sabato, Luglio 20, 2024
HomeEventsMeetingL’ex segretario di Stato americano Mike Pompeo afferma che il regime iraniano...

L’ex segretario di Stato americano Mike Pompeo afferma che il regime iraniano cerca di distrarre dalla debolezza interna

In un incontro bipartisan a Washington, l’ex segretario di Stato Mike Pompeo ha lanciato un feroce atto d’accusa contro la repressione interna del regime iraniano e le sue campagne terroristiche internazionali. Rivolgendosi a un pubblico profondamente interessato al futuro dell’Iran e del Medio Oriente, Pompeo non ha usato mezzi termini nel delineare le gravi minacce poste dalle attività maligne di Teheran.
Pompeo ha iniziato facendo luce sulla ambigua facciata di stabilità di Teheran, affermando: “Teheran continua a dipingere un’immagine di stabilità nonostante le proteste a livello nazionale dal 2017. L’obiettivo del regime è piuttosto semplice. È proiettare potenza in tutta la regione, per spaventare gli Stati arabi del Golfo, gli israeliani, tutti nella regione. Vogliamo tutti esattamente il contrario e lo otterremo”.
Inoltre, Pompeo ha smascherato l’orchestrazione da parte di Teheran di conflitti nel Medio Oriente, aggiungendo: “Teheran sta orchestrando i conflitti che vediamo oggi in Israele, nel Mar Rosso dove sono stati uccisi alcuni americani, e in tutta la regione. Perché vuole che l’attenzione globale sia rivolta ai suoi delegati. Vuole distrarci dalla sua stessa debolezza interna. Questo è qualcosa che sappiamo tutti. Non dobbiamo lasciare che lo facciano. Teheran vuole usare il terrore e il caos, diffusi dai suoi delegati, per ottenere concessioni da noi, per mettere paura qui negli Stati Uniti e nella loro leadership. Non dovremmo mai cedere alle sue richieste né premiare la sua brutalità e la sua distruzione. Non possiamo permettere che ciò accada”.

Pompeo ha anche indicato la rappresentazione propagandistica di Teheran dei conflitti regionali come una lotta tra Israele e il popolo palestinese, etichettandola come una palese falsità: “La grande speranza di Teheran, anzi la sua preghiera, è di dipingere ciò che sta accadendo nella regione come una lotta tra Israele e il popolo palestinese. Questo è falso. Dobbiamo confrontarlo con la verità che la testa del serpente del terrore globale si trova a Teheran”.
L’ex segretario di Stato americano ha poi spostato l’attenzione sulla soluzione, lodando il coraggio e la resilienza della Resistenza iraniana. Ha osservato: “Dobbiamo osservare la crescita della determinazione e della forza della Resistenza organizzata. Ora ha l’esperienza di decenni di lotta contro questa dittatura maligna e teocrazia. Sono fiducioso che questa resistenza non potrà che aumentare”.
Pompeo ha continuato mettendo in guardia contro gli sforzi del regime volti a minare ciò che percepisce come una minaccia significativa alla propria esistenza. Ha dichiarato: “Dallo scorso dicembre, il regime ha iniziato a tenere processi farsa… Li abbiamo visti condurre processi in contumacia contro membri del MEK, il principale movimento di opposizione. Questi uomini e donne che vivono in Europa – in Francia e in Albania. Il regime desidera creare un falso precedente legale contro di loro e farli estradare in Iran o usa false affermazioni per giustificare il terrorismo contro di loro. Spero e prego che Paesi come gli Stati Uniti e tutta l’Europa respingano tutto questo per la farsa che è”.

Rivolgendo la sua attenzione alla terribile situazione dei diritti umani in Iran, Pompeo ha deplorato la crescente repressione del regime e il numero record di esecuzioni, affermando: “Il numero registrato di esecuzioni nel solo 2023 ha raggiunto non meno di 860, segnando la cifra più alta negli ultimi otto anni. Le esecuzioni sono aumentate anche nel 2024. Lo schema continua. Questa è una chiara indicazione che il regime iraniano sa di essere debole e di temere proprio le persone che sta giustiziando”.
Discutendo delle recenti elezioni farsa tenute dal regime come dimostrazione della sua debolezza, l’ex segretario di Stato americano ha dichiarato: “Il 1° marzo, l’Iran ha tenuto un’altra elezione farsa. Questa elezione per l’Assemblea degli Esperti ha negato ancora una volta al popolo iraniano la capacità di esprimere voti reali e significativi per i candidati che preferiva. Per questo motivo molti hanno deciso di non partecipare alle elezioni. La buona notizia è che ciò che abbiamo visto quel giorno è stato un’eco di ciò che abbiamo visto nel 2022, una rivolta in cui i manifestanti di tutto l’Iran hanno gridato ‘Abbasso l’oppressore, che sia lo scià o la Guida Suprema’”.
Pompeo ha aggiunto: “Non ho avuto l’opportunità all’inizio di congratularmi con la signora Maryam Rajavi e il suo movimento per avere guidato il boicottaggio di queste elezioni. E, avendolo fatto ormai per decenni, dovrebbe essere profondamente ringraziata per questo. Tu ed io, ogni americano, dovremmo conoscere la storia. Sappiamo dalla storia che fu il MEK a boicottare il referendum del dicembre 1979 e a non approvare quella costituzione sbagliata. E lo fece a costo di diventare il bersaglio principale dell’ira del clero al potere, con la conseguenza di soffrirne ancora oggi”.
Respingendo la propaganda del regime contro la Resistenza iraniana, Mike Pompeo ha dichiarato: “Ricordo che quando sono diventato segretario di Stato ho trovato interessante il fatto che i mullah affermino costantemente che non esiste alternativa al loro regime, e tuttavia spendono miliardi di dollari per difendersi proprio da quell’alternativa. Spendono tutto il loro capitale politico, spendono tutto il loro tempo, tutte le loro risorse negando possibilità alternative. Hanno condotto diversi cicli di attacchi informatici contro l’Albania, chiedendo al governo di mettere a tacere la principale opposizione. Di cosa hanno paura se non ci sono alternative? Ogni settimana, in ogni singola città dell’Iran, il regime indica alle guide della preghiera del venerdì di recitare slogan contro un’alternativa inesistente. Tutta questa energia dovrebbe incoraggiarci. Dovrebbe ricordarci che l’unica alternativa è nella Resistenza e nell’impegno per rovesciare questo regime malvagio”.
Pompeo ha concluso con un appello alla solidarietà globale a sostegno dell’aspirazione alla libertà del popolo iraniano: “Quelli di noi che hanno la capacità di avere un impatto sul mondo e su come esso risponde allo straordinario lavoro di questi combattenti della resistenza non possono deluderli. Il regime iraniano vuole essere ricompensato per il suo terrorismo. Non potremo mai farlo. La presa di ostaggi, le guerre per procura, questi sono strumenti da uomini deboli. La forza sta nel popolo iraniano. Premiate questo, non i terroristi. Questi combattenti per la libertà sul terreno in Iran alla fine otterranno un risultato, proprio come fecero i combattenti per la libertà per il popolo degli Stati Uniti d’America 250 anni fa”.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow