mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaOn. Antonio Tasso: È con profondo dolore che ricordo le esecuzioni politiche...

On. Antonio Tasso: È con profondo dolore che ricordo le esecuzioni politiche nel 1988 in Iran

 

Intervento dell’On. Antonio Tasso alla conferenza della comunita’ Iraniana a Parigi sabato 25 Agosto

Cari amici e illustri rappresentanti,
è un onore raro per me essere qui ad assistere ad un evento di innegabile importanza: l’affermazione della democrazia.
Ciò cui stiamo assistendo non è solo la progressiva sconfitta di una dittatura, è il diffondersi di virtù positive delle quali la democrazia è il sublime messaggero: il rispetto della vita umana contro le atrocità e le tragedie strazianti. È con profondo dolore che ricordo le esecuzioni politiche iniziate il 19 Luglio 1988 e proseguite per cinque mesi. Un’epurazione politica senza precedenti nella storia iraniana moderna.
Il nuovo secolo, con il suo peculiare sviluppo tecnologico, ha unito regioni e continenti dalle metropoli ai più remoti villaggi, rendendo possibile a nuove opportunità, alla libertà e ai diritti di mettere radici.

Da est ad ovest, da nord a sud, la democrazia può garantire sicurezza ai suoi cittadini. Al di là delle differenze religiose e culturali, la riduzione dei conflitti è una necessità primaria e comune.
La democrazia si unisce ad un cammino di progresso condiviso, conduce una lotta contro le crudeltà create dalla povertà e dalla violenza, per una società più sana, più liberà e più ricca.

Fino a che la discriminazione razziale, etnica e politica persisterà, la democrazia non verrà conquistata. Fino a che la tolleranza e la parità delle donne resteranno idee invece che una vera realtà, la democrazia non verrà conquistata. Fino a che gli estremismi alimenteranno la vena violenta delle società e le armi prevarranno sulla diplomazia, i principi dei valori democratici saranno minacciati o non esisteranno.
Noi abbiamo la responsabilità di promuovere la visione di un mondo migliore, nel quale la gente possa scegliere liberamente e democraticamente il proprio governo e la propria identità. Un mondo in cui il sistema politico non sia compromesso da un’autorità totalitaria, in cui l’istruzione sia votata all’assenza di discriminazione e alla parità e in cui l’amministrazione possa affermare di essere priva di corruzione.

Agli illustri rappresentanti, ai rispettabili partecipanti e spettatori io dico: “Siate disposti a lottare per ciò che è giusto, a smantellare lo status quo. Verrà un tempo in cui il governo del popolo arriverà e quel tempo non è lontano”.
Grazie

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow