mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniIran: Una prigioniera trasferita di nuovo in isolamento

Iran: Una prigioniera trasferita di nuovo in isolamento

CNRI – Secondo alcune notizie, le autorità dell’istituto centrale di pena di Kerman, il 25 Marzo hanno trasferito Afsaneh Bayazidi in isolamento, dove questa ragazza curda verrà tenuta fino alla fine di questa settimana, vale a dire per 15 giorni, secondo quanto deciso dai funzionari della sicurezza.

Una fonte informata interna al carcere, ha confermato che Afsaneh Bayazidi è stata “convocata e interrogata” dai funzionari dell’istituto centrale di pena di Kerman dopo aver scritto una lettera al leader supremo del regime Ali Khamenei, secondo un’agenzia di stampa curda.

La lettera è stata consegnata dai funzionari del carcere agli agenti della sicurezza, che poi hanno picchiato selvaggiamente Afsaneh, dice la notizia.

Nella sua lettera Afsaneh Bayzidi ha parlato degli “insulti, delle aggressioni e delle brutali torture” compiute dagli agenti carcerari negli istituti di tutto l’Iran, dicendo che la colpa di tutta questa situazione è di Khamenei.

Rivolgendosi direttamente a Khamenei, Afsaneh in un’altra parte della sua lettera scrive: “Come uno che si considera il successore di Dio sulla terra, voi avete fatto per 38 anni del popolo iraniano il vostro giocattolo, torturandolo, giustiziandolo e condannandolo a lunghe pene detentive in nome della vostra falsa religione”.

“Non dimenticherò mai quello che io e gli altri prigionieri abbiamo passato in carcere. Ma  verrà il giorno in cui persone come me porteranno voi e i vostri complici di fronte alla giustizia nei tribunali competenti”, aggiunge.

Condannata a quattro anni di reclusione Afsaneh Bayzidi ha scritto una lettera lo scorso Settembre descrivendo il dolore e le sofferenze subite nell’istituto centrale di pena di  Kerman. 

Afsaneh Bayazidi è stata arrestata insieme a suo fratello Shahu a Novembre 2013, con l’accusa di “collaborazione con un gruppo di opposizione curdo al regime iraniano”. Era stata poi rilasciata dietro pagamento di una cauzione di 100 milioni di toman.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow