lunedì, Aprile 15, 2024
HomeNotizieResistenza IranianaI sostenitori della Resistenza iraniana commemorano l’anniversario della rivoluzione del 1979 in...

I sostenitori della Resistenza iraniana commemorano l’anniversario della rivoluzione del 1979 in tutto il mondo

iranian resistance rallies 10022024 (1)

Il 10 febbraio, iraniani e sostenitori del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran si sono riuniti in numerose città nel mondo, tra cui Berlino, Parigi, Bruxelles, Stoccolma, Londra, Roma, Vienna, Amsterdam, Berna, Göteborg, Oslo, Lussemburgo e Vancouver, per celebrare l’anniversario della Rivoluzione del 1979. Hanno orchestrato manifestazioni, mostre e marce, esponendo striscioni e foto, suonando melodie patriottiche e cantando slogan per chiedere un cambio di regime in Iran.
Il loro messaggio ha affermato che la rivoluzione che ha rovesciato la dittatura della monarchia 45 anni fa persiste, lottando per la democrazia fino al suo esito finale con l’eliminazione del regime dei mullah. Hanno reso omaggio a decine di migliaia di connazionali, uomini e donne, che hanno sacrificato la propria vita per opporsi alla dittatura religiosa e si sono impegnati a sostenere la loro eredità.
Inoltre, hanno espresso un fermo sostegno al CNRI e al suo Piano in Dieci Punti, guidato dalla signora Maryam Rajavi, presidente-eletta del Consiglio. I manifestanti hanno anche solidarizzato con le Unità di Resistenza iraniane, una rete dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI/MEK) all’interno dell’Iran, impegnandosi ad amplificare le loro voci a livello globale e a resistere alla censura sistemica.
Questi eventi hanno incluso un discorso dal vivo di Maryam Rajavi, accanto agli interventi di parlamentari, altri personaggi politici, membri del CNRI e rappresentanti delle comunità iraniane nel mondo. Tutti hanno ribadito il loro sostegno agli iraniani che lottano per la libertà, la democrazia e una repubblica laica.
Queste manifestazioni hanno coinciso con numerose attività audaci da parte delle Unità di Resistenza in Iran la scorsa settimana – che miravano a commemorare la rivoluzione del popolo iraniano del 1979, promuovendo speranza e coraggio tra la popolazione ed enfatizzando lo slancio duraturo della rivoluzione.
Al raduno di Berlino, dove numerosi sostenitori del CNRI si erano riuniti presso la Porta di Brandeburgo, diversi esponenti politici ed ex membri del Parlamento tedeschi si sono rivolti alla folla.

L’ex parlamentare tedesco Martin Patzelt ha indicato l’imperativo di combattere la disinformazione propagata dal regime iraniano. Patzelt ha evidenziato l’insidiosa infiltrazione della propaganda nelle nazioni libere, mettendo in guardia contro la condiscendenza di fronte a tale manipolazione.
Attirando l’attenzione sulle tendenze guerrafondaie del regime, Patzelt ha notato il ruolo del regime iraniano nel diffondere falsità e nel perpetuare il conflitto, spingendovi al tempo stesso i palestinesi.
Patzelt ha affermato: “Questa dittatura ha dichiarato la sua prima guerra contro il proprio popolo 40 anni fa, una guerra contro il popolo, contro l’umanità e contro la libertà, perché non ha il concetto di libertà. Perché cerca di soggiogare le persone, di sfruttarle, di vivere sulle loro spalle. È proprio per questi motivi che sono stati fondati l’OMPI e il CNRI; affinché ci sia una voce nel mondo libero che parli inequivocabilmente, che proclami la verità”.
Esortando a vigilare contro i tentativi del regime di reprimere il dissenso e di distorcere la verità, Patzelt ha aggiunto: “Si tratta di una resistenza in un’era di repressione fisica e disinformazione sistematica. Ciò a cui stiamo assistendo ora sta diventando sempre più una guerra psicologica. Una guerra condotta sui social media, diffondendo informazioni false e suggerendo che il regime non è poi così male, che dovremmo solo essere pacifici, che possiamo impegnarci nel commercio e che possiamo costruire un futuro insieme. No, non possiamo. Non possiamo permettere che l’odio e la guerra siano seminati con ingenti somme di denaro, denaro sottratto alla popolazione nella sua stessa terra. Questa rete che diffonde menzogne all’estero è una mafia internazionale di inganni. Deve essere smantellata. E noi, che abbiamo la libertà di parlare apertamente, non solo iraniani ma anche tedeschi, britannici, francesi, americani, tutti noi dobbiamo dare il nostro sostegno”.
Citando i processi farsa del regime per perseguire i membri della Resistenza iraniana, ha affermato: “A livello nazionale, il regime sta cercando di reprimere e impedire con ogni mezzo il crescente sostegno all’OMPI. Perché ha riconosciuto la minaccia. Esiste un’organizzazione disposta a guidare il popolo iraniano verso un futuro migliore. Un futuro democratico, come delinea il Piano in Dieci Punti. Passo dopo passo, questo è un futuro in cui rimarremo parte della comunità globale preservando le tradizioni di ogni singola nazione. Questo è il futuro a cui aspiriamo e l’OMPI è pericoloso per il regime. La Resistenza rappresenta una minaccia significativa per il regime dei mullah. Ciò viene sempre più riconosciuto perché è una voce organizzata per il popolo iraniano”.
Il parlamentare tedesco Christoph de Vries ha condannato il numero impressionante di esecuzioni in Iran, evidenziando la minaccia rappresentata dalle attività di spionaggio del regime, anche sul suolo tedesco. Come parlamentare di Amburgo, ha affermato: “Il Centro Islamico di Amburgo deve finalmente essere chiuso. E bisogna anche garantire che le attività di spionaggio del regime dei mullah iraniani qui in Germania finiscano. Non dobbiamo permettere che i membri dell’opposizione fuggiti dall’Iran siano nuovamente minacciati dal regime qui in Germania”.
De Vries ha indicato la minaccia globale rappresentata dall’Iran come il principale sostenitore, organizzatore e finanziatore del terrorismo in tutto il mondo. Ha ricordato il sostegno dell’Iran ai gruppi che agiscono per sua procura e i recenti attacchi dei ribelli Houthi alle navi internazionali.

