martedì, Aprile 23, 2024
HomeNotizieResistenza IranianaLa maggioranza della Camera degli Stati Uniti presenta la risoluzione H.Res 100...

La maggioranza della Camera degli Stati Uniti presenta la risoluzione H.Res 100 per il cambiamento della politica sull’Iran

 

iranian resistance hres 100 1Giovedì 9 marzo 2023, diversi membri bipartisan della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti presenteranno una risoluzione che chiede un nuovo approccio alla politica sull’Iran. La risoluzione, che ha già ottenuto il sostegno della maggioranza della Camera nei primi 50 giorni del 118° Congresso, è sponsorizzata da membri chiave di varie commissioni, tra cui Affari esteri, Servizi armati, Sicurezza interna, Stanziamenti e il Comitato ristretto sull’intelligence.

L’annuncio arriva nel contesto delle continue proteste del popolo iraniano e dell’intensificazione della repressione da parte del regime. Inoltre, la risoluzione offre un percorso chiaro per una nuova politica statunitense sull’Iran, in coincidenza con le preoccupazioni allarmanti per gli attacchi chimici in corso contro le studentesse del Paese in occasione della Giornata internazionale della donna. Restate sintonizzati per gli aggiornamenti su questa storia in evoluzione.

QUESTA PAGINA SARÀ AGGIORNATA SUGLI SVILUPPI DELLA CONFERENZA

tom mcclintoc 1

Rappresentante Tom McClintock (R-CA)

Sono molto lieto di annunciare che la Risoluzione 100 della Camera, che esprime il sostegno del Congresso al diritto del popolo iraniano a una Repubblica dell’Iran democratica, laica e non nucleare, è ora co-sponsorizzata dalla maggioranza assoluta della Camera dei Rappresentanti. 222 membri dei 435 della Camera, repubblicani e democratici, sono ora al fianco del popolo iraniano che lotta per liberarsi dei teppisti teocratici che lo hanno oppresso per troppo tempo.

Il popolo iraniano ne ha abbastanza delle violazioni dei diritti umani, della totale incompetenza dei mullah e della violenza delle loro guardie iraniane. Sempre più spesso le donne iraniane, le cui legittime aspirazioni sono state represse dal governo, e i giovani, il cui futuro è stato rubato da quel governo, si sono fatti avanti per guidare le proteste che si svolgono regolarmente in tutto il Paese.

I loro messaggi sono chiari: ne abbiamo abbastanza e non ne sopporteremo più. Non dobbiamo vivere sotto il controllo di dittatori, ma possiamo invece prendere il posto che ci spetta tra i popoli liberi del mondo e godere dei diritti umani, della dignità umana, delle libertà umane e della prosperità che è il segno distintivo delle società libere.

Questi nuovi leader hanno sopportato torture, violenze sessuali e di genere e persino la morte per assicurarsi la libertà, e il loro eroismo e la loro determinazione hanno catturato l’attenzione del mondo e con essa il sostegno della maggioranza dei rappresentanti eletti del popolo americano.

Una volta che i dittatori iraniani saranno stati cacciati dal potere e che la giustizia per i loro crimini sarà stata fatta, spetterà al popolo iraniano tracciare il suo percorso futuro. Ma non sarà difficile. I principi del piano in dieci punti:

– Il diritto universale di votare in elezioni libere ed eque.

– Il diritto di ogni persona a partecipare a un mercato libero e a godere della prosperità che la libertà garantisce.

– Il diritto di essere giudicati per i propri meriti, indipendentemente da sesso, religione o etnia.

– Il diritto di tornare nella comunità delle nazioni libere e rispettate, basate sulla coesistenza pacifica.

Questo è il futuro dell’Iran. La sua rotta è già tracciata. Il viaggio è già iniziato e, in effetti, la sua splendente destinazione può già essere vista prendere forma in lontananza.

Representative Brad Sherman 1

Rappresentante Brad Sherman (D-CA)

È un momento importante per l’Iran: la gente, da un capo all’altro del Paese, si solleva per rivendicare i propri diritti e chiedere una Repubblica iraniana pacifica e democratica.

Alcuni di voi lavorano per un Iran democratico fin dagli anni Settanta. Tuttavia, abbiamo visto le donne prendere il comando e questa è la giornata giusta per riconoscere il loro ruolo.

Abbiamo una risoluzione che, a quanto mi risulta, conta 223 cosponsor. È la maggioranza della Camera.

La risoluzione riconosce Maryam Rajavi come una delle donne che hanno lottato per la democrazia in Iran. E commemora un’intera nuova generazione di donne che stanno combattendo il regime che ha continuato i suoi violenti attacchi contro i manifestanti e chiunque osi dissentire, compresa l’orribile uccisione di oltre 500 manifestanti innocenti, molti dei quali erano adolescenti e persino bambini.

Decine di migliaia di persone sono state arrestate e alcune condannate a morte. L’eredità del regime di uccidere i dissidenti non è una novità. È stata usata come tattica per decenni per soffocare la lotta del popolo iraniano per la libertà. Questo, ovviamente, include i brutali omicidi di migliaia di dissidenti durante il massacro del 1988, perpetrati da funzionari del regime che ora includono il Presidente Raisi. Si scaglia con la violenza perché non ha argomenti e non ha basi per acquisire il sostegno del popolo.

Rep. Sheilla Jackson Lee 1

Rappresentante Sheila Jackson-Lee (D-TX)

I miei colleghi e i miei amici sono su entrambi i lati del corridoio perché sappiamo di cosa si tratta. Non rinunceremo mai alla libertà dell’Iran. Non ci fermeremo mai. Lotteremo sempre.

Lotteremo finché l’Iran non sarà libero e libero per tutti, per le donne dell’Iran, per i bambini dell’Iran, per gli uomini e le famiglie dell’Iran.

Questa è la settimana in cui onoriamo le donne nella Giornata internazionale. Giornata della donna. Ma quando parlo di donne, parlo di umanitari, parlo di combattenti per la libertà, parlo di coloro che sono incessanti. Nella loro fede in un Iran libero, parlo di coloro che amano i bambini e li nutrono. E che danno loro il loro giorno di sole. E poi parlo di Madam, la Presidente, la combattente per la libertà. E oggi ti onoriamo Madam Rajavi.

Molto prima che qualcuno la ascoltasse, sono molto grata che il suo piano chieda il diritto universale di voto, elezioni libere e un’economia di mercato, e sostenga l’uguaglianza di genere, religiosa ed etnica. Chiede l’abolizione della Sharia e della pena di morte. Chiede una politica estera basata sulla coesistenza pacifica e una Repubblica iraniana non nucleare, basata sulla separazione tra religione e Stato. Chi può rifiutare tutto ciò?

Alle anime dell’Iran va il nostro onore. Se le giovani donne mi stanno ascoltando, se i giovani uomini mi stanno ascoltando, le famiglie e i bambini, guardate la schiera di straordinari iraniani americani, la diaspora iraniana. Sono con voi. Non siete soli. Sono in questa stanza. Sono nella capitale degli Stati Uniti. Sono i benvenuti qui. Stanno presentando una petizione al loro governo. Vengono ascoltati. E voi dovreste sentirvi confortati.

Deborah Ross 2 1

Rappresentante Deborah Ross (D-NC)

Sono un’orgogliosa co-sponsor di questa risoluzione. Sono anche particolarmente felice di essere qui con voi in prossimità della Giornata internazionale della donna. Le donne iraniane sono un faro e un’ispirazione per il mondo.

Le donne iraniane hanno bisogno di sentirsi sicure e libere anche nel loro Paese. Sono con voi in solidarietà e per l’intera lotta con i miei colleghi qui al Congresso.

Representative Pete Sessions 1

Rappresentante Pete Sessions (R-AL)

Gli Stati Uniti d’America e il mondo intero hanno imparato molto sull’Iran nel 1979. Ma le Guardie Rivoluzionarie hanno portato questo Paese su un sentiero di terrorismo e repressione. Uccidono il loro stesso popolo e qualsiasi gruppo di persone che uccide il proprio popolo è una minaccia per il mondo.

La lotta interna che si sta svolgendo in Iran è molto importante. Se lavoriamo insieme, avremo successo.

Representative Nancy Mace 1

Rappresentante Nancy Mace (R-SC)

Stamattina ci vedete qui in modo bipartisan, il nostro Paese, al fianco di coloro che in Iran vogliono le stesse libertà e lo stesso tipo di democrazia. E noi sosteniamo un processo democratico in Iran. Sosteniamo la vostra libertà. Sosteniamo la vostra lotta. Avete letteralmente rischiato la vita per questa libertà. E noi siamo al vostro fianco.

Representative Randy Weber 1

Rappresentante Randy Weber (R-TX)

Questo regime è così brutale nei confronti dei suoi stessi cittadini, e non riesco nemmeno a ricordare il numero di persone scomparse e uccise in prigione. È incredibile e sconvolgente. È ora che ci impegniamo. Sono molto felice che il Congresso degli Stati Uniti si sia fatto avanti e abbia detto: “Siamo al vostro fianco fino in fondo. Tutto questo deve finire.

Siamo così grati a Maryam Rajavi, a ciò che sta facendo e a come tutti voi l’avete seguita e sostenuta, uscendo di fatto allo scoperto. L’America si batte per un Iran libero, senza nucleare e democratico. Che, tra l’altro, potrebbe essere governato dal primo presidente donna della storia dell’Iran.

Niente più tiranni malvagi. Non in Iran. Devono andarsene. Questo è evidente nella rivoluzione. Questo è il giorno. Questa è la causa. Gli Stati Uniti sono con voi. Il mondo sta guardando. Siamo tutti con voi. È evidente nello slogan “Morte al dittatore, sia esso lo Scià o il leader!”.

Rep. Don Bacon 1

Rappresentante Don Bacon (R-NE)

Sono al fianco del popolo iraniano. Loro e noi vogliamo la libertà, la democrazia, i diritti umani, tutte cose che ha detto Madam Rajavi. Questi sono i principi per cui l’America si batte ed è nostra speranza che un giorno anche il popolo iraniano possa averli. Speriamo che un giorno ci sia una Casa del Popolo a Teheran”.

Representative Robert Aderholt 1

Rappresentante Robert Aderholt (R-AL)

Sono stato lieto di dare il mio sostegno come cosponsor della Risoluzione 100 della Camera e di esprimere semplicemente che il Congresso degli Stati Uniti dichiara di sostenere il desiderio del popolo di essere libero in Iran, e non solo di essere libero, ma anche di essere democratico, laico, non nucleare, e di permettere alle persone di tutte le fedi di praticare la loro religione e la loro fede come ritengono opportuno, e di assicurarsi che abbiano le libertà di cui possiamo godere e che diamo per scontate in questo Paese.

So che l’Albania è stata un grande amico per coloro che vogliono vedere un nuovo Iran. Voglio quindi ringraziare il governo albanese per il suo sostegno e fare tutto il possibile per incoraggiarlo a sostenere un Iran libero.

Representative Glenn Grothman 1

Rappresentante Glenn Grothman (R-WI)

Sono anch’io un cosponsor della Risoluzione 100 della Camera e spero che nel prossimo futuro vedremo ancora una volta la Persia essere ciò che è stata in passato, uno Stato moderno dedicato al miglioramento dei suoi cittadini, che non sia in grado di usare il potere assoluto dello Stato per reprimere le persone che hanno opinioni diverse da quelle di un piccolo segmento che sta usando lo Stato solo per promuovere se stesso per il proprio tornaconto personale.

per promuovere se stessi per il proprio tornaconto personale.

Siamo molto favorevoli al popolo persiano che vuole un Paese libero e una repubblica costruita su una costituzione che garantisca le libertà.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow