mercoledì, Febbraio 1, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaPatrick Kennedy: “L'opposizione iraniana tiene un gran raduno a Parigi in un...

Patrick Kennedy: “L’opposizione iraniana tiene un gran raduno a Parigi in un momento importante”

Parlando alla TV Simay-e Azadi in vista del gran raduno dell’opposizione iraniana che si terrà a Parigi il 13 Giugno, l’ex-deputato al Congresso U.S.A. Patrick Kennedy ha detto che qualunque negoziato dovrà far sì che la dittatura teocratica di Tehran venga rimpiazzata dallo “splendente futuro” offerto dalla leader della Resistenza Iraniana Maryam Rajavi.

Ed ha aggiunto: “L’accordo occidentale sul nucleare dovrà essere ‘a tenuta stagna’, dovrà prevedere le ispezioni a sorpresa e il controllo totale delle strutture del regime”, ha detto Kennedy.

Ed ha continuato dicendo: “Ciò che rende il raduno di Parigi di quest’anno così importante è sicuramente il momento. Due settimane prima degli incontri finali sul futuro dell’accordo sul nucleare iraniano.

“Questa è un’opportunità per i leaders mondiali di esporre come dovrà essere questo accordo e per influenzarne il risultato chiarendo realmente alcune norme che dovranno essere contenute nell’accordo stesso. Quelle norme che elimineranno la possibilità per Tehran di continuare a perpetrare i suoi crimini.

“Questo accordo deve essere a tenuta stagna, con ogni genere di ispezione a sorpresa e il totale controllo delle strutture del paese. A prescindere da dove siano in grado di farlo, questo accordo deve anche far comprendere con chi la comunità mondiale sta negoziando”.

“Questo evento annuale da anche l’opportunità alle persone di condannare l’orrore, le violazioni dei diritti umani e la storia di violenza di questo regime tirannico di Tehran e di comprendere come esporta il terrorismo in tutto il mondo”, ha detto Kennedy.

Ed ha aggiunto: “Ed infine questo meeting è un occasione per la comunità mondiale per vedere la presenza organizzata di un gruppo di opposizione che è pronto a riempire il vuoto, se il popolo in Iran sceglierà di superare questo periodo della storia iraniana governato da questi mullah teocratici e sostituirlo con un futuro più splendente guidato da persone come Maryam Rajavi e dall’opposizione democratica del PMOI.

“Ecco perché questo meeting è così importante, per inquadrare l’attuale politica pubblica, per ricordare alla gente la storia del regime attualmente al potere e quella dei suoi abusi, e per puntare ad un futuro a cui tutti gli iraniani possono aspirare, verso il quale camminiamo  e per consentire alla gente di vivere libera da quel tipo di oppressione, di dittatura e di violazioni dei diritti umani che ha dovuto subire per molti decenni”.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow