domenica, Dicembre 4, 2022
HomeNotizieIran NewsManifestazioni anti governative e manifestazioni scandendo "Abbasso il dittatore" a Teheran, scontri...

Manifestazioni anti governative e manifestazioni scandendo “Abbasso il dittatore” a Teheran, scontri sporadici in varie parti della città

Estese le misure delle forze repressive del regime e arresto di decine di giovani e donne

CNRI – La gente di Teheran, scandendo “Abbasso il dittatore”, riuniti in luoghi centrali e nelle vie principali di Teheran nel primo anniversario della rivolta del 14 febbraio per la solidarietà con le rivolte nella regione e con la primavera araba. Intorno a piazza Azadi, piazza Vali Asr e la strada Narmak di Haft Howz, piazza Imam Hossein, le strade che portano all’Università di Teheran, Takht-e-Tavoos, piazza Vanak, l’intersezione College, Eskandari Street, North Khosh e Ekbatan sono tra questi luoghi. Ieri sera anche la gente di Teheran ha protestato scandendo Allah-o-Akbar e Abbasso il dittatore dai tetti. Le proteste di martedì che sono iniziate dalle 3:00 del pomeriggio, hanno portato a scontri e scaramucce con le forze repressive che si sono fatte avanti da strade diverse e nelle corsie. Queste proteste si sono intensificate con l’oscurità della notte. Le forze repressive hanno duramente colpito i giovani manifestanti e hanno gettato lacrimogeni per disperderli. In alcuni luoghi, come l’intersezione College, Vali Asr street e l’ intersezione, Eskanadari strada, Shariati, Navvab, Haft Howz, Ekbatan, Jamal Zadeh, Narmak, Vahidie, Taslihat, Damavand, Haft-e Tir-quadrato, piazza Enqelab, Shahr Ara Khosh e un certo numero di donne e giovani sono stati arrestati e portati via dalle forze di sicurezza in luoghi sconosciuti.
 
Il regime morente dei mullah, nel timore di proteste popolari, ha attuato ampie misure repressive per impedire la formazione della manifestazione di oggi. Gli ultimi ordini sono stati emessi il 13 febbraio presso l’ufficio del comandante dei cosiddetti Corpi Mohammad, che si occupa della sicurezza di Teheran, il comandante della Brigata Mohammad di questa forza. Alcune delle misure repressive di oggi includono:
 
• Avviso completo e unità di polizia anti-sommossa
• Distribuzione delle forze speciali anti-sommossa e delle forze in borghese all’interno del Psrco Daneshjou, il Ministero del Lavoro in via Azadi, tutte le sedi centrali specialmente lungo le strade Enqelab e Azadi.
• L’impiego diffuso di milizie Bassij e di motociclisti in borghese per creare un clima di paura e di intimidazione
• Taglio telefoni cellulari e internet

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
14 febbraio 2012
 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,416FollowersFollow