giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniLa madre di una dissidente iraniana assassinata sostiene il prigioniero politico Jafar...

La madre di una dissidente iraniana assassinata sostiene il prigioniero politico Jafar Azimzadeh 

CNRI – Il sostegno per l’attivista iraniano per i diritti dei lavoratori Jafar Azimzadeh, in sciopero delle fame, è giunto da tutte le parti: dagli alleati in Occidente, dai suoi compagni prigionieri politici e dalla madre di una dissidente iraniana assassinata.

Sholeh Pakravan, madre di Reyhaneh Jabbari, ha parlato apertamente delle violazioni dei diritti umani in Iran da quando sua figlia è stata giustiziata nel 2014 e ora ha scritto una lettera aperta di sostegno a Jafar Azimzadeh. 

Nella lettera ha affrontato le attuali gravi questioni, come la negligenza dimostrata verso questo prigioniero politico e la fustigazione dei lavoratori di Agh Darreh e Bafgh. Questi atti brutali sono un tentativo di creare una società con una forza lavoro oppressa, silenziosa e a buon mercato in modo che gli investitori stranieri non debbano scontrarsi con le reali condizioni e il paese possa diventare competitivo a livello mondiale.

Sholeh Pakravan ha scritto che la silenziosa esecuzione dei lavoratori e l’arresto dei loro rappresentanti dimostrano il ritorno ufficiale alla schiavitù in Iran.

Ha poi incoraggiato il popolo iraniano a combattere contro il regime, mettendolo in guardia contro il terribile futuro che lo aspetta se verrà permesso a regime di prevalere. Ed ha scritto: “Il destino dei vostri figli non sarà altro che sofferenza e dolore. Parlate nelle strade di ciò che chiedete per la vostra sopravvivenza. Fate sì che i vostri desideri e le vostre aspettative siano chiaramente rispettate dalle autorità. Appoggiate le richieste dei rappresentanti dei prigionieri e parlate di loro in privato e pubblicamente”.

Poi Sholeh Pakravan ha proseguito con questa triste metafora sull’Iran dicendo: “Dietro i bei sorrisi dei funzionari, si nascondono i corpi e le anime spezzate dei figli dell’Iran prigionieri, gli scioperi della fame, la tortura degli interrogatori e le norme codarde. Dietro il grande muro di bugie, ci sono centinaia di forche invisibili che silenziosamente giustiziano i nostri cari”.

Jafar Azimzadeh, un prigioniero politico detenuto nel carcere di Evin, sta praticando lo sciopero della fame da 51 giorni.

La figlia di Sholeh Pakravan, Reyhaneh Jabbari, è stata giustiziata il 25 Ottobre 2014 per aver ucciso un agente dell’intelligence del regime dei mullah che aveva tentato di violentarla sette anni prima, quando aveva solo 19 anni.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,483FollowersFollow