mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeNotizieResistenza IranianaLettera dell'ex vicepresidente Vidal-Quadras all'intergruppo del Parlamento europeo: l'UE deve cambiare la...

Lettera dell’ex vicepresidente Vidal-Quadras all’intergruppo del Parlamento europeo: l’UE deve cambiare la politica nei confronti dell’Iran

european parliament alejo vidal quadras (1)

Il professore Alejo Vidal-Quadras, ex vicepresidente del Parlamento europeo, ha scritto una lettera convincente indirizzata a un incontro organizzato dagli Amici dell’Iran Libero a Strasburgo il 22 novembre 2023.
Nella sua lettera, il Prof. Vidal-Quadras descrive quattro metodi impiegati dal regime iraniano e afferma che tutti gli sforzi passati di appeasement sono falliti. Sostenendo una strategia di fermezza, sottolinea la necessità di sanzioni, pressioni diplomatiche, isolamento internazionale e sostegno all’opposizione democratica iraniana.

Lettera dell’ex vicepresidente del Parlamento Europeo, Alejo Vidal-Quadras, all’incontro organizzato a Strasburgo dall’intergruppo Amici dell’Iran Libero
22 novembre 2023

Cara signora Presidente, Maryam Rajavi, cari co-presidenti degli Amici dell’Iran Libero, Javier Zarzalejos e Milan Zver, cari colleghi e amici
Il 9 novembre sono stato colpito in volto a Madrid, con l’intenzione di uccidermi, ma la mia vita è stata miracolosamente preservata, anche se il proiettile ha distrutto la mia mascella. Il mio attuale stato di salute prevede un recupero lento e ci vorrà del tempo prima che io sia al massimo delle mie capacità. Sono sicuro che potrò contare sul vostro aiuto per tornare al lavoro il prima possibile.
Innanzitutto, voglio ringraziarvi tutti dal profondo del cuore per le molte espressioni di solidarietà e supporto che ho ricevuto da voi, da quando sono stato vittima di questo attacco terroristico. In particolare, desidero esprimere la mia gratitudine alla Presidente Roberta Metsola per aver menzionato il mio caso nell’ultima sessione plenaria e, naturalmente, alla mia cara amica Maryam, nostra leader e ispiratrice, per l’affetto e l’attenzione più premurosa che mi è stata dedicata in questi giorni. Rimarranno sempre nella mia memoria.
La seconda cosa che desidero fare è congratularmi con voi per il vostro coraggio e la vostra determinazione nell’organizzare questo evento dopo quanto mi è successo. Questo riflette il vostro impegno indissolubile nei confronti dei nostri valori europei di democrazia e libertà e la vostra personale audacia nel non permettere al criminale regime iraniano di intimidire le nostre istituzioni. Per me è un grande onore aver partecipato insieme a molti di voi al progetto collettivo di più alta moralità di tutta la storia dell’Unione Europea.
Come terza idea, permettetemi di ricordarvi che il regime iraniano utilizza quattro metodi per imporre la sua volontà maligna su di noi. Il primo si basa sulla paura che hanno i governi occidentali per un Iran dotato di armi nucleari. Da questa prospettiva, l’accordo nucleare, il JCPOA, è puramente tattico per guadagnare tempo, fino a quando raggiungeranno i loro obiettivi. Il secondo è il sequestro di ostaggi e il loro scambio. I mullah arrestano visitatori occidentali innocenti in Iran e li scambiano con terroristi condannati che scontano la pena nei territori europei o americani. Il terzo elemento si basa sugli interessi oscuri di alcune grandi aziende occidentali che operano in Iran. Su questo punto particolare, fare affari con la dittatura iraniana è pane per oggi e fame per domani. E il quarto e ultimo metodo è la capacità del regime iraniano di pianificare ed eseguire attacchi terroristici come quello che ho recentemente subito. Noi non dobbiamo dimenticare che se accettiamo una volta il ricatto, saremo ricattati sempre.
Infine, permettetemi di dichiarare molto chiaramente che la politica dell’Unione Europea nei confronti della Repubblica islamica dell’Iran deve cambiare, e questo cambiamento deve essere tanto profondo quanto efficace. Per decenni, l’Occidente ha cercato di placare, negoziare, dialogare e fare concessioni. Ora abbiamo tutte le prove che questo approccio non ha funzionato e non funzionerà mai. Si può cercare di compromettersi con un nemico razionale, ma raggiungere un accordo con un Male Assoluto irrazionale è semplicemente impossibile. Il regime iraniano non vuole trovare un equilibrio di potere tra di noi, vuole spazzarci via dalla faccia della terra. Finché non comprendiamo e non accettiamo questa terribile verità, falliremo e saremo sconfitti.

C’è solo una politica intelligente da adottare da parte dell’Occidente nei confronti del regime iraniano, sia basata su principi che pratica, ed è quella della fermezza, della perseveranza e della forza. La giusta combinazione di sanzioni, pressioni diplomatiche e politiche, isolamento internazionale e pieno sostegno all’opposizione democratica iraniana, come espresso nel Piano dei Dieci Punti della signora Rajavi, è l’unico modo per avere successo. Qualsiasi altra strategia è una perdita di tempo. Ci sono due percorsi certi verso il fallimento: chiedere l’impossibile e posticipare l’inevitabile. Abbiamo commesso entrambi gli errori negli ultimi 40 anni nei confronti della teocrazia iraniana. È tempo di cambiare. È tempo di rispettare i nostri standard etici e politici. È tempo di schierarsi con il popolo iraniano senza esitazioni. È tempo di vincere.

Grazie ancora per la vostra amicizia in questi momenti difficili per me, spero di incontrarvi presto in condizioni migliori.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow