mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeEventsMeetingConferenza della Giornata internazionale della donna: la leadership delle donne iraniane per...

Conferenza della Giornata internazionale della donna: la leadership delle donne iraniane per la democrazia e l’uguaglianza

Brussels IWD2023 crowd

Il discorso della presidente Maryam Rajavi alla conferenza internazionale della donna:

Mentre celebriamo la Giornata Internazionale della Donna, inviamo i nostri più calorosi saluti alle donne pioniere che comandano la rivolta in Iran e alle coraggiose donne delle Unità della Resistenza.
Rendiamo omaggio alle 84 donne che sono diventate martiri durante la rivolta, da Mahsa Amini a Zarbibi Ismail Zehi a Zahedan.
Estendiamo i nostri infiniti saluti a tutte le donne coraggiose che si sono sacrificate e continuano a sacrificarsi per la rivoluzione democratica dell’Iran, sopportando immense sofferenze e torture. Queste sono le donne che sono state arrestate, torturate e brutalmente aggredite, alcune delle quali hanno perso la vista e persino la vita sotto tortura.
Rendiamo inoltre omaggio alle donne leader che hanno portato la fiaccola della lotta e della resistenza contro la dittatura religiosa per più di quattro decenni, generazione dopo generazione. Sono stati giustiziate o uccise sotto tortura a migliaia, eppure continuano a ispirare tutti noi.
Queste donne sono le portabandiera della rivoluzione democratica iraniana.
Rappresentano lo spirito coraggioso e fiero delle donne iraniane, che si sono ribellate come guerriere e hanno sacrificato le loro vite per liberare una nazione tenuta prigioniera.
Cari amici, innanzitutto esprimiamo le nostre condoglianze ai genitori delle centinaia di studentesse colpiti dall’avvelenamento a catena in varie città e regioni dell’Iran, e salutiamo la loro resistenza e protesta contro questo regime criminale.
L’avvelenamento di queste studentesse va avanti da tre mesi, e non c’è dubbio che sia organizzato e ordinato dal regime. L’ufficio di Khamenei cerca vendetta sulle ragazze che hanno avuto un ruolo decisivo nella recente rivolta in Iran e tenta di terrorizzarle.
Ancora una volta, sollecitiamo le Nazioni Unite, le agenzie particolarmente rilevanti come l’UNICEF e il Relatore speciale sulla violenza contro le donne, a indagare e rispondere con fermezza.

Brussels IWD2023 Linda Chavez
Mie care sorelle,
La Giornata Internazionale della Donna di quest’anno ha acquisito uno splendore unico e una credibilità senza pari, tutto grazie al notevole coraggio e allo spirito incrollabile delle donne iraniane che si sono ribellate al regime oppressivo dei mullah. Ha rivelato una grande verità: le donne svolgono un ruolo unico nel plasmare il destino della società. Un secolo fa le donne lottavano per il diritto di voto e oggi combattono per cambiare il mondo, da quello della barbarie a un mondo di libertà, giustizia e uguaglianza. Le donne hanno il potere e la capacità di realizzare questo cambiamento. Le donne devono occupare il loro giusto posto in tutte le sfere della società, compresa la politica, l’economia e la cultura.
In Iran è in corso una rivoluzione di dimensioni senza precedenti, guidata da un fronte unito di persone contro il regime oppressivo e misogino dei mullah. È una rivolta nazionale che rifiuta i regimi presente e passati ed è pronta a stabilire una repubblica democratica.
Le coraggiose e resilienti donne iraniane, nonostante tutte le difficoltà e gli ostacoli loro imposti, sono diventate l’incubo perpetuo di Khamenei, il loro incrollabile coraggio e il loro instancabile attivismo rappresentano una grave minaccia per l’esistenza del regime.
Nell’attuale rivolta, le studentesse hanno preso l’iniziativa nella maggior parte delle proteste, con 204 università che hanno assistito alla loro partecipazione. Inoltre, delle 1.776 scuole in cui gli studenti si sono uniti alla rivolta, 1.186 erano scuole femminili, evidenziando il ruolo fondamentale delle donne nel plasmare il futuro dell’Iran.
La rivolta e l’impareggiabile coraggio ed eroismo delle donne iraniane hanno catturato l’attenzione del mondo.
Fino a ieri, il ruolo delle donne giustiziate nelle carceri di Evin e Gohardasht, e in più di 100 camere di tortura di Khomeini, e il ruolo delle donne giustiziate nel 1981, ovvero le ragazze che si rifiutavano persino di pronunciare il proprio nome davanti ai carnefici e vennero fucilate il 20 giugno di quell’anno, è stato volutamente occultato.
Il ruolo delle donne che si sono organizzate per la prima volta nella storia iraniana nelle unità dell’Esercito di Liberazione Nazionale iraniano è stato intenzionalmente nascosto. La politica della pacificazione non ha lasciato spazio all’attenzione sulla foto della comandante Sara appesa a un albero in montagna con un pugnale dell’IRGC nel cuore.

Brussels IWD2023 exhibition

Queste sono le foto strazianti di tre donne dei Mojahedin del Popolo che si sono autoimmolate: Sedigheh Mojaveri e Neda Hassani, che hanno perso la vita, e Marzieh Babakhani, che è sopravvissuta e ha subito decine di operazioni in seguito.
Dopo l’attacco del 17 giugno 2003 alla resistenza iraniana, quelle donne hanno ritenuto di non avere altra scelta che autoimmolarsi per resistere alla cospirazione dei mullah in Francia, in particolare dei cosiddetti “mullah riformisti”.
Se queste atrocità contro le donne iraniane erano state nascoste per anni nell’oscurità del silenzio e dell’autocompiacimento, fortunatamente ora il mondo ha aperto gli occhi.
Il Ministro degli Affari Esteri del Canada ha opportunamente affermato in una conferenza con i colleghi il 26 ottobre: “Vediamo la nostra umanità in loro [le donne iraniane]”; e Le Point ha scritto di “una rivolta ispirata da donne di incredibile coraggio” nel suo editoriale del 22 novembre.
Sì, queste fiamme di libertà e uguaglianza che vedete, questo coraggio che ispira il mondo, saranno seguiti da tempeste. Verrà il giorno in cui le donne dell’Iran rovesceranno la tirannia religiosa dei mullah.
Le donne insorte dell’Iran, seguendo il percorso delle donne pioniere, hanno presentato un nuovo significato della vita. Nasrin Qaderi, una figlia del popolo di Marivan in Kurdistan, stava conseguendo il dottorato in filosofia prima di essere assassinata. Ha scritto: “Non ci facciamo spaventare dalla morte, l’abbiamo vissuta”. Molte sono anche morte sotto tortura, tra cui Atefeh Na’ami a Karaj, o Ayda Rostami, medico compassionevole che ha curato i manifestanti feriti a Teheran.

La rivoluzione è necessaria per conquistare la libertà
I sacrifici fatti da queste donne trasmettono un messaggio potente: che la libertà richiede una rivoluzione. Una rivoluzione ha sempre un prezzo e coloro che promettono un cambiamento senza costi cercano solo di mantenere lo status quo.
Queste donne hanno anche smascherato e screditato le insidiose politiche dei “riformatori” filo-regime. Le donne iraniane non solo hanno rifiutato il velo obbligatorio ma anche il governo dittatoriale di qualsiasi tipo, sia esso dello scià o dei mullah.
Reza Shah impose la rimozione dei veli delle donne, mentre Khomeini li impose ancora una volta. Pertanto, il problema principale è la coercizione e la dittatura, dove la libera scelta non ha posto.
Ma oggi in Iran si sta svolgendo una rivoluzione democratica. Le ragazze ribelli di Zahedan gridano: “Con o senza l’hijab, avanti verso la rivoluzione!”. Vogliono una repubblica democratica senza turbante o corona, definita da libertà, sovranità popolare e libere elezioni. La regressione e la dittatura devono essere sradicate. I mullah hanno cercato di impedire alle donne di svolgere un ruolo cruciale nel rovesciamento della dittatura religiosa in Iran. Per 30 anni abbiamo detto che l’ascesa delle donne avrebbe innescato la rivolta. E guai ai mullah, perché saranno colpiti dal colpo fatale da dove non avevano mai immaginato: dalle donne e dalla loro inflessibile determinazione a rovesciare questo regime misogino, da lunghe file di innumerevoli donne che hanno compiuto sacrifici.

Qual è il nocciolo della questione?
Cari amici, sappiamo tutti che le donne che si assumono responsabilità significative nel cammino di lotta devono spesso pagare un prezzo molte volte superiore a quello degli uomini per ragioni storiche, per adempiere ai loro legittimi ruoli.
Come ci si poteva aspettare che queste donne comandassero e sopportassero il peso di condurre questa feroce lotta fino al suo punto di progresso e successo?
In poche parole, la risposta sta nel fare una scelta: scegliere di percorrere il difficile sentiero della lotta, scegliere di sacrificarsi e pagarne il prezzo senza aspettarsi alcuna ricompensa, e scegliere di combattere a tutti i costi. Significa scegliere di sostenere alti valori, difendere i principi e le regole di una giusta battaglia contro un nemico disumano, e perseverare nonostante la demonizzazione, le accuse, le menzogne, le calunnie, e resistere agli attacchi del nemico.
Per anni, anche durante l’attuale rivolta, è stato ironico che i media del regime e i leader della preghiera del venerdì di Khamenei si chiedessero perché le donne dell’OMPI indossassero l’hijab. Dopotutto, per 44 anni, Khomeini, Khamenei e gli ingannevoli mullah fondamentalisti hanno cercato di convincere la società iraniana che il nemico dei loro diritti e libertà non sia il loro regime, ma piuttosto gli Stati Uniti, l’Iraq o Gerusalemme. Questo nonostante il regime abbia condotto una guerra di otto anni con l’Iraq, usando lo slogan di conquistare Gerusalemme attraverso Karbala in Iraq.
Diciamo che il nocciolo della questione è che il conflitto ruota intorno alla libertà e alla sovranità popolare del popolo iraniano. Il regime tenta di dare alla sua crociata contro il popolo iraniano un contesto religioso e di etichettare l’OMPI come ipocriti con un Islam distorto. Se lasciamo loro definire la narrazione, ridurranno il conflitto a una questione di religione e credo, contrapponendo l’Islam al non-Islam. Tuttavia, dobbiamo ribadire che la questione centrale è la sovranità popolare con le libere elezioni.
E ripeto ancora che questo è il conflitto principale che ha tracciato una linea di demarcazione tra l’OMPI e questo regime per 44 anni, anche durante i periodi più bui e prolungati della storia dell’Iran, durante i periodi più impegnativi, complicati, dolorosi e sanguinosi della resistenza organizzata del Paese. Lo stesso movimento di Resistenza che Massoud Rajavi ha avviato distinguendo tra libertà e regressione.

Care amiche e sorelle,
Le domande dei mullah alle donne dell’OMPI vanno oltre l’hijab. Continuano con una serie di altre richieste, come ad esempio:
§ Perché non vi prendete cura dei vostri mariti e dei vostri figli? Perché vi siete dedicate alla lotta?
§ Perché parlate di egemonia femminile?
§ Perché avete dedicato tutto il vostro essere e la vostra energia a resistere al regime invece di condurre una vita normale?
Le risposte a queste domande sono concise e dirette:
§ Per perseguire la libertà e il libero arbitrio.
§ Per combattere la dittatura e provocarne la caduta.
§ Per il bene del popolo iraniano.
§ Per il bene delle donne, degli uomini e dei bambini dell’Iran.
§ Perché tutte le minoranze godano di uguali diritti e libertà, con autonomia.
§ E per consentire che emergano una miriade di possibilità in un Iran libero.

L’esperienza dell’OMPI
Ho sempre sostenuto che il nostro movimento di resistenza, in particolare le 1.000 donne dell’OMPI, che compongono il Consiglio Centrale dell’OMPI, è stato forgiato attraverso anni di lotta, sacrificio e determinazione. Siamo guidati da un desiderio di potere, ma nel senso di dare potere al popolo iraniano, strappare il potere agli oppressori che lo hanno tenuto in una morsa autoritaria e restituirlo ai suoi legittimi proprietari: il popolo.
Questo obiettivo vale qualsiasi sacrificio, non importa quanto grande, e richiede la rinuncia al comfort e alla sicurezza personali. Queste 1.000 donne, che costituiscono il nucleo della leadership collettiva della rivolta del popolo iraniano e della strategia di 1.000 Ashraf, hanno abbracciato un ethos altruistico, rifiutando i mantra di “prima io” e “tutto per me”.
L’esperienza pratica e la lotta sia contro lo scià che contro i mullah hanno reso possibile questo ethos altruistico, in particolare quando migliaia di donne e ragazze dell’OMPI si sono schierate in prima linea per resistere a Khomeini e al suo regime. Ricordo la loro coraggiosa parata a Teheran e la loro instancabile campagna per la piattaforma presidenziale di Massoud Rajavi che difendeva la libertà. Molte di loro sono state imprigionate, torturate e giustiziate, ma si sono rifiutate di essere spezzate e sono diventate un fulgido esempio di resistenza nella storia moderna dell’Iran.
Nei momenti di difficoltà, quando si trovavano di fronte a responsabilità pesanti, ho visto come queste donne hanno superato il dubbio e l’incredulità per compiere scelte cruciali. E ricordo anche i momenti decisivi in cui hanno dovuto assumersi le proprie responsabilità in posizioni di egemonia.
Durante la lotta contro la regressione e la dittatura, ho assistito alla sconfitta delle ideologie del sessismo e dell’egocentrismo. Il mondo tradizionale della gelosia e della competizione è andato in frantumi, lasciando il posto a una nuova era di vera sorellanza, sostegno reciproco e cooperazione. Per una donna, e per tutte le donne, questo è uno dei momenti più belli. Oserei dire che si sono riunite come un collettivo, guidate dalla passione e dalla determinazione per progressi significativi, dal rovesciamento del regime oppressivo alla creazione di un Iran libero, democratico, prospero e sviluppato dove le donne abbiano pari partecipazione.
Chiunque abbia un minimo di esperienza sa che percorrere questa strada è difficile e comporta il confronto di forti contraddizioni ad ogni passo. Tuttavia, queste donne non competono tra loro; invece, si completano e si sostengono a vicenda. Riconoscono che la loro forza sta nell’amplificare il loro potere insieme, piuttosto che nell’eliminarsi a vicenda. Questa è la chimica umana e liberatoria di cui ogni individuo ha bisogno.
Il risultato più significativo delle donne Mojahedin è la loro capacità di creare relazioni basate sull’empatia invece che sulla ristrettezza mentale e sulla gelosia, e il loro sacrificio disinteressato l’una per l’altra non conosce limiti. Insomma, di questo hanno bisogno la fiducia tradita e le emozioni ferite della società iraniana. Ho assistito personalmente a come il percorso aperto da queste donne ha trasformato gli uomini all’interno di questo movimento, insegnando loro ad allontanarsi dal mondo del “prima di tutto” e della competizione e ad abbracciare il mondo della fratellanza, della solidarietà e del sostegno. Ciò ha portato a una nuova generazione di migliaia di uomini liberati.

Fronte della rivoluzione contro regressione e dittatura
Fortunatamente, questo comportamento liberatorio si è ormai diffuso tra le Unità della Resistenza e tra i giovani ribelli ed è evidente nelle loro insurrezioni. Seguono le orme delle loro sorelle in questa resistenza, mostrando uguali misure di coraggio, aggressività e capacità di lotta. Inoltre, hanno ispirato i sostenitori della Resistenza che accettano prontamente innumerevoli responsabilità nella battaglia contro i regimi sia dei mullah che dello scià in tutte le arene.
Il fronte della rivoluzione e della libertà incarna queste realtà tangibili, mentre il fronte opposto della reazione e della dittatura utilizza tutti i poteri e le risorse disponibili nelle sue campagne di demonizzazione, con l’unico obiettivo di sbarrare la strada all’alternativa democratica.
Se avete notato, da quando è stata smascherata la mascherata dei “riformisti” e degli intransigenti e i coraggiosi e i giovani dell’Iran hanno dichiarato “Il gioco è finito”, ci sono stati diversi tentativi di suscitare nostalgia per il passato regime, sostenendo che il popolo iraniano ha commesso un errore nel rovesciare la dittatura dello scià. Volevano dire che questo errore deve essere ripetuto. Questa argomentazione serve gli interessi di Khamenei e dei mullah al potere, poiché è illogico suggerire che dovrebbe essere lanciata una rivoluzione per tornare al precedente regime reazionario.
Un’alternativa suggerita è una “rivoluzione di velluto”, anche se non è guidata da un mullah con un turbante di velluto ma piuttosto da uno scià di velluto! Tuttavia, le esperienze degli ultimi 44 anni e degli ultimi sei mesi hanno dimostrato che non si possono sconfiggere i mullah dal pugno di ferro e le loro Guardie Rivoluzionarie con i guanti di velluto. Ecco perché è fondamentale riconoscere il diritto all’autodifesa per il popolo iraniano.
Solo guardando agli ultimi cinque anni con tre grandi rivolte, vale a dire dicembre 2017-gennaio 2018, novembre 2019 e agosto-settembre 2022 fino ad oggi, è chiaro che senza le Unità di Resistenza la situazione sarebbe stata completamente diversa. Pertanto, dobbiamo andare avanti e concentrarci sul futuro. La stagnazione nel presente o un ritorno al passato non sono un’alternativa né logica né pratica.
Pertanto, la questione centrale è il destino dell’Iran e la libertà del popolo iraniano: si solleverà per rovesciare il regime o continuerà con lo status quo? Subiranno una rivoluzione o una regressione? Ne usciranno vittoriosi o la loro rivolta sarà tradita e massacrata dallo Scià e dai mullah?
La risposta corretta è inequivocabilmente quella che si realizzerà nella rivolta del popolo iraniano, con la partecipazione decisiva delle donne. La vittoria di una repubblica libera e democratica è l’unica via percorribile per l’Iran!

Amici,
Il ripristino dei diritti degli oppressi è al centro della necessità della democrazia, e in prima linea ci sono la libertà e i diritti delle donne iraniane. La libertà e l’uguaglianza sono gli elementi costitutivi fondamentali di società giuste ed eque. Rappresentano la chiave per sbloccare il vero potenziale per lo sviluppo dell’Iran di domani. Quasi 36 anni fa, il Consiglio Nazionale della Resistenza (CNRI) adottò all’unanimità un piano che delineava i diritti e le libertà delle donne. Tredici anni fa, nel marzo 2010, ho presentato la visione della resistenza iraniana per promuovere i diritti delle donne durante un incontro al Parlamento europeo intitolato “Le donne aprono la strada al cambiamento democratico in Iran”.

Il Piano per i diritti e le libertà delle donne
Ora, ancora una volta, vorrei ricordare i principi, l’enfasi e la sintesi degli articoli più importanti che guideranno le nostre azioni future. I nostri compatrioti all’interno dell’Iran devono esserne consapevoli.
Questi principi, diritti e libertà non sono solo per l’emancipazione delle donne, ma per la liberazione storica di tutti gli uomini e le donne dell’Iran.

Innanzitutto, vorrei affermare i principi:
Il primo principio è l’abolizione e l’eliminazione di ogni forma di oppressione, coercizione e discriminazione imposta dal regime reazionario di Khomeini (la legge della Sharia dei mullah) sulle donne iraniane e l’adesione a tutte le libertà e a tutti i diritti delle donne come stipulato nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, nella Convenzione sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione contro le donne e nella Dichiarazione sull’eliminazione della violenza contro le donne approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel dicembre 1993.
Il secondo principio afferma la piena uguaglianza dei diritti sociali, politici, culturali ed economici tra uomini e donne.
Il terzo principio è garantire la piena realizzazione dei diritti delle donne nel Paese, indipendentemente da pratiche e limitazioni disuguali e discriminatorie, e rifiutare qualsiasi percezione che veda le donne come merci.

E gli articoli più importanti sui diritti e sulle libertà delle donne nell’Iran libero di domani:
1. Il diritto di eleggere e di essere elette in tutte le elezioni e il diritto al suffragio in tutti i referendum.
2. Il diritto all’impiego e alla libera scelta della professione, e il diritto a ricoprire qualsiasi posizione professionale, pubblica o governativa, inclusa la presidenza (così come la leadership politica) o il ruolo di giudice in tutte le istituzioni giudiziarie.
3. Il diritto alla libera attività politica e sociale, ai rapporti sociali e a viaggi senza il permesso di un’altra persona.
4. Il diritto di scegliere liberamente il proprio abbigliamento.
5. Il diritto di utilizzare, senza discriminazione, tutte le risorse didattiche, educative, atletiche e artistiche; e il diritto di partecipare a tutte le competizioni atletiche e attività artistiche.
6. Riconoscimento delle associazioni femminili e sostegno alla loro formazione volontaria su tutto il territorio nazionale; considerazione di privilegi speciali in vari campi sociali, amministrativi, culturali e in particolare educativi al fine di abolire la disuguaglianza e la doppia oppressione delle donne.
7. Pari retribuzione a parità di lavoro; divieto di discriminazione nelle assunzioni e durante il rapporto di lavoro; parità di accesso a vari benefici come ferie, prestazioni pensionistiche e indennità di invalidità; godimento degli assegni familiari e coniugali e dell’assicurazione contro la disoccupazione; diritto allo stipendio e ad alloggi speciali durante la gravidanza, il parto e la cura dei bambini.
8. Libertà assoluta nella scelta del coniuge e del matrimonio, che può avvenire solo con il consenso di entrambe le parti e registrato presso un’autorità giudiziaria; il matrimonio prima del raggiungimento della maggiore età è vietato. Nella vita familiare è vietata ogni forma di costrizione o coercizione della moglie.
9. Uguale diritto al divorzio; il divorzio deve essere processato da autorità giudiziarie qualificate; le donne e gli uomini sono uguali nel presentare i motivi del divorzio; la custodia e il sostegno dei figli, nonché gli accordi finanziari saranno determinati dal verdetto di divorzio.
10. Sostegno alle donne vedove e divorziate e ai figli loro affidati; l’assistenza sarà fornita attraverso il sistema nazionale di previdenza sociale.
11. Eliminazione delle disparità giuridiche in materia di testimonianza, tutela, custodia ed eredità. La poligamia è vietata.
12. Proibizione di ogni forma di sfruttamento sessuale della donna con qualsiasi pretesto e abrogazione di ogni costume, legge e disposizione che autorizzi il padre, la madre, il tutore o altri a concedere una ragazza o una donna, con il pretesto del matrimonio o di altro.

È innegabile che i diritti delle donne sono diritti umani e credo fermamente che la leadership delle donne sia la garanzia della democrazia e dell’uguaglianza. Senza fornire opportunità alle donne di partecipare alla leadership politica, qualsiasi progresso compiuto verso l’uguaglianza di genere è vulnerabile alla regressione.
Oggi le donne iraniane, con la loro leadership e insieme agli uomini iraniani, sono in prima linea per sconfiggere la dittatura religiosa e garantire libertà, democrazia e uguaglianza per il domani.
La rivolta in Iran, guidata da donne, ha dimostrato questa verità. La rivolta, che sta divampando più fieramente che mai, la farà risplendere sempre più luminosa e porterà il messaggio di vittoria e trionfo.
La vittoria è vostra!

Brussels IWD2023 exhibition

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow