domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieIran NewsMaryam Rajavi: Khamenei tenta invano di ricattare la comunità internazionale, di contenere...

Maryam Rajavi: Khamenei tenta invano di ricattare la comunità internazionale, di contenere l’esplosivo malcontento sociale e letali conflitti interni

La signora Maryam Rajavi, Presidente eletto della Resistenza Iraniana, ha definito le osservazioni belligeranti fatte dalla Guida Suprema del regime iraniano Ali Khamenei nelle preghiere del venerdì di Teheran “ricatto” per contrastare le azioni decisive della comunità internazionale contro il suo programma nucleare. Khamenei ha promesso venerdì di continuare con il programma di armi nucleari del regime. Khamenei ha detto: “Più che imporre sanzioni su di noi … è a nostro vantaggio … Queste sanzioni hanno lo scopo di aumentare la pressione sull’Iran per il suo programma nucleare e altre questioni … L’Iran non si arrenderà. Essi devono sapere che quanto più ci minacciano più perderanno “. “Al momento opportuno, se sarà necessario, noi risponderemo alle minacce di guerra e alle sanzioni sul petrolio”.
Il discorso di Khamenei era anche un vano tentativo di contenere lo stato esplosivo di malcontento sociale e di coprire i mortali conflitti interni ai più alti livelli del suo regime, alla vigilia delle elezioni parlamentari di marzo. Egli ha affermato che vi è un gruppo all’interno del regime che vuole “usare tutto ciò che c’è a sua disposizione per mostrare che esiste una crisi in Iran.”
Khamenei ha esortato i funzionari del regime a mantenere la vigilanza di fronte alle cospirazioni del nemico contro le elezioni. Ha avvertito la fazione rivale in caso che “non abbiano abbastanza voti” alle elezioni, non devono protestare e “fare delle mosse di cui  benefici il nemico”. Ha palesemente minacciato tutti i candidati rivali e ha avvertito che devono “arrendersi” alla volontà del Consiglio dei Guardiani e “seguire” le sue linee guida.
La signora Rajavi ha ribadito che le minacce per lanciare una guerra di regione, confrontarsi militarmente con le sanzioni sul petrolio, e gli attacchi contro i paesi arabi così come le sue affermazioni sulla “benefici” di sanzioni internazionali sono un vano tentativo di nascondere le debolezze di un vacillante regime che ritiene la crescente repressione interna, l’esportazione del terrorismo e acquisire armi nucleari come l’unico mezzo per la sua sopravvivenza.
La signora Rajavi ha aggiunto che i contrasti ai più alti livelli del regime, l’aumento del numero di disertori tra i ranghi delle Guardie Rivoluzionarie e altre istituzioni statali, il crollo dell’economia, il declino senza precedenti negli ufficiali tassi di cambio, e l’isolamento internazionale , hanno posto Khamenei in una situazione critica senza precedenti. La prospettiva della caduta del dittatore siriano e i cambiamenti di equilibrio di potere nella regione contro i regimi clericali hanno spaventato Khamenei a tal punto che durante il suo lungo discorso in arabo, non ha avuto il coraggio di fare riferimento alla “Siria” nemmeno una volta.
Il discorso di Khamenei il 3 febbraio rivela che il suo regime, che è di fronte a uno stallo senza precedenti, ha un grande bisogno di consolidamento interno durante le elezioni, la continuazione con il suo programma nucleare e avventurismo internazionale.
Il regime guidato da crisi ha aumentato il suo budget militare del 127 per cento, almeno il 40 per cento del bilancio del prossimo anno è dedicato a scopo militare, e ha intensificato arresti, esecuzioni, e complotti contro i residenti di Ashraf.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

4 febbraio 2012
 
 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,369FollowersFollow