martedì, Dicembre 6, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaSen.Valeria Cardinali: Non ci sono dubbi sul fatto che le donne siano la...

Sen.Valeria Cardinali: Non ci sono dubbi sul fatto che le donne siano la forza del cambiamento in tutto il mondo, e ancor di più in Iran

L’intervento della Sen. Valeria Cardinali alla conferenza della Resistenza Iraniana a Parigi il 9 febbraio

Sig.ra Presidente Rajavi,

Onorevoli colleghi, Signore e Signori,

E’ un grande onore essere con voi oggi per esprimere la mia solidarietà ai coraggiosi uomini e donne iraniane che stanno protestando per la libertà e la democrazia.

Vorrei applaudire lei, Sig.ra  Rajavi, perché lei da donna musulmana, sta guidando l’opposizione organizzata contro il regime teocratico in Iran, cosa unica in quella parte del mondo.

Il suo coraggio e la sua grande leadership sono colpi che arrivano direttamente al cuore del regime misogino al potere in Iran ed è un messaggio forte per tutte le donne del suo paese, che dice che loro sono la forza per il cambiamento. Sin dalla mia prima partecipazione a questi incontri sono rimasta molto colpita dalla grande presenza di donne e tutte in ruoli importanti all’interni dell’organizzazione.

Mentre i mullah riducono le donne a cittadini di seconda classe, lei da’ loro la speranza in un futuro migliore, dimostrando che sono pienamente in grado di assumere un ruolo di leadership nella lotta per un Iran libero e democratico.

E secondo le notizie che arrivano dall’Iran, sembra che il suo messaggio sia stato ricevuto, dato che le donne sono in prima linea in ogni protesta e che stanno sfidando coraggiosamente le politiche repressive della teocrazia, come quella sul dress-code obbligatorio.

Le stesse autorità iraniane ammettono oggi che almeno un terzo di quegli 8000 manifestanti arrestati nel corso delle recenti proteste, sono donne. Già solo questo dimostra la determinazione delle donne dell’Iran a non arrendersi alla repressione del regime e quanto siano pronte a fare grandi sacrifici, se necessario, per arrivare ad un cambiamento democratico.

Abbiamo bisogno di una ribellione internazionale alla sistematica mancanza di parità di genere in Iran e abbiamo bisogno che i governi democratici non solo riconoscano, ma collaborino anche, con le coraggiose leader donne, come lei Madame Rajavi, per contribuire a creare dei cambiamenti che garantiscano un futuro migliore e più prospero per gli uomini e le donne in Iran.

Noi dobbiamo ricordare che le decine di migliaia di donne, membri dell’opposizione iraniana del PMOI, che il regime ha giustiziato sin dal 1979, rappresentano il 50% della popolazione iraniana, che sono grandemente istruite e determinate a porre fine a questo regime teocratico, come le proteste anti-regime dimostrano oggi in Iran.

Auspico che l’UE e il responsabile della politica estera dell’UE, Mogherini, facciano tutto quanto è nelle loro possibilità, per dare visibilità alla lotta delle donne per i diritti umani e vogliano porsi come interlocutori nelle necessarie trattative per il rilascio dei prigionieri politici.  

Non ci sono dubbi sul fatto che le donne siano la forza del cambiamento in tutto il mondo, e ancor di più in Iran; la storia ha dimostrato che riusciranno nella loro lotta. La comunità internazionale, e soprattutto l’UE, devono sostenere le organizzazioni che lottano per l’affermazione dei diritti delle donne in Iran e nel mondo per far sì che quel giorno arrivi più prima che poi.

Grazie.

 

 

 

 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,458FollowersFollow