sabato, Luglio 20, 2024
HomeNotizieIran NewsI lavoratori iraniani lottano perché il regime non riesce ad adeguare gli...

I lavoratori iraniani lottano perché il regime non riesce ad adeguare gli stipendi all’inflazione

Iran-workers-plight-NCRI-1

All’inizio del nuovo anno persiano, a marzo, il regime iraniano ha annunciato a gran voce di aver aumentato gli stipendi dei lavoratori del 27%. Sebbene sia stato considerato un aumento salariale inefficace a causa dell’inflazione alle stelle, le autorità si sono rifiutate di mantenere le loro promesse.

Secondo il sito web statale Tejarat News del 13 novembre 2022, “la soglia di povertà assoluta per una famiglia di due persone che vive a Teheran è di 320 milioni di toman” e “150 milioni di rial per una famiglia di due persone che vive nella periferia della città”.

Il salario di 14 milioni di lavoratori è di circa 40 milioni di rial; anche se le autorità lo aumentassero del 27%, sarebbe di circa 50 milioni di rial. Nel frattempo, l’inflazione del Paese supera il 40%.

“L’aumento di stipendio del 27% per i lavoratori è stato adottato, ma i loro miseri guadagni rimangono indietro rispetto all’inflazione in continua crescita. Così, non riescono a vivere”, ha scritto il 26 marzo il quotidiano statale Tejarat News.

“L’inflazione sfrenata priva i lavoratori di una vita dignitosa. Il salario dei lavoratori è sempre al di sotto della soglia di povertà. Anche se guadagnano 100 milioni di rial, il che non li aiuterebbe a vivere, dovrebbero pagare le tasse, lasciandoli senza un soldo a fronte degli alti prezzi dei beni di consumo”, ha aggiunto il giornale.

In altre parole, il regime non solo si è rifiutato di aumentare gli stipendi dei lavoratori, ma ha scavato ancora di più nelle tasche dei cittadini.

Il 21 marzo, il sito web statale Eghtesad News ha citato Ali Babaei Karnami, presidente della Commissione del lavoro del Parlamento, riconoscendo che “la decisione del Consiglio supremo del lavoro di aumentare il salario minimo dei lavoratori del 27% non è in linea con il tasso di inflazione e il sostentamento delle famiglie”.

Questo aumento salariale molto basso contraddice la stessa legge sul lavoro del regime. “Secondo i paragrafi 1 e 2 dell’articolo 41 della legge sul lavoro, il costo di una famiglia di tre persone deve essere coperto dal salario minimo”, ha scritto il 13 aprile il quotidiano statale IMNA News.

“Secondo questo articolo: Il salario minimo dei lavoratori è determinato in base alla percentuale di inflazione annunciata dalla Banca centrale della Repubblica islamica dell’Iran”, scrive l’agenzia, aggiungendo: “Il governo ha annunciato due tassi del 47,7% e del 43,7% come inflazione generale e del 63% come inflazione puntuale. Nel frattempo, il tasso di inflazione calcolato per aumentare gli stipendi dei lavoratori è del 27-28%, il che non corrisponde all’inflazione reale”.

Oltre all’inflazione, i prezzi dei beni di consumo continuano a salire alle stelle, impedendo ai lavoratori iraniani di soddisfare i loro bisogni primari. “I prezzi dei generi alimentari di base sono aumentati dall’inizio dell’anno. Ad esempio, il prezzo di ogni chilo di pollame, che l’anno scorso era di circa 600.000-700.000 rial, ora ha raggiunto gli 840.000 rial. Le tariffe di taxi e autobus a Teheran sono aumentate in media del 40%”, ha scritto il 15 aprile il quotidiano statale Setar-e Sobh.

Tuttavia, il governo di Ebrahim Raisi si è rifiutato di adottare l’aumento salariale del 27%, poiché il regime ha altre priorità rispetto al benessere dei cittadini, come il finanziamento dei suoi proxy terroristi o, come li chiama, l'”asse della resistenza”.

“Dichiariamo pubblicamente e coraggiosamente che il sistema insiste nel sostenere l’asse della resistenza nella regione, e non faremo un passo indietro nel farlo”, si è vantato Raisi il 14 aprile.

Gli iraniani, in particolare i lavoratori, hanno capito da tempo che il regime e le sue attività illecite sono la causa del disastro finanziario del Paese. Le proteste e gli scioperi in corso da parte dei lavoratori iraniani sono una testimonianza di questo fatto e lo slogan popolare degli iraniani “Povertà, corruzione, prezzi alti, continueremo fino al cambio di regime” mostra ciò che essi considerano una soluzione ai loro problemi.

Piuttosto che negoziare con la teocrazia al potere e offrire incentivi che la aiuterebbero solo a finanziare il terrorismo e l’oppressione, la comunità globale dovrebbe sostenere la richiesta del popolo iraniano di cambiare regime e intensificare la pressione sul regime al potere.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow