lunedì, Aprile 15, 2024
HomeEventsMeetingUna riunione bipartisan del Congresso degli Stati Uniti sostiene la Resistenza iraniana...

Una riunione bipartisan del Congresso degli Stati Uniti sostiene la Resistenza iraniana e condanna il terrorismo del regime

iranian resistance washington oiac conference 12122023

Il 12 dicembre, a Capitol Hill, i rappresentanti di entrambi i partiti politici alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti hanno unito le forze per esprimere la loro solidarietà con gli sforzi in corso della Resistenza iraniana che si batte per stabilire una repubblica libera, democratica e non nucleare in Iran.
Deputate e deputati democratici e repubblicani hanno denunciato inequivocabilmente le azioni destabilizzanti del regime teocratico in tutto il Medio Oriente. Hanno condannato il suo sostegno ai gruppi terroristici, le sue minacciose ambizioni nucleari e le sue vergognose violazioni dei diritti umani in Iran.
Nel suo discorso di apertura alla conferenza, la signora Maryam Rajavi, presidente-eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI), ha affermato: “Di fronte a un movimento che mirava a rovesciare il suo regime, Khamenei ha avviato una guerra in Medio Oriente, usandola come strategia per reprimere qualsiasi potenziale grande rivolta. Negli ultimi due mesi di questo conflitto regionale, almeno 225 prigionieri sono stati giustiziati in Iran. I sostenitori del MEK e i manifestanti rischiano una serie di esecuzioni. I leader del regime devono essere chiamati a rispondere dei loro crimini contro l’umanità e del loro bellicismo”.
Ha aggiunto: “Tre settimane dopo l’inizio della guerra in Medio Oriente, Khamenei, in un discorso pubblico, ha dichiarato: ‘La guerra non è tra Gaza e Israele; è la lotta tra il bene e il male’. ‘Bene e male’ è un’espressione in codice usata dal regime durante gli otto anni di guerra di Khomeini contro l’Iraq negli anni ‘80. Quella guerra e tutti gli sforzi bellici del regime servono allo stesso scopo, impedire il suo rovesciamento”.
“L’atteggiamento guerrafondaio del regime nella regione e la sua opposizione alla pace non sono una novità. Dopo l’accordo di pace del 1993, la Resistenza iraniana si congratulò con i leader di Israele, Palestina e Stati Uniti. Il regime dei mullah, invece, fu la parte principale che si impegnò attivamente nell’ostilità al processo di pace. Hanno cercato di sabotare il processo di pace, anche alimentando l’estremismo e attivando gruppi per procura, per causare divisione tra il popolo palestinese. La novità è che il regime ha dato una nuova dimensione alla sua ingerenza provocando questa guerra distruttiva mentre affrontava la crisi del suo rovesciamento.”

La signora Rajavi ha affermato: “Oggi ci sono idee sbagliate su questa guerra, come l’affermazione secondo cui Khamenei e i suoi alleati non ne erano a conoscenza. Alcuni pensano anche che l’atteggiamento guerrafondaio del regime in Iraq, Siria, Libano e nelle acque internazionali non sia correlato a quel conflitto in Medio Oriente. Un altro malinteso è che la crisi possa essere superata senza focalizzare l’attenzione sul regime iraniano o adottare una politica di fermezza nei suoi confronti”.
“La Risoluzione 100 della Camera, sostenuta da 241 rappresentanti di entrambi i partiti, è un brillante esempio di tale politica. Le iniziative del Congresso degli Stati Uniti e l’approvazione di varie leggi per bloccare permanentemente l’accesso del regime ai 6 miliardi di dollari scongelati con la sua vendita degli ostaggi, nonché le misure adottate per impedire al regime di vendere petrolio, sono passi molto efficaci e significativi in questo senso.”
La presidente-eletta del CNRI ha indicato l’importanza che la Camera dei Rappresentanti e il Senato degli Stati Uniti assumano la guida dell’attuazione di una politica decisiva negli Stati Uniti e a livello internazionale. Nell’ambito di una soluzione globale, le azioni proposte includono l’incoraggiamento dell’Unione Europea e del Canada a designare l’IRGC (Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche) come organizzazione terroristica, l’attivazione del meccanismo di riattivazione delle sanzioni previsto dalla Risoluzione 2231 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite attraverso la collaborazione con gli alleati europei, la definizione del fascismo religioso in Iran come una minaccia globale alla pace e alla sicurezza ai sensi del Capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite e il riconoscimento della lotta del popolo iraniano per rovesciare il regime e della ribellione dei giovani contro il terrorista IRGC.
Durante il suo discorso alla conferenza, il deputato Tom McClintock ha evidenziato il simultaneo aumento delle atrocità sostenute dal regime iraniano all’estero e l’accresciuta oppressione contro i suoi stessi cittadini. Il crescente numero di esecuzioni e l’abuso della magistratura contro gli iraniani sono stati citati come tendenze allarmanti, che indicano l’urgente necessità di un cambiamento. Il rappresentante ha affermato che la minaccia alla sicurezza nella regione e nello stesso Iran persisterà fino al rovesciamento del regime.
Riferendosi alla Risoluzione 100 della Camera presentata nel 2022, il deputato McClintock ha dichiarato: “Nel giro di pochi mesi dall’introduzione di questa misura, una maggioranza bipartisan dell’intera Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti si è unita non solo come sostenitrice ma come co-promotrice. Questa è una profonda affermazione del forte sostegno che la Resistenza iraniana ha tra il popolo degli Stati Uniti. E non è passato molto tempo che il popolo iraniano si è sollevato per rivendicare la propria libertà dai tormentatori e dagli oppressori di Teheran”.
Il deputato McClintock ha delineato un duplice approccio politico statunitense. In primo luogo, ha chiesto la massima pressione su Teheran, sollecitando l’applicazione delle sanzioni e l’astenersi dall’indebolire l’opposizione iraniana. In secondo luogo, ha indicato la necessità che il governo degli Stati Uniti fornisca il massimo sostegno politico e morale al popolo iraniano.
Esprimendo un sostegno bipartisan di lunga data all’opposizione iraniana, in particolare al MEK, McClintock ha chiesto l’unità tra le persone amanti della libertà a livello globale per sostenere la causa della Resistenza iraniana. Ha esortato il presidente degli Stati Uniti e la sua amministrazione a prendere una posizione chiara contro il regime iraniano e ha affermato che il mondo non sarà al sicuro dal terrorismo internazionale finché il regime non sarà rimosso.
Come principale sponsor democratico della Risoluzione 100 della Camera, il deputato Brad Sherman ha espresso il suo sostegno all’aspirazione del popolo iraniano per una repubblica democratica, laica e non nucleare. Ha dichiarato: “Sapete, sono al Congresso da 27 anni, sono membro della Commissione Affari Esteri da 27 anni, dove sono il democratico più anziano, e ho lottato su questi temi con voi per 27 anni”.
Il deputato Sherman ha condannato la continua brutalità del regime e ha raccontato casi di violenza contro i dissidenti all’interno dell’Iran, lodando la resilienza del popolo iraniano nel chiedere libertà e dignità umana, nonostante la violenza del regime.
Riferendosi al suo voto a favore della legge No Funds for Iran Terrorism, Sherman ha condannato il sequestro di ostaggi americani a scopo di lucro e ha affermato che al regime non dovrebbe essere pagato alcun riscatto.
“Condivido il vostro sogno di un Iran libero, un Iran in cui le persone possano far sentire la propria voce, dove non siano minacciate dal terrorismo, dalla prigionia, dalla tortura, dallo stupro e dalle esecuzioni. Un Iran in cui le donne siano libere di decidere come vestirsi e il popolo sia libero di scegliere il proprio governo. Un Iran dove Mahsa Amini e innumerevoli donne come lei sarebbero vive oggi. Ecco perché, da decenni, lavoriamo insieme per sostituire questo regime brutale. Mentre il popolo iraniano continua a lottare coraggiosamente per la libertà, il popolo americano deve essere presente. Il Congresso americano deve essere presente. E dobbiamo far passare la Risoluzione 100” – ha concluso Sherman.
Nel suo discorso, la deputata Zoe Lofgren ha affermato che la ricerca della libertà trascende le divisioni politiche nella Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti. Riconoscendo le divisioni profondamente radicate all’interno del Congresso, ha evidenziato che la questione della libertà in Iran unisce i due partiti. Ha indicato il ruolo cruciale del popolo iraniano nel realizzare un cambio di regime dall’interno, attirando l’attenzione sui prigionieri politici, in particolare sulle donne. La deputata ha anche elogiato il loro coraggio, la loro visione e il loro impegno nel difendere il futuro e la libertà di ogni iraniano.
La deputata Lofgren ha indicato l’obiettivo collettivo di vedere l’Iran diventare libero, democratico, laico e non nucleare, affermando che le voci dei presenti alla conferenza possono contribuire a trasformare questa visione in realtà.
Il deputato Ruben Gallego ha riaffermato il fermo sostegno del Congresso degli Stati Uniti alla lotta del popolo iraniano per una repubblica democratica, laica e non nucleare. Ha lodato la lotta decennale del popolo iraniano contro il regime oppressivo, evidenziando i sacrifici compiuti da coloro che hanno pagato il prezzo più alto per la libertà, e ha criticato il regime per avere represso i dissidenti e orchestrato complotti terroristici all’estero, mentre cerca di mascherare le violazioni dei diritti umani.
Il membro del Congresso ha dichiarato: “Mentre gli Stati Uniti e i nostri alleati fanno ciò che è giusto per fare pressione sull’Iran e sui suoi partner nella regione, dobbiamo anche rendere merito al popolo iraniano per avere spinto per questo cambiamento. Sono stato onorato di fare la mia parte quando mi sono unito ai miei colleghi di entrambi gli schieramenti – cosa molto rara che si vede qui a Capitol Hill – per co-sponsorizzare la risoluzione della Camera a sostegno del popolo iraniano e di condanna delle violazioni dei diritti umani”.
Gallego ha sollecitato ulteriori azioni, ricordando il proprio impegno per affrontare le vendite illecite di petrolio iraniano alla Cina e per chiamare Teheran a rispondere del mancato rispetto delle disposizioni dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA). Ha indicato la necessità di mantenere alta la pressione e di continuare la lotta per il popolo iraniano, esprimendo ottimismo sul fatto che la luce della libertà diventerà sempre più luminosa.
Nel suo discorso, il deputato Mike Garcia ha lanciato un risoluto appello all’azione contro quello che ha identificato come l’epicentro del male: il regime iraniano. Ha espresso preoccupazione per la repressione del popolo iraniano e ha condannato il Corpo delle Guardie rivoluzionarie iraniane (IRGC) come la più grande organizzazione terroristica sponsorizzata dallo Stato sul pianeta.
Il deputato Garcia, che fa parte del Comitato per gli Stanziamenti, della Sottocommissione per la Difesa e del Comitato per l’Intelligence, ha indicato la necessità di un fronte unito contro il regime iraniano. Basandosi sulla sua esperienza personale di missioni di combattimento nel Golfo, ha evidenziato la fragilità della pace in Medio Oriente e ha etichettato l’Iran come la più grande forza destabilizzante nella regione.
Il deputato ha chiesto l’attuazione della massima pressione sul regime iraniano, il mantenimento della designazione dell’IRGC come organizzazione terroristica, l’opposizione all’accordo da 6 miliardi di dollari proposto dall’amministrazione Biden, il no al rilancio del Piano d’Azione Globale Congiunto sul nucleare, la cessazione degli acquisti di petrolio dall’Iran e il sostegno ai combattenti per la libertà in Iran, incoraggiando atti legislativi ed esortando l’Albania a riconoscere e proteggere i rifugiati politici dall’Iran.
Intervenendo alla conferenza, la deputata Young Kim ha detto: “In qualità di membro della Commissione Affari Esteri della Camera e in qualità di presidente della Sottocommissione per l’Indo-Pacifico, mi impegno a chiamare il presidente Raisi e i suoi complici a rispondere del sostegno del regime ai gruppi terroristici in Medio Oriente e dei crimini contro l’umanità che commette contro il suo stesso popolo”.
Kim ha presentato l’Iran Counterterrorism Act del 2023, un’iniziativa legislativa volta a impedire all’amministrazione di togliere le sanzioni al regime iraniano a meno che l’amministrazione Biden non possa confermare la cessazione del sostegno del regime ai gruppi terroristici internazionali.
La deputata ha discusso con orgoglio del suo sostegno al No Funds for Iran Terrorism Act del presidente McCaul, che impone sanzioni alle istituzioni finanziarie internazionali coinvolte nelle transazioni relative ai 6 miliardi di dollari di beni iraniani scongelati trasferiti dalla Corea del Sud al Qatar.

In un discorso appassionato, il deputato Randy Weber ha evidenziato le continue violazioni dei diritti umani da parte del regime iraniano, sottolineando la necessità di un intervento internazionale. Parlando a un evento, Weber ha sottolineato la persistente oppressione del regime, sia a livello nazionale che attraverso gruppi di proxy in Medio Oriente.
Esprimendo preoccupazione per la recente ondata di esecuzioni, Weber ha rivelato che 120 persone sono state giustiziate solo il mese scorso, chiedendo un arresto immediato della brutalità.
Ha raccontato di aver incontrato la signora Maryam Rajavi a Parigi, sostenendo il suo Piano in dieci punti, che include l’uguaglianza di genere, la separazione tra chiesa e stato e la protezione dei diritti delle minoranze.
Il membro del Congresso ha esortato il governo degli Stati Uniti a esercitare la massima pressione sul regime iraniano tagliando gli aiuti e imponendo ulteriori sanzioni. Ha chiesto che i mullah siano ritenuti responsabili di crimini contro l’umanità, genocidio, terrorismo e presa di ostaggi.
Weber ha sottolineato la Risoluzione 627 della Camera, che condanna il regime per il massacro dei prigionieri politici del 1988. Ha affermato l’impegno del Congresso e ha promesso di stare con il popolo iraniano, sostenendo la libertà, la democrazia e i diritti umani.
Nel suo discorso, il rappresentante Mario Diaz-Balart ha audacemente affermato che la lotta contro il male, in particolare per quanto riguarda un Iran nucleare e il controverso accordo nucleare, richiede una richiesta senza riserve per un cambio di regime.
Parlando con passione, il rappresentante ha esortato contro l’esitazione o la paura nel sostenere il cambio di regime, citando casi storici in cui tali chiamate erano ritenute necessarie di fronte a circostanze ovvie e malvagie. Diaz-Balart ha espresso gratitudine alla comunità iraniano-americana per la loro dedizione alla libertà e ha sottolineato l’importanza di rimanere saldi senza soccombere alla confusione o alla resa.
Riconoscendo i sacrifici degli eroi in Iran che lavorano per la libertà, il rappresentante Diaz-Balart ha espresso fiducia che, con gli sforzi collettivi di coloro che sostengono il cambiamento, l’Iran alla fine si libererà dalle catene del controllo oppressivo. Ha immaginato un futuro in cui l’Iran non solo avrebbe riguadagnato la sua libertà, ma si sarebbe anche liberato delle capacità nucleari, permettendogli di ricongiungersi al mondo civilizzato.
Alla conferenza e mentre rifletteva sul suo coinvolgimento di 25 anni in questa causa, il membro del Congresso Pete Sessions ha elogiato i partecipanti per il loro lavoro di impatto nella costruzione di forti connessioni con i loro rappresentanti del Congresso.
Il membro del Congresso ha sottolineato la natura bipartisan della questione, riconoscendo un’alleanza comune tra i membri del Congresso nell’affrontare il regime iraniano. Ha riconosciuto le sfide poste da potenziali conflitti su più fronti e ha sottolineato l’impegno ad evitare una guerra su tre fronti.
Le sessioni si sono concluse esprimendo orgoglio per i partecipanti, assicurando loro il sostegno dell’America e promettendo una collaborazione continua nel prossimo anno per affrontare le preoccupazioni condivise riguardo all’Iran.
Esprimendo gratitudine per il sostegno bipartisan presente, la rappresentante Nicole Malliotakis ha riconosciuto con orgoglio di essere stata sanzionata dal regime iraniano come un distintivo d’onore, a significare il suo impegno a stare con la comunità iraniano-americana e i loro compatrioti e donne all’interno dell’Iran. Il rappresentante ha sottolineato la gravità del continuo finanziamento iraniano del terrorismo e delle minacce contro gli Stati Uniti, sottolineando la necessità di responsabilità e protezione globale della patria.
Malliotakis ha dichiarato: “Credo che la campagna di massima pressione sotto l’amministrazione Trump stesse funzionando. Era economicamente paralizzante. Penso che sia stato un errore invertire la rotta sui progressi compiuti dalla precedente amministrazione. Ed è per questo che i miei colleghi ed io abbiamo introdotto una legislazione per ripristinare le sanzioni, sventare la capacità dell’Iran di finanziare il terrorismo in tutta la regione, sanzionare il leader supremo e costringere il presidente a far rispettare le sanzioni sulle vendite di petrolio dell’Iran. Questo è ciò che dobbiamo fare se vogliamo seriamente essere duri con questo oppressore.”
Malliotakis ha richiamato l’attenzione sul Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, esprimendo sgomento per la presidenza di Teheran nonostante le suegregegie violazioni dei diritti umani. Ha esortato non solo gli americani, ma le nazioni democratiche di tutto il mondo a unirsi contro tali nomine, sottolineando la necessità di ritenere il Consiglio responsabile.
Il rappresentante ha concluso sottolineando la necessità di impedire al regime di ottenere armi nucleari, opponendosi al rientro nell’accordo con l’Iran e affermando il diritto del Congresso di rivedere e approvare qualsiasi accordo di questo tipo.
Il deputato Derrick Van Orden ha anche espresso il suo fermo impegno per il movimento di resistenza iraniano, attingendo a un legame personale con Kevin Hermening, il più giovane ostaggio preso durante il sequestro dell’ambasciata dalla dittatura clericale.
Il membro del congresso, proveniente dal grande stato del Wisconsin, ha sottolineato la gravità della situazione, ricordando la sua vasta esperienza militare come Navy SEAL degli Stati Uniti. Van Orden, che ha affrontato i terroristi sponsorizzati dall’Iran, ha osservato cupamente la perdita di molti amici a causa delle loro azioni.
Esprimendo la gravità della questione, Van Orden ha consegnato un messaggio chiaro e inequivocabile alla resistenza iraniana “ ” Starò con voi e il vostro popolo fino a quando l’Iran non sarà di nuovo una nazione libera.”
Il rappresentante Richard McCormick ha espresso il suo incrollabile sostegno al popolo iraniano nella sua lotta contro una teocrazia oppressiva. Ha sottolineato l’obiettivo condiviso di combattere un regime teocratico che ha diffuso odio e malcontento a livello globale sopprimendo i propri cittadini.
Affrontando la difficile situazione del popolo iraniano, McCormick ha condannato la minoranza violenta al potere, evidenziando la violazione dei diritti fondamentali, in particolare sulla libertà di parola e di azione. Ha sottolineato l’ironia di una teocrazia che rivendica l’allineamento con Dio mentre soffoca l’idea stessa di libertà che, secondo McCormick, è conferita da Dio.
Il membro del congresso ha espresso solidarietà con la causa, promettendo sforzi incessanti per opporsi al governo oppressivo e ha denunciato l’uso improprio degli ideali religiosi per propagare violenza, oppressione e divisione, promettendo di rimanere fermi contro tali mali.
Assicurando al popolo iraniano di avere amici nella sua lotta per la libertà, McCormick ha dichiarato l’impegno a continuare la lotta fino a quando la libertà non prevarrà per tutti.
Nel suo discorso, il deputato Ronny Jackson ha dichiarato se stesso e i suoi colleghi come alleati nella lotta per un Iran democratico e non nucleare. Come membro della Commissione per gli affari esteri e della Commissione per i servizi armati, il membro del Congresso Jackson ha sottolineato che i problemi attuali nel mondo, compresi i conflitti in corso che coinvolgono gruppi terroristici in Medio Oriente, derivano dal regime esistente in Iran.
Richiamando l’attenzione sull’impatto delle sanzioni durante la precedente amministrazione degli Stati Uniti, Jackson ha sottolineato che l’amministrazione Biden ha permesso al regime di finanziare vari proxy terroristici. Esprimendo preoccupazione per le potenziali conseguenze, ha sottolineato la necessità di tagliare questo sostegno finanziario per prevenire ulteriori destabilizzazioni nella regione.
Riconoscendo che il cambiamento di regime deve venire dall’interno, il deputato Jackson ha sottolineato l’importanza di rendere difficile la sopravvivenza dell’attuale regime. Nonostante sia stato al Congresso per tre anni, si è dichiarato uno dei più convinti sostenitori della causa e si è impegnato a continuare i suoi sforzi per garantire che il popolo iraniano possa essere orgoglioso del suo sostegno.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow