mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeComunicati StampaDiritti UmaniIran: Esecuzione del prigioniero della rivolta Milad Zohrehvand, 21 anni, nel carcere...

Iran: Esecuzione del prigioniero della rivolta Milad Zohrehvand, 21 anni, nel carcere di Hamedan

Milad Zohrehvand iran (1)

Esecuzione di 9 prigionieri il 22 e 23 novembre

Gli agenti criminali di Khamenei hanno giustiziato segretamente, senza informare la sua famiglia, il prigioniero insorto Milad Zohrehvand, 21 anni, un coraggioso figlio del popolo di Malayer, nella prigione centrale di Hamedan il giovedì 23 novembre.

Milad era stato ferito e arrestato dai colpi di pasdaran durante le proteste del popolo di Malayer il 27 ottobre 2022. La magistratura del regime lo aveva condannato a morte per la morte di un membro dei Guardiani della Rivoluzione Islamica di nome Ali Nazari, e la Corte Suprema dei mullah aveva confermato la sua condanna a morte.

In seguito a questa esecuzione criminale e per timore di proteste popolari, le forze di repressione sono state dispiegate in varie parti di Malayer da questa mattina. Allo stesso tempo, altri otto prigionieri sono stati impiccati il 22 e 23 novembre. Il 23 novembre, Rasoul Gorgij e Shahmorad Davoudi sono stati giustiziati a Mashhad, e il 22 novembre, Moslem Jamshidi, Mohammad Andishgo e altri due prigionieri nella prigione di Qezel Hesar, Ebrahim Zamahriz a Tabriz e un altro prigioniero di nome Reza sono stati giustiziati.

Con queste esecuzioni, Khamenei mette in mostra sia la brutalità del regime che la sua paura del vulcano dell’ira popolare. Tuttavia, questi crimini solo rafforzano la determinazione della volontà del popolo e dei giovani ribelli di rovesciare la situazione.
La Resistenza Iraniana appella alle Nazioni Unite, all’Unione Europea e agli Stati membri affinché intraprendano urgenti azioni per fermare la macchina di morte di questo regime e salvare le vite dei prigionieri condannati a morte.

Il regime dei mullah deve essere espulso dalla comunità internazionale e i suoi leader, in particolare Khamenei, Raisi ed Eje’i, devono essere consegnati alla giustizia per crimini contro l’umanità.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iranaina
23 novembre 2023

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow