mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieIran NewsLe vergognose condizioni dell’acqua e dell’elettricità, dell’immondizia e dei liquami: standards inferiori...

Le vergognose condizioni dell’acqua e dell’elettricità, dell’immondizia e dei liquami: standards inferiori a quelli di una prigione a Liberty

Campo Liberty – N.10

CNRI – Martedi 22 Febbraio i residenti che sono andati a Camp Liberty, hanno potuto portare nel campo con un’autobotte solo il 15% dell’acqua necessaria, e da 12 kilometri di distanza.

Nessuno dei residenti ha potuto farsi una doccia o persino lavare i calzini. Nei bagni manca l’acqua in molte ore del giorno. Per problemi di sicurezza, non è possibile prendere di notte l’acqua che si trova a 12 kilometri di distanza, e poiché bisogna fare la fila per prenderla di giorno, dalla 6:00 di mattina alle 6:00 del pomeriggio, si sono potuti riempire solo tre o quattro autobotti.

La situazione dell’energia elettrica è ancora più vergognosa. Dei due generatori di corrente presenti a Liberty, uno non funziona. I serbatoi per il carburante dei due generatori sono attaccati ed hanno una capacità di 15.000 litri. Ciascun generatore consuma 200 litri di carburante all’ora. Ma non c’è abbastanza carburante. Quindi i residenti non hanno altra scelta che rinunciare ad usare i riscaldamenti durante il giorno.

Anche il carburante per le auto è finito, ma non è ancora stato rifornito. A Febbraio 2012 le forze irachene avevano già precedentemente impedito di trasferire a Liberty le stufe a kerosene ed i forni per cucinare.

Nel frattempo, a causa della mancanza di elettricità, è impossibile cucinare, riscaldare gli ambienti ed avere un sistema idrico efficiente. A causa della mancanza di elettricità i liquami stanno traboccando all’aperto vicino gli alloggi. A tutt’ora, i liquami sono ad un metro dalla prima fila di roulottes.

I camion per la spazzatura, che sono stati riempiti con l’immondizia raccolta dai residenti Martedi, non sono stati fatti uscire dal campo Mercoledi.

In un altro elaborato, i residenti hanno informato i rappresentanti dell’UNAMI di alcuni pacchetti di proiettili che erano stati trovati nella zona e poi consegnati alle forze irachene.

Secondo una fonte attendibile, il prossimo rapporto annuale dell’UNAMI è stato fornito al governo iracheno per una revisione prima della sua pubblicazione. Il risultato finale di tale rapporto è abbastanza chiaro e ci si può aspettare che verranno biasimate le vittime invece dei carnefici e che il governo iracheno verrà grandemente encomiato!!!

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
23 Febbraio 2012

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow