lunedì, Giugno 24, 2024
HomeComunicati StampaResistenza IranianaIl regime iraniano intensifica la repressione delle donne nel timore di rivolte

Il regime iraniano intensifica la repressione delle donne nel timore di rivolte

ncri-womens-committee-logo

Iran: brutale repressione delle donne con il pretesto di combattere il velo improprio, per prevenire qualsiasi potenziale rivolta
La Commissione Donne del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran condanna fermamente la crescente repressione delle donne con il pretesto di combattere il velo improprio come tentativo disperato del regime misogino dei mullah di sedare ogni potenziale rivolta. Invita i difensori dei diritti umani e i sostenitori dei diritti delle donne a denunciare le atrocità commesse dal regime e a isolarlo dalla comunità globale.
Le misure oppressive del regime contro le donne, che hanno raggiunto livelli di violenza senza precedenti da sabato 13 aprile, sono state stimolate dalle direttive di Khamenei di dieci giorni prima. Il 3 aprile ha affermato: “Tutti dovrebbero rispettare la questione del velo” e ha definito “il governo e la magistratura responsabili dell’adempimento dei loro obblighi religiosi e legali riguardo alla questione”.
Il 10 aprile è andato ancora oltre e ha schierato i suoi mercenari non ufficiali per reprimere il popolo, affermando: “Il sistema della Repubblica Islamica è anche responsabile contro le deviazioni religiose, e dobbiamo garantire che sia i funzionari che i cittadini non vacillino, e invece promuovano la virtù e prevengano il vizio”.
Secondo quanto riportato dai media statali il 10 aprile 2024, Ahmadreza Radan, comandante delle Forze di Sicurezza dello Stato (FSS), ha annunciato che a partire da sabato 13 aprile le persone che non rispettano l’obbligo del velo saranno individuate utilizzando apparecchiature di sorveglianza avanzate. Chi non osserva l’obbligo del velo nei luoghi pubblici riceverà una prima ammonizione e nella fase successiva verrà deferito al tribunale. I veicoli nei quali non viene osservato l’obbligo del velo saranno prima oggetto di un’ammonizione e al secondo caso verranno sequestrati. Tutte le attività i cui dipendenti non rispettano l’obbligo del velo riceveranno un avviso una volta e poi verranno chiuse. Allo stesso tempo, le donne sono minacciate dalla repressione da parte delle FSS in varie province.
La televisione statale di Qom ha riferito il 13 aprile che Mohammad Saeedi, la guida della preghiera del Venerdì nella città, ha dichiarato: “Il nemico, aiutato da mercenari interni, ha avviato un’azione sulla questione del velo”, aggiungendo: “Se rispondiamo passivamente, loro valutano la possibilità di rovesciare il sistema della Repubblica Islamica”.
Il sito web statale Bahar News ha riferito il 16 aprile che Aga Tehrani, capo della Commissione Culturale del “parlamento” del regime (Assemblea Consultiva Islamica), ha indicato la necessità che 32 agenzie affrontino la questione del velo, facendo riferimento alla legge repressiva sulla castità e sul velo. Ha dichiarato: “Tutte le agenzie dovrebbero essere partecipi su questo, poiché tutti ne siamo responsabili; non dovrebbe essere compito esclusivo della polizia o del Ministero degli Interni… il governo dovrebbe essere attivamente impegnato, ed è urgente che tutti i ministri prendano l’iniziativa”.
La Commissione Donne del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran esorta sia le donne che gli uomini in Iran a opporsi coraggiosamente all’ultima ondata di oppressione delle donne. Inoltre, implora la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite sulla violenza contro le donne di denunciare l’hijab obbligatorio e altre forme di oppressione contro le donne in Iran.
Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran – Commissione Donne
17 aprile 2024

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow