domenica, Dicembre 4, 2022
HomeNotizieIran NewsLa caduta del regime iraniano: il principale argomento di discussione alla riunione...

La caduta del regime iraniano: il principale argomento di discussione alla riunione dell’Assemblea degli Esperti

a cura dello staff del CNRI

CNRI – Il rappresentante del leader supremo del regime iraniano nel Corpo delle Guardie Rivoluzionarie (IRGC), ha detto: “Gli Stati Uniti stanno cercando di ripetere in Iran la formula usata per il collasso del sistema dell’Unione Sovietica”.

Secondo l’agenzia di stampa Hozeh, il 19 Settembre Ali Saeedi, rappresentante del leader supremo del regime iraniano Ali Khamenei nell’IRGC, durante il quinto summit dell’Assemblea degli Esperti ha avvertito dell’infiltrazione del nemico e della sconfitta della rivoluzione.

Ha poi parlato dell’influenza nell’ex-Unione Sovietica e del collasso del sistema del paese dicendo: “La ripetizione della formula sulla caduta dell’Unione Sovietica è l’obbiettivo del sistema di dominazione americano, attraverso la penetrazione nel nostro sistema islamico”.

Il rappresentante di Khamenei nell’IRGC ha detto: “Il nemico non ha fatto marcia indietro neanche quanto la punta di un ago dai suoi ideali, perché noi dovremmo rinunciare ai nostri ideali? Il nemico sta cercando di costringerci a scegliere tra l’abbandonare gli ideali e vivere nell’infamia con il proprio dilemma”.

Già in precedenza l’ex-ambasciatore del regime iraniano in Russia, parlando durante un programma televisivo delle pressioni degli Stati Uniti a questo riguardo, aveva detto: “Voglio chiarire al nostro popolo in che situazione ci troviamo e cosa ci sta succedendo. In questo momento, se presentassimo un reclamo sulle violazioni dell’altra parte, sarebbe come spararci da soli”.

Nasser Nobari ha poi aggiunto: “Ciò significa che esiste una procedura per cui entro 45 giorni la parte in causa dice di non essere soddisfatta del reclamo e, dato che non è soddisfatta, pone il veto al Consiglio di Sicurezza. Il risultato è che tutte le sanzioni rientrano in vigore. Ecco perché non possiamo reclamare. Non possiamo agire contro l’altra parte”.

“Ci hanno gettato nello stallo. Ciò significa che ci hanno messo all’angolo e ci picchiano continuamente. Le sanzioni sugli aerei, le sanzioni su non so che cosa… e noi non possiamo fare niente. Perché è scritto nell’accordo sul nucleare (JCPOA) che se facessimo qualunque mossa, ciò rappresenterebbe una violazione del JCPOA e noi non dobbiamo violare il JCPOA. Perciò dobbiamo prenderci il gancio destro e il sinistro”, ha detto Nobari.

Il conduttore del programma televisivo ha detto che il fatto è che ora siamo in una situazione in cui i sostenitori e gli oppositori del JCPOA nella Repubblica Islamica dell’Iran si stanno tutti facendo la loro idea su come uscire da questo problema.

Nobary ha proseguito dicendo: “Io dico JCPOA 1 e JCPOA 2, JCPOA 3, JCPOA 4… e il muro di Berlino è crollato, tutto il blocco orientale è caduto, tutto il blocco è stato realmente distrutto. Tutto questo è lo stesso oggetto dei negoziati: dovete rinunciare ad un’arma strategica, poi fare dietrofront sulle questioni regionali, poi fare dietrofront sui diritti umani e questa è la fine di tutto”.

Domenica Khamenei, dopo aver mandato Rouhani a New York, con la promessa di invitare gli Stati Uniti al tavolo del JCPOA, in maniera ridicola ha parlato del destino dell’accordo sul nucleare: “Gli americani devono sapere che la Repubblica Islamica dell’Iran non ha nessuna intenzione di fare marcia indietro su questioni importanti legate agli interessi nazionali”.

Khamenei, parlando alla folla delle forze di polizia e di sicurezza, dopo la sua solita vuota retorica, ha espresso la sua filosofia e rivolgendosi ai politici americani ha implicitamente suggerito di essere pronto a bere il prossimo amaro calice.

Khamenei ha detto: “… I corrotti, bugiardi e ingannatori politici degli Stati Uniti accusano il popolo iraniano e la Repubblica Islamica dell’Iran di mentire, mentre la nazione iraniana si sta comportando onestamente e proseguirà questo cammino onestamente”.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,418FollowersFollow