di difesa. Il riconoscimento del suo lavoro è ulteriormente evidenziato dalla sua citazione in influenti studi condotti dall’Istituto di Ricerca Strategica del Ministero della Difesa francese (IRSEM).
Il coinvolgimento di Parsi con stimate organizzazioni come l’Istituto italiano per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI) e la Friedrich Ebert Stiftung (FES) tedesca lo ha saldamente affermato come una figura chiave nelle discussioni riguardanti l’Iran e la politica estera europea. I suoi lavori pubblicati, compresi documenti politici che affrontano temi cruciali come l’economia iraniana dopo l’accordo sul nucleare e le conseguenze del ritiro degli Stati Uniti dal JCPOA, sono costantemente in linea con gli obiettivi politici del regime iraniano.
Al di là del suo coinvolgimento nei think tank, l’influenza di Parsi si estende ai suoi ruoli di direttore in varie organizzazioni politiche europee, tra cui l’European Iran Research Group (EIRG), l’European Middle East Research Group (EMERG), e alla sua partecipazione all’Iran Expert “Tiger Team” dello European Leadership Network (ELN).

L’eco della narrazione del regime iraniano

Gli sforzi di demonizzazione da parte di Rouzbeh Parsi contro i Mujahedin-e Khalq (MEK) sono un chiaro riflesso del suo allineamento con la narrazione del regime iraniano. Parsi indica costantemente la presunta mancanza di sostegno popolare al MEK in Iran, facendo eco alla retorica di lunga data diffusa dal regime iraniano.
In un documento programmatico del 2011 per l’Istituto dell’Unione Europea per gli Studi sulla Sicurezza, Parsi ripeteva a pappagallo le accuse del regime iraniano contro il MEK, denunciando il gruppo come promotore di violenza e sollevando dubbi sul suo impegno nei confronti dei principi democratici e dei diritti umani. I suoi recenti tweet, incluso uno del settembre 2023, negano il sostegno popolare del MEK in Iran, suggerendo che il gruppo assomigli più a un culto politico-religioso che a una vera forza di opposizione.
Questa persistente campagna per demonizzare il MEK, spesso echeggiata attraverso la sua presenza sui social media, riflette una narrazione che si allinea con gli sforzi di lunga data del regime iraniano di indebolire e delegittimare i gruppi di opposizione che ne sfidano l’autorità.
Parsi ha utilizzato Twitter come strumento per screditare il MEK. I suoi tweet negano l’importanza del MEK, sostenendo: “Se il MEK è l’opposizione principale, allora la situazione è triste. In realtà, è un gruppo marginale senza base in Iran”.

Ellie Geranmayeh plasma la politica europea attraverso il prisma degli interessi iraniani

Ellie Geranmayeh

Ellie Geranmayeh, un altro membro dell’IEI, è riconosciuta per il suo coinvolgimento nel definire l’approccio dell’Europa alle varie dinamiche mediorientali, con un’enfasi significativa sull’Iran. In qualità di senior policy fellow e vice capo del programma Medio Oriente e Nord Africa presso il Consiglio europeo per le relazioni estere (ECFR), Geranmayeh è stata coinvolta in discussioni chiave riguardanti il ruolo dell’Iran nella geopolitica regionale e il suo programma nucleare.
La biografia di Geranmayeh sul sito ECFR.EU evidenzia il suo ampio impegno negli sforzi diplomatici che hanno portato all’accordo sul nucleare del 2015. La sua continua consulenza a politici di alto livello su efficaci strategie di contenimento delle attività nucleari dell’Iran indica il suo coinvolgimento nella promozione del riavvicinamento con l’Iran. Nonostante la sua posizione influente nel panorama politico europeo, Geranmayeh, in quanto membro dell’IEI, ha perseguito la narrativa e gli interessi del regime iraniano. I suoi scritti, che spesso riflettono la posizione del regime iraniano, hanno sollevato preoccupazioni sull’influenza che esercita nel plasmare la politica europea in linea con gli obiettivi del regime.
Ad esempio, durante le rivolte del popolo iraniano nel 2022, mentre molti funzionari europei sostenevano una maggiore pressione sul regime, gli articoli di Geranmayeh indicavano apparentemente “l’importanza di mantenere il dialogo e l’interazione” , sembrava mirato ad alleviare la pressione del regime. Le sue opinioni riecheggiavano la narrativa del regime, esortando le capitali occidentali a non cedere alle pressioni dei gruppi di opposizione.
In un articolo datato 30 settembre 2022, Geranmayeh metteva in guardia dall’isolare il regime iraniano, sostenendo invece un impegno costante per ripristinare l’accordo sul nucleare: “Questi disordini in Iran arrivano in un momento delicato per le sue relazioni con l’Occidente a causa dello stallo dei colloqui sul nucleare. Mentre si intensificano i timori per il crescente ricorso alla violenza da parte del governo iraniano contro i manifestanti, le capitali occidentali sono sotto pressione da parte di gruppi che da tempo si oppongono alla diplomazia con l’Iran affinché interrompano i negoziati sul nucleare. L’Europa e gli Stati Uniti non dovrebbero piegarsi a queste pressioni. Una via diplomatica per il ripristino dell’accordo nucleare, piuttosto che le bombe o ulteriori sanzioni, rimane il miglior risultato – sia per l’Occidente che per il popolo iraniano”.
Inoltre, ha utilizzato il concetto di “campi moderati e intransigenti” dal vecchio manuale del regime per razionalizzare l’approccio diplomatico dell’Occidente, affermando che il distacco non farebbe altro che rafforzare le fazioni intransigenti che prosperano sotto isolamento e sanzioni.
“Oltre a ciò, i falchi iraniani stanno esercitando pressioni sui governi occidentali affinché puniscano la dirigenza iraniana abbandonando i negoziati volti a ripristinare l’accordo sul nucleare. Ma questo approccio – come hanno dimostrato gli ultimi 43 anni – non farà altro che premiare e rafforzare i campi più intransigenti in Iran che hanno prosperato sotto isolamento e sanzioni… È improbabile che la Repubblica Islamica crolli se l’Occidente si allontana dai negoziati sull’accordo nucleare e torna ad una campagna di massima pressione. Al contrario: abbandonare la diplomazia andrebbe solo a vantaggio delle élite intransigenti del Paese”.
Le raccomandazioni di Geranmayeh hanno costantemente invitato i governi europei ad evitare di fare pressioni sull’Iran e allo stesso tempo a sostenere la condiscendenza con il regime con il pretesto di “sforzi diplomatici”.
Geranmayeh ha partecipato a vari incontri e raduni critici, svolgendo un ruolo significativo nel definire la posizione dell’Europa nei confronti dell’Iran. Particolarmente degna di nota è la sua partecipazione, insieme a un altro membro dell’IEI, Rouzbeh Parsi, come esperto chiave all’audizione pubblica della Commissione per gli Affari Esteri su “Iran: come l’accordo nucleare potrebbe creare opportunità” nell’ottobre 2015. Ha inoltre preso parte all’audizione pubblica della Commissione per gli Affari Esteri su “Piano d’Azione Globale Congiunto (JCPOA): opzioni politiche dell’UE in caso di decertificazione degli Stati Uniti” nell’aprile 2018, delineando le prospettive sulle implicazioni del JCPOA per le decisioni politiche dell’UE.
La presenza di Geranmayeh in media internazionali ha ulteriormente amplificato la sua influenza sulle discussioni politiche europee. I suoi lavori pubblicati sono in linea con gli obiettivi dell’Iran. Esempi dei suoi articoli includono “L’UE deve agire ora per salvare l’accordo nucleare iraniano” in Euractiv nel maggio 2018, “Rilanciare i rivoluzionari: come la massima pressione di Trump sta spostando la politica interna dell’Iran” nel documento programmatico dell’ECFR del giugno 2020, e “Biden dovrebbe guardare oltre la leva finanziaria per rientrare nell’accordo con l’Iran” su CNN nel gennaio 2021.
Nel suo ruolo presso l’ECFR dal 2013, Geranmayeh ha pubblicato oltre 140 articoli , documenti programmatici, interviste, podcast e altri media riguardanti la politica iraniana. Il suo lavoro non solo ha plasmato la ricerca del Parlamento Europeo e i documenti di studio sull’Iran, ma è stato anche citato in vari documenti del Consiglio dell’UE, sottolineando il suo impatto significativo sui processi decisionali europei.
Al di là dei suoi sforzi individuali, la collaborazione di Geranmayeh con Rouzbeh Parsi, un altro membro dell’IEI, solleva ulteriori preoccupazioni sui potenziali sforzi concertati per influenzare l’approccio dell’Europa nei confronti dell’Iran. Il loro coinvolgimento congiunto come esperti chiave nelle suddette sessioni di udienza pubblica della Commissione Affari Esteri suggerisce una strategia coordinata per promuovere narrazioni in linea con gli interessi dell’Iran.
Oltre al suo ruolo all’interno del Parlamento Europeo e dell’ECFR, la partecipazione attiva di Geranmayeh alle conferenze ospitate dal National Iranian American Council (NIAC), riconosciuto come il principale gruppo di pressione iraniano negli Stati Uniti, ha suscitato preoccupazioni circa il suo ampio coinvolgimento nella gestione delle discussioni a favore dell’Iran. La sua stretta associazione con il NIAC e la partecipazione congiunta con Rouzbeh Parsi evidenziano la potenziale portata della sua influenza, che si estende oltre le sfere europee. Questi coinvolgimenti all’interno del principale gruppo di pressione fanno luce sull’intricata rete di influenza iraniana che potrebbe deviare in modo significativo le decisioni politiche e la percezione pubblica.
zoom call ellie granmayeh bijan niac (1)zoom call ellie granmayeh niac

L’influenza ombra di Dina Esfandiary

Dina EsfandiaryDina Esfandiary, membro dell’Iran Experts Initiative (IEI), ha svolto un ruolo significativo nell’influenzare le politiche dei Paesi europei a favore del regime iraniano. La sua vasta esperienza e le sue affiliazioni all’interno di rinomate istituzioni, insieme alle sue pubblicazioni di ampio respiro, hanno attirato l’attenzione sul potenziale impatto del suo lavoro sulla definizione delle decisioni politiche riguardanti l’Iran.
Esfandiary è consulente senior per il Medio Oriente e il Nord Africa presso l’International Crisis Group (ICG). Ha scritto articoli su pubblicazioni rispettabili come Foreign Affairs, The Atlantic, The Guardian e The Washington Post come voce influente negli affari internazionali.
Collaborando con altri membri dell’IEI, tra cui Rouzbeh Parsi, Ariane Tabatabai e Ali Vaez, i suoi contributi in vari articoli, discorsi e rapporti hanno costantemente favorito narrazioni che riecheggiano le priorità del regime iraniano. Ad esempio, il suo articolo congiunto con Ali Vaez dopo l’elezione di Ebrahim Raisi a presidente dell’Iran esemplifica il suo apparente sostegno agli interessi del regime. Nell’articolo intitolato “Gli intransigenti hanno vinto in Iran. Non sono tutte brutte notizie” Esfandiary e Vaez hanno sostenuto l’interazione occidentale con Raisi, minimizzando le preoccupazioni sui suoi precedenti in materia di diritti umani e sul suo coinvolgimento nel massacro di migliaia di prigionieri politici nel 1988.
La loro argomentazione di dare priorità all’accordo nucleare rispetto alla questione delle violazioni dei diritti umani di Raisi è stata racchiusa nella loro conclusione:
“Per l’amministrazione Biden, il costo politico dell’accordo con Raisi è più alto perché gli Stati Uniti gli hanno imposto sanzioni per la sua sordida condotta in materia di diritti umani. Ma Washington non può scegliere i suoi interlocutori e ha molta esperienza nel negoziare con controparti sgradevoli. L’alternativa ai negoziati – un programma nucleare iraniano in crescita esponenziale – minaccia di mettere gli Stati Uniti e la Repubblica Islamica su una rotta di collisione dove non ci saranno vincitori”.
Uno dei suoi rapporti significativi, scritto in collaborazione con Rouzbeh Parsi, è stato “Analisi approfondita richiesta dalla Commissione per gli Affari Esteri del Parlamento Europeo: una strategia dell’UE per le relazioni con l’Iran dopo l’accordo sul nucleare” , pubblicato il 23 giugno 2016.
Inoltre, la loro collaborazione congiunta al rapporto per la Foundation for European Progressive Studies (FEPS) e l’Istituto Affari Internazionali (IAI), intitolato “Così vicini eppure così distanti: facilitare dialogo e cooperazione attraverso il Golfo Persico” , pubblicato il 26 ottobre 2020, ha evidenziato la necessità di dialogo e cooperazione nella regione del Golfo Persico. Le raccomandazioni delineate nel rapporto sono degne di nota anche per il loro apparente allineamento con le narrazioni promosse dal regime iraniano, sottolineando la necessità per l’Occidente di impegnarsi con l’Iran.
Oltre al suo presunto coinvolgimento con il Ministero degli Affari Esteri iraniano come membro dell’IEI e al suo ruolo nel plasmare la politica europea, Dina Esfandiary è stata notata per i suoi sforzi persistenti per demonizzare il MEK. È stata molto attiva nel promuovere la narrazione del regime iraniano, affermando che il regime non ha alternative praticabili e che il MEK manca del sostegno popolare. L’account Twitter di Esfandiary, spesso pieno di post denigratori del MEK, ha sollevato dubbi sull’obiettività della sua posizione e sulla misura in cui sta ripetendo a pappagallo la propaganda del regime iraniano.
I suoi post lasciano poco spazio all’interpretazione, con un tweet che afferma con enfasi: “Se c’è qualcosa su cui tutti gli #iraniani sono d’accordo, è che il #MEK NON è un’alternativa. Grazie per le sue intuizioni, signor Pence. Per favore, non disturbarsi la prossima volta.”
Inoltre, il coinvolgimento attivo di Dina Esfandiary con il National Iranian American Council (NIAC), con frequente partecipazione alle sue conferenze, ha fornito una piattaforma sostanziale per sostenere la narrativa iraniana in contesti occidentali. In particolare, ha appoggiato numerose dichiarazioni e lettere organizzate dal NIAC, sotto la guida del suo presidente, Jamal Abdi. Tutti questi documenti sono in linea con le richieste del regime, che sollecitano gli Stati Uniti a revocare le sanzioni imposte all’Iran e fanno appello alle nazioni europee affinché intraprendano misure sostanziali per affrontare la questione della riduzione delle sanzioni.

Dina Esfandiary (second from left) at the NIAC conference. (1)Dina Esfandiary (seconda da sinistra) in una conferenza del NIAC.

L’influenza dell’Iran nel Parlamento Europeo

Nel dicembre 2022, uno scioccante scandalo di corruzione ha scosso il Parlamento Europeo. Denominato “Qatargate” , questo scandalo ha portato alla luce una rete di presunti rapporti di corruzione che coinvolgono membri dell’organismo politico europeo e il Qatar. L’indagine ha portato ad accuse di impresa criminale, riciclaggio di denaro e corruzione. Un elemento di questa indagine è un “consigliere” parlamentare con profondi legami con il regime iraniano, a lungo sospettato di operare come lobbista del regime in Europa.
La polizia belga, incaricata delle indagini, ha effettuato diversi arresti. Dal 9 dicembre 2022, la polizia federale belga ha condotto una serie di 20 raid in residenze e uffici a Bruxelles, sequestrando telefoni cellulari, computer e oltre 1,5 milioni di euro in contanti.
In risposta a questi sviluppi, il gruppo dei Socialisti e Democratici (S&D) al Parlamento Europeo è intervenuto, sospendendo uno dei suoi consiglieri politici, Eldar Mamedov, e deferendolo alle autorità belghe. Questa mossa faceva parte di un’indagine interna su presunte interferenze straniere a Bruxelles, come riportato da POLITICO . Eldar Mamedov, cittadino lettone, era consulente di S&D presso la Commissione per gli Affari esteri del Parlamento Europeo, dove il gruppo S&D è il secondo blocco più grande.

Il ruolo di Mamedov e i suoi sospetti legami con il regime iraniano

L’incarico di Eldar Mamedov come consulente è durato oltre un decennio, concentrandosi principalmente su temi del Medio Oriente, compreso l’Iran. Durante tutto questo periodo, Mamedov ha costantemente assunto posizioni filo-iraniane e ha mantenuto stretti legami con Trita Parsi. Ha lavorato con Parsi al Quincy Institute for Responsible Statecraft ed è autore di numerosi articoli in linea con la narrazione del regime iraniano.

eldar mamedov responsible statecraft (1)Ha anche svolto un ruolo attivo nel diffamare la principale opposizione al regime teocratico iraniano, il MEK.

rafsanjani-mamedov-2013Nelle sue interazioni con i membri del Parlamento, Mamedov ha fatto eco alla propaganda anti-MEK di Teheran e ha scritto numerosi articoli che demonizzano il MEK, minimizzando i crimini del regime e la sua condotta aggressiva nella regione.
Secondo il quotidiano italiano Corriere Della Sera, Mamedov è noto a Bruxelles come un “lobbista iraniano”. Ha anche viaggiato in Iran ed è stato fotografato insieme a dirigenti del regime, tra i quali l’ex presidente Ali Akbar Hashemi Rafsanjani.

Attività e connessioni trans-atlantiche

Il ruolo di Mamedov come lobbista iraniano in Europa non è limitato al continente europeo. Le sue attività attraversano l’Atlantico e comprendono stretti legami con i lobbisti e gli apologeti del regime iraniano a Washington, D.C., in particolare Trita Parsi. I suoi punti di vista sono spesso pubblicati dal Quincy Institute, dove Parsi ora ricopre il ruolo di vicepresidente esecutivo. La rivista Responsible Statecraft, per la quale scrive Mamedov, è una testata del Quincy Institute.

responsible statecraft mamedov article
Inoltre, Mamedov ha difeso pubblicamente il NIAC e ha elogiato gli scritti di Parsi sull’Iran. Promuove attivamente gli eventi e le discussioni di Parsi sulla politica iraniana e conduce interviste con importanti membri del NIAC e apologeti del regime negli Stati Uniti, come Negar Mortazavi.

Demonizzazione del MEK e propaganda del regime

Per difendere efficacemente gli interessi di Teheran, lobbisti come Trita Parsi e Eldar Mamedov hanno spesso tentato di diffamare il MEK. Negli ultimi 13 anni, Mamedov ha scritto numerosi articoli che demonizzano il MEK, ribadendo la propaganda del regime. Ha esercitato pressioni contro l’organizzazione negli ambienti europei, in particolare presso il Parlamento Europeo, utilizzando argomenti di regime stantii e accuse infondate contro il MEK.

responsible statecraft mamedov article 2
Le affermazioni di Mamedov, facendo eco alla narrativa di Teheran, minimizzano il ruolo del MEK e suggeriscono che gli organi decisionali della politica estera dell’UE non considerano il MEK una valida alternativa all’attuale governo iraniano, adducendo una mancanza di sostegno tra la popolazione iraniana. Mamedov sostiene inoltre che contrastare la propaganda del MEK sia essenziale per gli sforzi diplomatici con l’Iran, indicando il potenziale di riforma del governo dall’interno.
Mamedov era anche in relazione con Rouzbeh Parsi, uno dei membri dell’IEI recentemente denunciati e fratello di Trita Parsi. Nei suoi tweet anti-MEK, Rouzbeh Parsi menziona spesso Mamedov e altri agenti e apologeti del regime.

L’eco della propaganda del regime iraniano su ‘Nessuna alternativa’

Uno degli obiettivi principali delle attività di lobbying del regime negli Stati Uniti e in Europa è diffondere la menzogna secondo cui non esisterebbe alcuna alternativa praticabile al regime iraniano. Di conseguenza, sostengono che sia imperativo interagire con questo regime e legittimarlo. Il regime iraniano ha speso centinaia di milioni di dollari per perseguire questo programma, arruolando strategicamente giornalisti simpatizzanti all’interno dei principali media, coltivando rapporti con influenti think tank negli Stati Uniti e in Europa e ottenendo il sostegno di numerosi apologeti.
Centrale in questa narrazione è stata la denigrazione del più importante gruppo di opposizione iraniano, il Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI) e del suo principale gruppo costituente, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI/MEK). Questo sforzo concertato per offuscare l’immagine del MEK ha uno scopo fondamentale: propagando l’idea, sia a livello nazionale che internazionale, che la principale e più grande forza di opposizione iraniana non abbia il sostegno popolare, il regime cerca di rendere irrilevante la questione di un’alternativa.
Per apprezzare il significato di questa questione per il regime iraniano, è fondamentale esaminare i loro incessanti sforzi per demonizzare il MEK e promuovere questa narrazione.
Il regime iraniano porta avanti con insistenza una campagna diffamatoria contro il MEK da più di quattro decenni. Questo ampio sforzo mirava a descrivere il MEK come un culto emarginato all’interno dell’Iran, utilizzando una serie di oltre 198 film, documentari e serie TV, insieme a 538 libri per diffamare l’organizzazione.
Sotto il Ministero dell’Intelligence e della Sicurezza (MOIS), numerose organizzazioni di facciata come la Società Nejat e la Fondazione Habilian hanno perpetuato la propaganda del regime. La Società Nejat, con filiali a livello nazionale, ha diffuso l’incredibile cifra di 25.331 articoli diffamatori, mentre i siti web Faraq e Habilian ne hanno pubblicati rispettivamente 12.501 e 17.563, alimentando la narrativa del regime contro il MEK.
Questi sforzi incessanti evidenziano la paura radicata del regime nei confronti dell’influenza del MEK, mostrando le misure globali adottate per minarne la credibilità e la reputazione in Iran e all’estero.

rouzbeh parsi tweet on MEK
Gli sforzi sincronizzati degli esperti dell’IEI e del regime iraniano per diffamare il MEK

Esaminando la posizione del regime iraniano su questo argomento e allineandola con i punti di vista dei membri identificati dell’IEI, così come della rete di membri e sostenitori del NIAC negli Stati Uniti e dei media e dei think tank europei, si rivela inequivocabilmente la presenza di una narrazione coordinata. Questi individui hanno scritto articoli, analisi e commenti sui social media con l’obiettivo deliberato di offuscare la reputazione del MEK. La loro coerente narrazione mette in dubbio l’idoneità del MEK come valida alternativa al regime esistente, sostenendo implicitamente la continuazione del corso attuale, cosa che implica un’interazione prolungata con la teocrazia dominante.
Mentre analizzare le operazioni di influenza che hanno un impatto sulla politica degli Stati Uniti e dell’Europa è di fondamentale importanza, la narrazione nascosta diventa evidente quando si esamina il ruolo delle figure chiave all’interno dell’IEI in un’elaborata campagna per diffamare il MEK. Attraverso vari mezzi, tra cui articoli, tavole rotonde, commenti sui principali media e coinvolgimento sui social media, questi presunti esperti hanno fatto eco attivamente e apertamente alle accuse stravaganti e alle dichiarazioni diffamatorie del regime iraniano contro il MEK. Si veda l’Appendice 1.

Conclusioni

Per decenni, l’Iran è stato impegnato in un’intricata danza di potere, utilizzando vari mezzi per modellare le politiche sia in Europa che negli Stati Uniti. La recente denuncia del progetto IEI è solo un frammento della più ampia rete di influenza tessuta dal regime iraniano. Attraverso ingenti investimenti finanziari e il sostegno strategico di lobby influenti, l’Iran ha costantemente cercato di influenzare i processi decisionali delle istituzioni e dei governi occidentali. Questa incessante ricerca è stata ulteriormente facilitata da una politica di pacificazione di lunga data, che rivela la profonda portata dell’influenza dell’Iran sulle strategie occidentali.
Un’analisi approfondita delle attività dell’IEI ha rivelato due obiettivi fondamentali perseguiti dall’Iran. In primo luogo, ha cercato di modellare le politiche dei governi occidentali, incoraggiando un percorso di pacificazione che chiuda un occhio sulle allarmanti violazioni dei diritti umani da parte dell’Iran e sulle sue azioni destabilizzanti a livello sia regionale che globale. In secondo luogo, l’operazione è stata strategicamente mirata a offuscare la reputazione del CNRI e del MEK, descrivendoli come impopolari in Iran. Questa mossa calcolata persegue l’obiettivo di posizionare il regime iraniano come l’unica opzione plausibile per la collaborazione, sollecitando una continua condiscendenza sia da parte dell’Europa che degli Stati Uniti.
Nonostante la complessa rete di influenza dell’Iran e il sostanziale sostegno finanziario inteso a escludere la resistenza iraniana dall’arena politica globale, il movimento di resistenza iraniano, contando sulla sua vasta rete in Iran, ha raccolto un sostegno significativo da numerosi legislatori ed ex personalità di governo in tutto il mondo come unica forza capace di realizzare il cambiamento fondamentale desiderato dal popolo iraniano. Questo sostegno è emerso come un faro di speranza, riflettendo l’impegno risoluto di varie figure internazionali per la causa del cambiamento democratico in Iran.
Al centro del piano del CNRI c’è la visione globale per una repubblica libera, democratica e non nucleare in Iran, articolata dalla signora Maryam Rajavi oltre vent’anni fa. Questo visionario Piano in Dieci Punti ha raccolto ampio sostegno da vari Parlamenti, rappresentanti eletti, ex capi di Stato e altre stimate figure politiche. Molti vedono il Piano in Dieci Punti come una potente garanzia per la creazione di un Iran libero e democratico una volta rovesciato l’attuale regime.
Il clamoroso sostegno di 29 Parlamenti, oltre 3.600 rappresentanti eletti da 40 Paesi, 61 assemblee legislative in Europa, Nord America, Australia e Paesi arabi, e quello di 125 ex capi di Stato o di governo e 75 premi Nobel, testimoniano il crescente riconoscimento internazionale dell’agenda del CNRI. In una lettera congiunta, gli ex capi di Stato hanno evidenziato la loro fede nel diritto fondamentale del popolo iraniano a determinare il proprio futuro, riconoscendo anche l’incessante ricerca di un cambiamento democratico da parte del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran. Hanno inequivocabilmente affermato il loro sostegno al Piano in Dieci Punti, lodandone l’allineamento con i valori democratici, inclusa la promozione di libere elezioni, della libertà di espressione, dell’uguaglianza di genere, dell’autonomia religiosa e di un Iran libero dal nucleare.
Mentre l’attenzione del mondo si rivolge alla ferma determinazione del popolo iraniano per un futuro migliore, il sostegno della comunità internazionale alla causa di un Iran libero e democratico continua a risuonare, incarnando una posizione collettiva a favore dei diritti umani fondamentali e dei principi democratici.

Appendice 1

I tweet e gli articoli dei membri dell’IEI che ripetono le accuse infondate del regime contro il MEK, rivelando la loro vera missione

Ariane Tabatabai: L’articolo inaugurale di Tabatabai, esperto affiliato all’IEI, era particolarmente contrario al MEK. Un attento esame del suo lavoro rivela impressionanti parallelismi con la propaganda del regime contro l’organizzazione. Gli scritti anti-MEK di Tabatabai hanno titoli come “Attenti al MEK” e ripetono alla lettera le accuse diffuse dal MOIS iraniano.
In un articolo su National Interest , per esempio, Tabatabai afferma che il MEK non abbia sostegno popolare in Iran, abbia una storia di violazioni dei diritti umani, sia stato responsabile di azioni anti-americane in passato e stia presentando un’immagine democratica per sfruttare i timori occidentali nei confronti del regime iraniano. Inoltre, la vera natura del MEK viene descritta come un gruppo comunista cripto-sciita, e l’autore afferma che sostenerlo non porterebbe allo smantellamento del programma nucleare iraniano.
Nel marzo 2018 Tabatabai scrisse un articolo sostenendo che il MEK non è un’alternativa praticabile all’attuale governo iraniano e sollevando preoccupazioni sul cambiamento di regime come approccio politico.
In un articolo pubblicato su Foreign Policy nel 2020, Tabatabai traccia parallelismi tra i gruppi dissidenti iraniani, tra cui il MEK, e QAnon, un gruppo di teoria della cospirazione che ha acquisito importanza nella politica statunitense, in termini di capacità di utilizzare Internet e le piattaforme online per la diffusione.
Nel 2014, aveva scritto per National Interest: “Le voci a sostegno del MEK stanno ignorando le lezioni di alcuni degli errori di politica estera degli Stati Uniti più catastrofici degli ultimi decenni, esortando Washington a ripetere la storia”.
In uno studio RAND presentato alla sottocommissione per gli Affari Esteri della Camera degli Stati Uniti sul Medio Oriente, il Nord Africa e il terrorismo internazionale il 28 gennaio 2020, Tabatabai scrive: “Sebbene la legittimità della Repubblica islamica abbia chiaramente sofferto e il malcontento popolare continui a crescere, La politica degli Stati Uniti nei confronti dell’Iran deve basarsi sulla realtà. Chiaramente, gli Stati Uniti dovrebbero cercare di essere preparati a tutti gli scenari, compreso un potenziale collasso del regime, che potrebbe portare alla nascita di un governo democratico amico (che rimane uno scenario poco probabile per il prossimo futuro) o portare a un altro regime autoritario, come uno guidato dal Mujahedin-e Khalq (MEK), un improbabile contendente al potere con una storia preoccupante”.

Ariane Tabatabai and Jamal Abdi (1)

Ariane Tabatabai e Jamal Abdi, presidente del NIAC, erano entrambi presenti alla conferenza della ‘Coalizione per un’Azione di Pace’.

Dina Esfandiary, un’altra figura chiave all’interno dell’IEI, ha utilizzato attivamente la sua piattaforma Twitter per denigrare la legittimità del MEK. I suoi post lasciano poco spazio all’interpretazione, con un tweet che afferma con enfasi: “Se c’è qualcosa su cui tutti gli #iraniani sono d’accordo, è che il #MEK NON è un’alternativa. Grazie per le sue intuizioni, signor Pence. Per favore, non si preoccupi la prossima volta”.
Alcuni dei suoi tweet sono i seguenti:

“Sì-RT @borzou :1 cosa lega i liberali, gli islamisti, la sinistra, i monarchici, gli ebrei, i bahai, i cristiani, gli arabi, i curdi, gli azeri dell’#Iran=odio per #mko #mek”

“#MEK è “Stalinismo meno la vodka”
“Il nemico del mio nemico è mio amico non funziona in questo caso dice @ArianeTabatabai su #Iran e #MEK”
“In caso questa opinione sul @nytimes sia stata persa, la ragione per cui il #MEK #Iraniano è così odiato: http://nytimes.com/2011/08/14/opinion…”

Rouzbeh Parsi:

Nel 2011, Parsi scrisse un rapporto programmatico per l’Istituto dell’Unione Europea per gli Studi sulla Sicurezza. “Va qui evidenziato che il MEK non è un interlocutore valido e legittimo. Il gruppo sostiene la violenza e ha una dubbia esperienza quando si tratta di comprendere e sostenere la democrazia e il rispetto dei diritti umani”, affermava.

Ancora nel settembre 2023 ha scritto in un tweet (in Svedese), “Il Mujahedin-e Khalq non ha sostegno popolare in Iran e può quasi essere descritto come un culto politico-religioso.”
Alcuni dei suoi tweet sono i seguenti:

“Se il MEK è l’opposizione principale, allora la situazione è triste. In realtà si tratta di un gruppo marginale senza base in Iran”.

“Un rapporto approfondito sulla posizione e sulla storia del MeK, l’organizzazione settaria travestita da resistenza contro la Repubblica Islamica dell’Iran”.

“@thekarami interessante che siano fermamente convinti che il #mek non è un gruppo di opposizione valido, né democratico.”

“Un buon rapporto sullo strano culto del #MeK/MKO e sui suoi fan politici occidentali http://goo.gl/YaiGKO @tparsi@Ali_Gharib @mashabani”

Nel settembre 2012: “Se il Dip. di Stato legittimasse il #MEK ciò rappresenterebbe un grave ostacolo per qualsiasi tentativo di ottenere progressi sulla via diplomatica con l’#iran.@eu”

Adnan Tabatabai:

Adnan Tabatabai non ha evitato di sfruttare Twitter per diffondere sentimenti negativi sul MEK.
Nel 2019, la Società Nejat del regime (un’organizzazione di facciata anti-MEK e affiliata al MOIS) ha citato queste sue affermazioni : “A causa del suo ruolo nella guerra Iran-Iraq, il gruppo è ora più odiato dagli iraniani di al-Qaeda e Isis. È fatale credere che un tale gruppo possa influenzare positivamente il processo politico in Iran”.
Alcuni dei suoi tweet sono i seguenti:

“Il popolo iraniano disprezza #MKO probabilmente anche più di #ISIS o #ALQAEDA, e pensate che M. Rajavi parli a nome del popolo iraniano? Questo è patetico”.

“Questo è più che ridicolo. L’#Albania ospita la setta terroristica #MKO/#MEK che #Bolton ha dichiarato il suo gruppo “dissidente” #iraniano preferito. Dall’#Albania il #MKO/#MEK esegue operazioni di manipolazione dei social media, come riportato da @Channel4News, @AlJazeera_World e altri.”
È interessante notare che Tabatabai cita il tweet di Trita Parsi a questo proposito:

“Incontrate Maryam Rajavi , presidente della Repubblica Digitale del Botistan… …oh, più un gruppo di membri femminili del culto in uniforme nella stanza.”

“Assicuratevi di guardare tutti i video. @RichardEngel fa luce sul culto terroristico noto come #MEK/#MKO. Nonostante sia gestito come una setta militante, è corteggiato come un gruppo di opposizione #iran|ianoa Washington, ed è stato appena incoraggiato (o “em|#Bolton|ed”) dal NatSecAdvisor del presidente Trump.”

“Gingrich, Giuliani and Bolton sono ospiti abituali delle sfilate del MEK.”

“Ecco un rapporto illuminante sulla fabbrica di bot gestita da #MKO/#MEK per distorcere e avvelenare il dibattito #iraniano su @Twitter con decine di account falsi. Lavoro eccezionale di @will_yong. https://youtu.be/JKfSFa5tE_w”

Queste citazioni dirette dai loro account Twitter, discorsi e articoli evidenziano lo sforzo strategico e coordinato di questi membri dell’IEI per sminuire la credibilità del MEK all’interno della sfera pubblica. È fondamentale analizzare criticamente le fonti e le motivazioni alla base di queste narrazioni poiché continuano a plasmare il discorso più ampio che circonda il MEK.

Appendice 2

Gli stretti legami di Adnan Tabatabai e Javad Zarif

Secondo e-mail trapelate, Adnan Tabatabai manteneva uno stretto rapporto con Javad Zarif, l’ex ministro degli Esteri iraniano. In un’e-mail datata 19 maggio 2014, Tabatabai propose di scrivere articoli fantasma per conto del Ministero degli Esteri iraniano: “Il nostro suggerimento potrebbe essere che noi, come gruppo, lavoriamo su un saggio (2000 parole) riguardante i colloqui in corso”. Tabatabai inoltre proponeva che l’articolo fosse pubblicato sotto il nome di un ex funzionario tramite la CSR o l’IPIS, soggetto alle revisioni di Zarif e del suo team.
Quattro giorni dopo, il ministro degli Esteri, Javad Zarif rispose al messaggio e-mail, con Zahrani in copia. Zarif accettava la proposta e raccomandava la pubblicazione di questi articoli o editoriali sotto i nomi di vari individui iraniani e non iraniani all’estero, come così come di ex funzionari.
A parte le e-mail trapelate, un breve esame di alcuni tweet di Adnan Tabatabai indica i suoi stretti legami con Zarif.

Quando non hai più cose da sanzionare, vai dai diplomatici. Questo aumenterà ulteriormente la popolarità di @JZarif in #Iran.

 

Il min. degli Esteri dell’#Iran @JZarif reagisce alla Corte Suprema che chiede 2 miliardi di dollari da parte della Banca Centrale dell’#Iran per le vittime statunitensi dell’attentato del 1983.

 

Elogi per @JZarif dell’Iran da parte della persona che troppi credono erroneamente (e sostengono ardentemente) sia il deciso antagonista del ministro degli Esteri. Lui non lo è.

 

#IRAN Oggi molti quotidiani hanno @JZarif in prima pagina che racconta il suo straordinario discorso di ieri al #Majles. Anche i suoi avversari sono rimasti impressionati.

 

Senza sorprese, i bot si sono “uniti” al dibattito #Twitter sulle dimissioni di @JZarif. cc: @geoffgolberg  @marcowenjones @BBCMonitoring

 

Oltre il patetico!!! I quattro tweet di mascolinità di @SenTomCotton che sfidano il FM dell’#Iran @JZarif

Il min. Esteri dell’#Iran’s @JZarif ci riprova Ricordando il valore del #JCPOA, la necessità di capacità di difesa.
https://washingtonpost.com/opinions/zarif-what-critics-get-wrong-about-iran-and-the-nuclear-agreement/2016/04/20/7b542dee-0658-11e6-a12f-ea5aed7958dc_story.html

 

FM @JZarif è l’incarnazione del cambiamento di politica estera che il presidente Rouhani intende attuare. http://lobelog.com/nuclear-talks-paradigm-shift-in-iran-foreign-policy/ #Iran

 

Tweet del FM dell’#Iran @JZarif in occasione del primo anniversario del #JCPOA.

Appendice 3

Gli sforzi collettivi dei membri dell’IEI nel promuovere legami con il regime iraniano
I membri della “Iran Expert Initiative” (IEI) hanno lavorato insieme in modo coordinato, impegnandosi in numerosi incontri, conferenze, interviste televisive e articoli in collaborazione. I loro sforzi collettivi miravano a promuovere un approccio conciliante nei confronti del regime iraniano, utilizzando essenzialmente la voce collettiva di molteplici “esperti iraniani” per convalidare la loro posizione. In particolare, Dina Esfandiari ha partecipato attivamente a vari incontri insieme ad altri membri IEI come Ali Vaez, Rouzbeh Parsi, Ellie Geranmayeh e Arian Tabatabai. Inoltre, hanno collaborato tra loro su diversi articoli congiunti pubblicati sui media.
Una rapida rassegna delle fotografie di questi incontri e articoli fornisce un evidente supporto a questa affermazione.
wpr dina esfandiary ali vaez article (1)wpr dina esfandiary ali vaez article 2 (1)wpr rouzbeh parsi panel (1)The International Institute: Dina Esfandiary (al centro) e Rouzbeh Parsi (a destra)

wpr rouzbeh parsi panel 2

Ali Vaez and Ellie Geranmayeh

wpr dina esfandiary ali vaez article 4Articolo sul New York Times di Dina Esfandiary e Ali Vaez

wpr dina esfandiary ali vaez article 3

Adnan Tabatabi (right) and Rouzbeh Parsi (left)Adnan Tabatabi (destra) e Rouzbeh Parsi (sinistra)

Adnan Tabatabi (far right) and Rouzbeh Parsi (far left).pngAdnan Tabatabi (destra) e Rouzbeh Parsi (sinistra)

Panel (from left to right) Dina Esfandiary, Laura Rockwood, Ariane TabatabaiPanel (da sinistra a destra): Dina Esfandiary, Laura Rockwood, Ariane Tabatabai

Dina Esfandiary (middle) and Ariane Tabatabai (right)

Dina Esfandiary (centro) e Ariane Tabatabai (destra)

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow