martedì, Dicembre 6, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniUn prigioniero politico iraniano di etnia azera ha iniziato lo sciopero della...

Un prigioniero politico iraniano di etnia azera ha iniziato lo sciopero della fame

CNRI – Un prigioniero politico iraniano di etnia azera, Ebrahim Nouri, ha iniziato questa settimana lo sciopero della fame nel carcere di Ahar, nell’Iran nord-occidentale, secondo alcune notizie locali.

Nouri ha scritto una lettera annunciando che stava iniziando lo sciopero della fame giovedì 28 Luglio. 

Ed ha scritto inoltre: “Una condotta legale è stato il mio modo di combattere, dal momento del mio arresto fino ad ora. Purtroppo, a causa della mancanza di conseguenze legali, adotterò una condotta politica, oltre alla mia condotta legale, in questa seconda fase. Perciò, per la realizzazione dei nostri diritti legittimi e per raggiungere un risultato adeguato, inizierò lo sciopero della fame e non interromperò la mia protesta anche se dovessi essere sul punto di morire”.

Ebrahim Nouri è stato arrestato e trasferito nel carcere di Ahar il 17 Luglio. È stato accusato di aver preso parte a manifestazioni, di collusione contro la sicurezza nazionale, di propaganda contro il regime e di incitamento alla protesta.

Migliaia di turchi iraniani di etnia azera, hanno protestato in varie città, come Teheran, Tabriz, Orumiyeh, Zanjan, Ahar, Khoy e Ardebil, martedì e giovedì di questa settimana, contro la denigrazione degli azeri sui media di stato.

Le manifetazioni sono state provocate dalla pubblicazione di dichiarazioni diffamatorie sui media di stato, contro il più grosso gruppo di minoranza etnica iraniano. L’edizione del 20 Luglio del quotidiano di stato Tarhe-No (no. 868) aveva pubblicato frasi offensive contro gli iraniani di etnia azera.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,458FollowersFollow