Sostenendo un’azione decisiva, il deputato De Vries ha affermato la necessità di imporre sanzioni efficaci a livello europeo e internazionale per indebolire la posizione del regime. Ha chiesto specificamente la piena designazione dell’IRGC come organizzazione terroristica da parte dell’UE, evidenziando l’importanza della solidarietà nel raggiungimento dell’obiettivo comune di una repubblica iraniana libera, democratica e laica.

Nel suo discorso, l’ex ministro polacco Marcin Święcicki ha denunciato il trattamento brutale riservato ai dissidenti e ai manifestanti in Iran. Ha criticato il sostegno del regime ai gruppi terroristici e la sua vendita di armi ad aggressori come la Russia, che ha attaccato l’Ucraina. Ricordando il progetto clandestino di acquisire armi nucleari da parte del regime, Święcicki ha chiesto la fine della politica di condiscendenza e ha sostenuto un cambiamento nell’approccio dell’Occidente nei confronti dell’Iran.
Ha detto: “45 anni di condiscendenza non hanno funzionato. Dobbiamo riconoscerlo in Occidente. Dobbiamo cambiare la nostra politica nei confronti dell’Iran e sostenere coloro che lottano per un Iran democratico e libero. Riconoscere il Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran, guidato da Maryam Rajavi, come un’alternativa reale, praticabile e realistica all’attuale regime. Il Piano in Dieci punti della signora Rajavi – portare la democrazia e lo Stato di diritto in Iran, separare religione e Stato, riconoscere i diritti delle donne e dismettere le aspirazioni nucleari – è un piano che richiede e merita il nostro sostegno. Con il nostro sostegno, non solo il popolo iraniano sarà libero prima, ma ci sarà anche maggiore stabilità in Medio Oriente. Ecco perché invitiamo i nostri governi a riconoscere questa opposizione come una valida alternativa all’attuale regime”.

Il parlamentare tedesco Ingo Bodtke ha riflettuto sul significato della Potsdamer Platz e della Porta di Brandeburgo a Berlino, ricordando la propria esperienza di libertà dopo la caduta del Muro di Berlino nel 1989. Tracciando parallelismi tra l’oppressione affrontata dagli iraniani e le lotte dei tedeschi dell’est, Bodtke ha indicato l’importanza di opporsi ai regimi che negano le libertà fondamentali. Ha osservato la mancanza di legittimità del regime iraniano e ha condannato le esecuzioni di persone che lottano per la libertà.
Bodtke ha affermato: “Solo lo scorso anno, 864 persone sono state giustiziate per questo motivo. Gli assassini non hanno il diritto di governare. Siamo solidali con il popolo iraniano e gli auguriamo molto coraggio, determinazione e unità nella lotta per un Iran democratico, caratterizzato da libertà e pace. Quindi, sono immensamente lieto di vedere tante persone qui presenti ad esprimere la loro solidarietà. Dal profondo del mio cuore auguro che tutti gli iraniani possano presto provare l’indescrivibile sentimento di libertà che ho citato. La libertà e la democrazia non devono mai essere date per scontate”.

Il parlamentare europeo tedesco Niels Geuking ha parlato della difficile situazione di coloro che lottano per un Iran libero. Ha espresso solidarietà al movimento e ha denunciato la penosa situazione in Iran, segnata da un numero scioccante di esecuzioni, di cui 864 solo nel 2023, cosa che ricorda i secoli bui del medioevo.

Riflettendo sulla commemorazione delle 120.000 vittime dal 1979, l’eurodeputato Geuking ha indicato la necessità di affrontare le politiche disumane e le atrocità dell’Iran contro il suo stesso popolo. Ha citato la risoluzione del Parlamento Europeo che designava il Corpo delle Guardie della Rivoluzione come organizzazione terroristica, risoluzione poi ammorbidita, evidenziando esitazione e ingiustizia all’interno delle istituzioni.
Ha inoltre affermato l’urgenza che la comunità internazionale rompa il silenzio e sostenga le aspirazioni del popolo iraniano al cambiamento, alla libertà e alla dignità. Ha esortato alla solidarietà e al sostegno attivo per porre fine all’era di oppressione e sofferenza in Iran, osservando che abbiamo una responsabilità condivisa come esseri umani di difendere l’uno per l’altro i diritti e le libertà.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow