mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniAppello della Resistenza Iraniana per salvare 25 giovani prigionieri nel braccio della...

Appello della Resistenza Iraniana per salvare 25 giovani prigionieri nel braccio della morte

Alcuni di loro avevano meno di 18 anni all’epoca del loro presunto crimine

La Resistenza Iraniana chiede alle autorità internazionali, in particolare all’Alto Commissario per i Diritti Umani, all’Inviato Speciale sulla Situazione dei Diritti Umani in Iran e a tutti i difensori dei diritti dei bambini e dei giovani, di intervenire immediatamente per salvare 25 prigionieri nel braccio della morte della sezione minorile dell’istituto penale centrale di Ardebil.

Secondo alcune notizie, su 170 prigionieri detenuti in questo carcere, 25 sono condannati a morte. Le sentenze emesse contro alcuni di loro sono state verificate dalla Corte Suprema dei mullah. Alcuni avevano meno di 18 anni all’epoca del presunto crimine.

Intanto la mattina del 18 Settembre Shahin Parsajou, 23 anni e un uomo di 40 anni, sono stati giustiziati nel carcere di Ardebil. Shahin Parsajou era stato condannato a tre anni di reclusione per il reato di furto, ma dopo una rissa in carcere, il regime ha intentato un nuovo caso contro di lui condannandolo a morte. Questo prigioniero è stato impiccato con le mani e i piedi incatenati. Su richiesta del criminale procuratore, i boia del carcere centrale di Ardebil, per esacerbare l’atmosfera di intimidazione, hanno costretto 50 prigionieri ad andare ad assistere all’esecuzione di queste vittime.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

18 Settembre 2017

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,405FollowersFollow