lunedì, Aprile 15, 2024
HomeNotizieResistenza IranianaOnorare la rivoluzione iraniana del 1979, una battaglia in corso contro due...

Onorare la rivoluzione iraniana del 1979, una battaglia in corso contro due dittature

berlin rally iranian resistance 10022024

L ‘ 11 febbraio, gli iraniani di tutto il mondo commemorano la storica rivoluzione del 1979, un momento cruciale nella storia della nazione che ha segnato il rovesciamento di una monarchia repressiva. Questa rivoluzione popolare simboleggia l’incrollabile determinazione contro la tirannia e un fervido desiderio di libertà e democrazia.
Il significato di questo anniversario non può essere sopravvalutato. Serve a ricordare il trionfo del popolo iraniano sul dispotismo, la discriminazione, la disuguaglianza e l’oppressione, commemorando i sacrifici fatti da innumerevoli individui che coraggiosamente si sono opposti all’ingiustizia.
Tuttavia, alcuni media persiani, operanti al di fuori dell’Iran e finanziati da governi stranieri, tentano di sminuire l’importanza della rivoluzione. Cercano di mascherare i crimini del regime precedente e propagandare la falsa idea che gli iraniani rimpiangano la loro decisione di ribellarsi. Questi sbocchi trascurano convenientemente le atrocità commesse sotto il dominio della monarchia e respingono la diffusa corruzione e le disparità di classe. Mettono persino in discussione il fatto storico che milioni di iraniani si siano ribellati contro lo Scià e abbiano spodestato il suo regime corrotto in una rivolta nazionale durata più di 27 mesi.
Negli ultimi anni, questi sforzi di propaganda si sono intensificati, specialmente durante la rivolta del 2022. Alcune piattaforme hanno promosso il figlio dell’ex dittatore mentre censuravano la principale opposizione all’interno dell’Iran. Tuttavia, il popolo iraniano ha risposto con un clamoroso rifiuto di questi sforzi con il loro slogan: “Morte all’oppressore, sia esso lo Scià o il leader (Khamenei). Questo slogan ha cristallizzato il loro rifiuto della propaganda ingannevole.
Il popolo iraniano rifiuta inequivocabilmente sia l’attuale regime che qualsiasi ritorno alla precedente dittatura. Invece, aspirano a stabilire una repubblica democratica. Negare il significato della rivoluzione anti-monarchica e sostenere un ritorno alla monarchia disattende in modo flagrante i principi sanciti dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e mina il diritto fondamentale di ribellarsi contro l’oppressione.
Sostenere il ripristino della monarchia ha profonde implicazioni. Invece di tornare indietro nel tempo e stabilire il dominio di una struttura inesistente per diventare la nuova monarchia, questa narrazione cerca solo di dividere i vari ranghi dell’opposizione e servire la teocrazia esistente.

Dal 2017, in coincidenza con la diffusione diffusa delle Unità di Resistenza, una rete interna dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo iraniano (PMOI/MEK), le proteste occasionali si sono intensificate e si sono evolute in rivolte a livello nazionale che hanno minacciato l’esistenza del regime. Non è nemmeno un caso che gli sforzi per promuovere il miraggio di ripristinare la monarchia deposta abbiano guadagnato slancio da allora.
Nel gennaio 2018, giorni dopo la sanguinosa repressione della rivolta, il Leader supremo Ali Khamenei ha dichiarato: “C’è stato un coinvolgimento attivo di una relazione triangolare in queste rivolte. Lo schema è orchestrato dagli americani e dagli agenti del regime sionista. I fondi provenivano da uno di questi stati fantoccio intorno al Golfo Persico. Tuttavia, il tirapiedi era l’organizzazione ipocrita, l’organizzazione ipocrita responsabile delle uccisioni umane. Erano gli stooges.”
Mentre il coinvolgimento di paesi stranieri nella rivolta nazionale iraniana era chiaramente infondato, Khamenei ha chiarito inequivocabilmente all’establishment dominante e al suo vasto apparato di sicurezza che la natura della minaccia più formidabile del regime si è evoluta, segnalando un cambiamento di approccio.
Nonostante la severa repressione del regime, le unità di resistenza del PMOI hanno svolto un ruolo fondamentale in tutte le principali rivolte da allora, in particolare sostenendo lo slancio della rivolta del 2022. Ancora oggi, continuano ad alimentare le fiamme della resistenza.
Quindi, il regime di Khamenei emerge come l’unico beneficiario nell’impedire al mondo e alla società iraniana di conoscere queste unità. Mettendo a tacere e screditando il PMOI, il regime mira a privare la nazione oppressa della speranza che il cambiamento sia realizzabile.

Inoltre, l’idea di tornare a una dittatura monarchica serve solo gli interessi dell’attuale regime. Qualsiasi propaganda che promuova tale regressione perpetua l’esistenza del regime distogliendo l’attenzione dai suoi fallimenti e atrocità.
Attraverso i suoi canali all’interno dei media in lingua persiana con sede all’estero, il regime si impegna abilmente in una strategia sofisticata. Nonostante sostengano di opporsi al regime, queste narrazioni distorcono i fatti storici che circondano il rovesciamento dello Scià e travisano una rivoluzione significativa come un errore che ha portato a un incubo peggiore. Di conseguenza, queste narrazioni non promuovono un sentimento favorevole a un’altra rivoluzione e un cambio di regime; invece, minano qualsiasi inclinazione a sollevarsi e combattere la tirannia.
Neutralizzando il PMOI, il regime mira a eliminare qualsiasi alternativa praticabile, come il Consiglio Nazionale della Resistenza iraniana (NCRI), che include l’organizzazione come parte della sua struttura. Senza un’opposizione credibile che colleghi la rivoluzione interna con un ombrello politico riconosciuto a livello internazionale, il regime crede che la sua esistenza sia assicurata.
Mentre il progresso è forgiato attraverso la lotta e il sacrificio, piuttosto che la regressione e il rimorso, gli iraniani commemorano l’anniversario della rivoluzione del 1979, riaffermando la loro dedizione ai principi di libertà, giustizia e democrazia. Piuttosto che accettare una scelta tra il minore dei due mali, si ritengono meritevoli dei più alti ideali. Il popolo iraniano aspira a costruire una repubblica democratica in cui i suoi diritti e le sue libertà siano rispettati. Il viaggio verso questo obiettivo comporta la resistenza organizzata e gli sforzi incrollabili di individui dedicati come le Unità di Resistenza PMOI.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow