lunedì, Aprile 15, 2024
HomeComunicati StampaDiritti UmaniIran: Le simpatizzanti della PMOI, Forough Taghipour e Marzieh Farsi, condannate a...

Iran: Le simpatizzanti della PMOI, Forough Taghipour e Marzieh Farsi, condannate a 15 anni ciascuna e Zahra Safaei a 5 anni di carcere

iran mek supporters jailed (1)

La magistratura del regime iraniano ha condannato tre donne sostenitrici dell’Organizzazione Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI), Forough Taghipour, Marzieh Farsi e Zahra Safaei, detenute nel carcere di Evin, a un totale di 35 anni di carcere. Il giudice penale Iman Afshari, capo della sezione 26 del Tribunale rivoluzionario, ha condannato Forough Taghipour e Marzieh Farsi a 15 anni e Zahra Safaei a 5 anni di carcere.
Forough Taghipour, 29 anni, laureata in contabilità, è stata arrestata per la seconda volta il 21 agosto 2023 a Teheran. Suo zio e due zie, Hojatollah, Parvin e Tayebeh Jabarianha, sono stati martirizzati negli anni ’80, mentre suo padre e sua sorella sono membri della PMOI di Ashraf 3 in Albania. In precedenza è stata imprigionata da marzo 2020, insieme alla madre Nasrin Jabarianha, con l’accusa di collegamento con l’OMPI e propaganda anti-regime, fino a febbraio 2023.
Il 21 agosto 2023, a Teheran, è stata arrestata anche Marzieh Farsi, 58 anni, madre di due figli, che in precedenza aveva trascorso tre anni in prigione e soffre di cancro. Suo fratello, Hassan Farsi, è stato giustiziato nel massacro dei prigionieri politici del 1988. Anche suo fratello e le sue due sorelle si trovano ad Ashraf 3.
Zahra Safaei, 60 anni e madre di due figli, è stata imprigionata per la terza volta. Ha trascorso 8 anni in prigione negli anni ’80 a causa del suo sostegno al PMOI. Nel marzo 2020 è stata arrestata per la seconda volta insieme alla figlia, Parastoo Moeini, ed è stata rilasciata nel febbraio 2023. Suo padre, Haj Hasanali Safaei, un importante commerciante del bazar di Teheran e prigioniero politico durante l’era dello Scià, è stato giustiziato nel 1981 per aver fornito aiuto al PMOI. Anche suo figlio, Massoud Moeini, è stato condannato a 3 anni di carcere ed è detenuto a Evin.
Iman Afshari, capo della sezione 26, uno dei tre rami del Tribunale rivoluzionario di Teheran, partecipa attivamente all’emissione di condanne a morte e detenzioni a lungo termine per i prigionieri politici e i detenuti delle rivolte del 2017, 2019 e 2022. Il 27 dicembre 2023, questo giudice penale, insieme ad Alghasi-Mehr, il capo della magistratura di Teheran, e ad alcune guardie carcerarie e interrogatori, con il pretesto di un’ispezione, si è recato nel reparto delle donne prigioniere politiche a Evin, dove si sono trovati di fronte alle obiezioni delle prigioniere. In seguito, le guardie carcerarie hanno picchiato brutalmente le prigioniere e hanno portato i due criminali fuori dal carcere.
Il fascismo religioso che governa l’Iran cerca inutilmente di affrontare l’adesione di giovani e donne alle unità della Resistenza, il divampare della rivolta popolare e il ruolo guida delle donne con arresti, torture, esecuzioni e detenzioni a lungo termine. Il fuoco della rabbia e della gioventù del popolo iraniano non si spegne.
La Resistenza iraniana invita ancora una volta l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, i relatori e gli altri organi competenti delle Nazioni Unite, nonché tutti i difensori dei diritti umani e delle donne, a intraprendere azioni urgenti per la liberazione dei prigionieri politici in Iran, in particolare delle donne, e sollecita una missione internazionale di accertamento dei fatti a visitare le carceri iraniane e a incontrare i prigionieri.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
17 febbraio 2024

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow