sabato, Aprile 13, 2024
HomeComunicati StampaDiritti UmaniCome Wikipedia viene modificata per minimizzare le atrocità sui diritti umani in...

Come Wikipedia viene modificata per minimizzare le atrocità sui diritti umani in Iran.

 

Fiona Hamilton

Domenica 7 gennaio 2024, The Times

Iran
Le pubblicazioni governative iraniane sono state presentate come fonti di notizie imparziali sull’enciclopedia online gratuita.

Le voci di Wikipedia sono state modificate per minimizzare le atrocità e gli abusi sui diritti umani in Iran, secondo quanto appreso da The Times, sollevando preoccupazioni che agenti o sostenitori stiano utilizzando il sito per manipolare informazioni ostile pubblicamente disponibili sul regime.

Le informazioni sono state anche modificate per screditare i gruppi dissidenti iraniani, mentre le pubblicazioni governative sono state presentate come fonti di notizie imparziali sull’enciclopedia online gratuita.

In un caso, sono stati rimossi dettagli chiave sulle esecuzioni di massa del regime iraniano. È stato anche cancellato il fatto che attuali alti funzionari del regime erano coinvolti nelle “Commissioni di morte” del 1988, in cui sono stati uccisi migliaia di prigionieri politici.

• Come l’Iran sta diffondendo disinformazione nel Regno Unito
A parte ciò, i sostenitori di Vahid Beheshti, un attivista iraniano per i diritti umani che ha intrapreso uno sciopero della fame nel Regno Unito, sono stati ripetutamente ostacolati nel tentativo di creare una pagina su Wikipedia.

Mattie Heaven, moglie di Beheshti, ha dichiarato che sono stati effettuati quattro tentativi di creare la pagina perché su Internet circolavano molte informazioni errate sul marito, che continua a esercitare pressioni sul governo britannico affinché designi il potente Corpo dei pasdaran (IRGC) dell’Iran come gruppo terroristico.

Heaven ha detto che il testo è stato ripetutamente rimosso in modo che la pagina non potesse funzionare. “Credevamo fosse l’esercito cibernetico iraniano”, ha detto.

La Wikimedia Foundation, l’organizzazione non profit che gestisce Wikipedia, ha dichiarato che tutti i contenuti sono determinati dalla comunità globale di editor volontari di Wikipedia. Le sue politiche richiedono che le informazioni siano neutrali e verificate da fonti affidabili, ha dichiarato una portavoce, aggiungendo che ci sono numerose misure di sicurezza per affrontare la disinformazione, incluso il divieto per i recidivi. Tra le altre cancellazioni vi sono riferimenti all’arresto di un funzionario iraniano in Svezia nel 2022 per abusi sui diritti umani e all’espulsione di due diplomatici iraniani dall’Albania nel 2018 per il loro presunto coinvolgimento in un complotto con bombe contro i dissidenti.

Le modifiche sono state apportate da contributori anonimi di Wikipedia, quindi non è possibile esplorarne le motivazioni.

Heaven, consulente di politiche e difesa presso l’Organizzazione Internazionale per la Preservazione dei Diritti Umani, ha affermato che la disinformazione online è uno strumento chiave del regime iraniano. “Per loro è molto importante ciò che il mondo pensa, avere legittimità agli occhi del mondo. Non gli importa di quello che fanno in Iran, fanno ciò che vogliono. Ma gli interessa ciò che il mondo pensa di loro. Se il regime può seminare confusione e disinformazione, lo farà”.

Gli ufficiali di sicurezza hanno sempre più denunciato le tattiche iraniane, riconoscendo che esiste una minaccia crescente per il Regno Unito. MI5 e la polizia hanno dichiarato di aver sventato almeno 15 piani per rapire o uccidere dissidenti iraniani in Gran Bretagna dall’inizio del 2022. Lo scorso mese, una spia iraniana è stata condannata per una missione di “ricognizione ostile” in preparazione di un attacco terroristico contro Iran International, un canale in lingua persiana con sede nel Regno Unito che ha trasmesso immagini di proteste e intimidazioni “sponsorizzate dallo Stato” a Teheran.

La disinformazione online è anche uno strumento chiave del regime. Nel 2019, Open Democracy ha rivelato differenze significative nella copertura degli affari iraniani su Wikipedia in persiano rispetto a quella in inglese. Secondo quanto riportato, la pagina in persiano sull’coinvolgimento iraniano nella guerra civile siriana era basata principalmente su affermazioni cospirazioniste non contestate da funzionari iraniani, mentre la pagina in inglese aveva una narrazione più accurata. Ora sembra che la manipolazione sia stata effettuata anche sulla versione in lingua inglese di Wikipedia. Molte delle modifiche riguardavano una pagina del Mojahedin del Popolo iraniano, noto anche come Mojahedin-e Khalg (MEK), un gruppo di opposizione esiliato che sostiene il rovesciamento della Repubblica Islamica.

Sulla pagina in inglese del MEK su Wikipedia, durante l’estate, sono state cancellate una serie di informazioni riguardanti gli abusi sui Diritti Umani da parte dei funzionari iraniani. Gli utenti anonimi che hanno modificato i contenuti citavano la necessità di “ridimensionamento” o consideravano il materiale irrilevante.

A giugno dell’anno scorso, sono stati rimossi dettagli da una sezione sulle “Commissioni di morte” del 1988, compresa l’estensione del calvario dei prigionieri politici, il fatto che molti fossero donne e minorenni e che molte vittime scontassero pene detentive per attività pacifiche come la distribuzione di volantini. È stata inoltre eliminata una citazione secondo cui le esecuzioni erano “effettuate da diversi alti membri del governo attuale dell’Iran”.

Un mese prima, lo stesso utente anonimo ha rimosso riferimenti all’espulsione di due diplomatici iraniani dall’Albania per il presunto coinvolgimento in un complotto con bombe contro il MEK nel 2018, e la condanna a ergastolo di un funzionario iraniano in Svezia l’anno scorso per il suo ruolo nell’esecuzione dei prigionieri politici. Nell’aprile 2022 è stata rimossa una citazione riguardante i circa 3.500 prigionieri del MEK uccisi nei primi anni ’80 in Iran.

Un’analisi delle modifiche sulla pagina ha mostrato che alcuni utenti hanno ripristinato alcune modifiche, sebbene molte cancellazioni siano rimaste intatte al momento della pubblicazione dell’articolo.

Marco, un editore di Wikipedia che contribuisce alla piattaforma da diversi anni, ha notato le modifiche e le ha segnalate agli amministratori perché era preoccupato che il sito potesse essere manipolato per scopi di propaganda. In seguito ha informato The Times perché credeva che non fosse stata presa un’azione sufficiente.

Ha anche osservato che informazioni provenienti da fonti di notizie governative iraniane venivano inserite nelle voci di Wikipedia e presentate come imparziali, e che i contenuti sul movimento di protesta interno in Iran sembravano essere manipolati.

Una portavoce di Wikimedia ha dichiarato: “La disinformazione è un problema che la fondazione e i volontari di Wikipedia prendono molto sul serio, e ci sono numerose misure in atto per affrontarlo. Gli editor volontari e gli amministratori svolgono un ruolo di prima linea nella difesa contro la manipolazione dei contenuti, rivedendo regolarmente i cambiamenti in tempo reale. I robot individuano e annullano molti comportamenti negativi comuni sul sito, e gli amministratori volontari indagano ulteriormente e affrontano i comportamenti negativi.

“Quando un account utente o un indirizzo IP viola ripetutamente le politiche, gli amministratori di Wikipedia possono intraprendere azioni disciplinari e bloccare o vietare un utente o un indirizzo IP. Le violazioni possono includere vandalismo ripetuto, l’uso di account fasulli, l’editing non pagato non dichiarato o il conflitto di modifiche.

“Sebbene questi problemi siano generalmente affrontati dai volontari, la fondazione ha una funzione di fiducia e sicurezza che segnala tali problemi alla comunità di volontari quando vengono segnalati. In alcuni casi, la fondazione indagherà su questioni più

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow