lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaMaryam Rajavi chiede agli iraniani di appoggiare la lotta dei lavoratori contro...

Maryam Rajavi chiede agli iraniani di appoggiare la lotta dei lavoratori contro la tirannia in Iran

La Presidente eletta della Resistenza Iraniana, Maryam Rajavi, si è congratulata con  tutti i lavoratori iraniani in occasione della Giornata Internazionale dei Lavoratori del 1° Maggio, elogiando la loro lotta e la loro resistenza contro l’ingiustizia, lo sfruttamento ed ogni tipo di oppressione disumana esercitata sui lavoratori dal regime del Velayat-e faqih (il potere assoluto dei religiosi).

 

Ha anche salutato i saldi lavoratori in sciopero nelle prigioni del regime ed ha chiesto a tutti gli iraniani, in particolare ai giovani, di dimostrare la loro solidarietà a questi coraggiosi lavoratori.

Riferendosi agli scioperi e alle proteste incessanti dei lavoratori, ha definito l’anno trascorso “l’anno della diffusione delle proteste dei lavoratori iraniani” ed ha aggiunto: “Il diritto di formare sindacati e unioni indipendenti di lavoratori, il diritto allo sciopero e alle manifestazioni di protesta, la sicurezza sul lavoro, il giusto e reale aumento dei salari ed il loro puntuale pagamento, l’abolizione  del sistema dei contratti temporanei e in bianco, la chiusura di uffici per l’impiego che operano a favore dei datori di lavoro, la creazione di assicurazioni sulla vita e sussidi di disoccupazione, il non innalzamento dell’età pensionabile, la sicurezza per le vite di coloro che svolgono il duro lavoro delle miniere, l’abolizione delle discriminazioni sessuali nell’impiego, nei salari e nei fringe benefits per le lavoratrici e il divieto di ridurre in schiavitu i bambini di strada, sono alcuni dei diritti calpestati dei lavoratori iraniani”.

Maryam Rajavi ha ribadito che conquistare questi obbiettivi è possibile grazie alla lotta salda e unita dei lavoratori legata alla resistenza di tutti gli iraniani per la libertà, la democrazia e il rovesciamento del regime al potere.

Ed ha detto: “L’attuale profonda e diffusa crisi economica, le cui prime vittime sono i lavoratori, è il risultato dell’infame governo dei mullah che hanno speso le ricchezze dell’Iran per le Guardie Rivoluzionarie, la forza terroristica Qods, la guerra in Siria, l’ingerenza in Iraq e le loro ruberie segrete. Quasi tutti i lavoratori iraniani si trovano al di sotto della soglia di povertà. Gli viene negata la sicurezza sul lavoro. Almeno il 70% di essi non è neanche sicuro di ricevere il suo stipendio. Il salario minimo dei lavoratori è così al di sotto della soglia di povertà che ha trasformato i lavoratori iraniani in una delle più economiche forze-lavoro del mondo. I lavoratori vengono privati dei loro legittimi diritti praticamente ovunque, non c’è limite al loro sfruttamento e vi è un considerevole numero di lavoratori che ha dovuto vendere un rene per provvedere al suo sostentamento. Ancora di più le donne, che vengono ulteriormente vittimizzate dai soprusi, dalla repressione disumana e dai bassi salari. Infine, i tre milioni di bambini operai in Iran, che rappresentano la dolorosa manifestazione dell’oppressione degli sciacalli che governano l’Iran”.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

30 Aprile 2014

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,914FollowersFollow