mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeComunicati StampaResistenza IranianaL'arresto dei sospettati per il tentato omicidio del dott. Vidal-Quadras rafforza l'ipotesi...

L’arresto dei sospettati per il tentato omicidio del dott. Vidal-Quadras rafforza l’ipotesi del legame con il regime iraniano

NCRI

È indispensabile inserire le Guardie Rivoluzionarie nella lista dei terroristi e chiudere le ambasciate del regime iraniano.

Ieri i media spagnoli hanno riferito che “sono state arrestate tre persone sospettate di essere legate all’attentato ai danni del dottor Alejo Vidal-Quadras” e che “questi arresti rafforzano l’ipotesi di una cosiddetta ‘impronta iraniana’” che è legata al suo rapporto “con l’opposizione iraniana fin dal periodo in cui era membro del Parlamento europeo tra il 1999-2014 e ai suoi legami a partire da allora” (El Pais, 21 novembre 2023).
In relazione a questi arresti, il 21 novembre il Times di Londra ha citato separatamente i media spagnoli, affermando che la polizia ha confermato l’esistenza di una “pista iraniana”, che dimostra che l’attacco è stato compiuto per via della relazione della vittima con l’opposizione iraniana.
Nel frattempo, il Mail Online il 21 novembre ha scritto: “Il compagno di una donna inglese che ha assoldato un assassino per l’omicidio di un politico affermato è un ‘musulmano sciita estremista’”.
Una settimana prima, il 14 novembre (cinque giorni dopo l’attacco terroristico contro Vidal-Quadras), l’agenzia di stampa Fars del regime, affiliata alle Guardie Rivoluzionarie (IRGC), ha citato una “fonte informata” e ha scritto: “La Repubblica islamica ha ufficialmente avvertito tutti i Paesi che ospitano gruppi terroristici che ospitare PMOI/MEK e altri gruppi terroristici comporterà gravi conseguenze per loro. … La fonte informata, riferendosi all’assassinio di Vidal-Quadras, ha sottolineato: il governo spagnolo farebbe meglio a non essere protagonista di uno schema del PMOI/MEK… La Spagna dovrebbe sapere che ospitare il PMOI/MEK o intrattenere relazioni con loro avrà gravi conseguenze”.
Una tattica ben nota del regime dei mullah è quella di demonizzare prima i propri oppositori, direttamente o attraverso procuratori e infiltrati vari, per poi procedere alla loro eliminazione fisica. Il 26 ottobre 2022, il Ministero degli Affari Esteri dei mullah ha inserito Alejo Vidal-Quadras e il Comitato internazionale in cerca di giustizia (ISJ) nella sua lista nera e, parallelamente, gli agenti del regime nei Paesi europei hanno attaccato lui e l’ISJ. L’Unione Europea e i suoi Stati membri devono contrastare con determinazione la politica di diffusione di false informazioni e di demonizzazione attuata dal regime e smascherare e neutralizzare i suoi procuratori politici e la sua rete di infiltrazioni nei circoli politici europei.
È inoltre noto che il regime si avvale di bande criminali per eliminare e assassinare i suoi oppositori. Ad esempio, nel marzo 2018, quando il regime voleva far saltare in aria la celebrazione del Nowrouz (il capodanno iraniano) di migliaia di membri del MEK con la presenza di decine di autorità europee e americane a Tirana, in Albania, aveva ingaggiato bande criminali in Turchia e nei Balcani sotto la supervisione della Forza Quds dell’IRGC per portare a termine l’operazione. Il direttore della polizia generale albanese, in una conferenza stampa del 23 ottobre 2019, ha rivelato i dettagli delle bande criminali che sono state ingaggiate per questo complotto.
La Resistenza iraniana invita l’Unione Europea a designare le Guardie Rivoluzionarie come organizzazione terroristica ed esorta il governo, la polizia e la magistratura spagnoli ad arrestare gli autori dell’attacco terroristico contro il dottor Vidal-Quadras e a sottoporli a processo e a rendere pubblici tutti i documenti e i dettagli relativi. Come lo stesso Vidal-Quadras ha più volte sottolineato, la chiusura delle ambasciate e degli uffici di rappresentanza del regime iraniano in Europa, l’espulsione degli agenti del Ministero dell’Intelligence e della Sicurezza (MOIS) e dell’IRGC e la condanna dei mercenari del regime sono fondamentali per affrontare e prevenire la diffusione del terrorismo irrefrenabile del regime.

Segreteria del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (NCRI)
22 novembre 2023

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow