lunedì, Febbraio 6, 2023
HomeNotizieIran NewsIran: Lo sciopero degli lavoratori delle acciaierie di Ahvaz è entrato nella...

Iran: Lo sciopero degli lavoratori delle acciaierie di Ahvaz è entrato nella sua seconda settimana

Rivolte in Iran – No. 88

Manifestazioni di protesta dei lavoratori delle acciaierie di Orumieh, Khorramabad e Khorasan 

I lavoratori del Gruppo Nazionale delle Acciaierie di Ahvaz, da lunedì 26 Febbraio stanno proseguendo il loro sciopero per il settimo giorno consecutivo. Gli operai riunitisi di fronte al governatorato, negli ultimi tre giorni, hanno gridato: “Non me ne vado da qui, fino a che non ottengo i miei diritti!”, “I lavoratori muoiono, ma non accettano l’umiliazione!”, “Nessuna nazione ha mai visto una tale ingiustizia!”, “Una mazzetta di meno e i nostri problemi sono risolti!”, “Oggi è giorno di lutto. Il povero gruppo nazionale è la vittima!”. Poi hanno marciato e bloccato la strada.

Il gruppo nazionale industriale iraniano per la lavorazione dell’acciaio, con i suoi 54 anni di esperienza, è stato un grosso creatore di prodotti manifatturieri, con una forza lavoro di oltre 3000 operai specializzati. La produzione di questo polo economico del paese è precipitata al 10%, a causa delle politiche devastanti del regime dei mullah e del furto del suo patrimonio da parte delle Guardie Rivoluzionarie. Così i lavoratori sono stati privati dei loro già miseri salari e sono costretti a scioperare ogni pochi mesi per ottenerli. All’inizio di Febbraio, gli operai hanno protestato per il mancato pagamento di tre mesi di stipendio e di benefits e per il mancato rispetto delle false promesse fatte dal datore di lavoro.

Ad Orumiyeh, i lavoratori del gruppo industriale per la lavorazione dell’acciaio, hanno protestato di fronte al governatorato per il mancato pagamento di un anno di arretrati. Si  sono riuniti di fronte al governatorato anche il 24 Febbraio. Il gruppo industriale aveva circa 1500 lavoratori nel 2004, ma ora, con poche centinaia, opera solo al 20% della sua capacità.

Lunedì, i lavoratori dell’Acciaieria Sadr, a Khorramabad, che non vengono pagati da dieci mesi, hanno protestato per il terzo giorno consecutivo. Come molte industrie del paese, questa fabbrica si trova in uno stato disastroso e i suoi 180 lavoratori non ricevono stipendi e benefit da mesi.

Anche i lavoratori e gli appaltatori delle acciaierie di Khorasan, la Petro Industry, che non ricevono stipendi e benefit da 13 mesi, hanno iniziato a scioperare.

La Resistenza Iraniana saluta i nobili e infaticabili lavoratori delle acciaierie di Ahvaz, Orumiyeh, Khorramabad e Khuzestan e chiede a tutta la società, ma soprattutto ai lavoratori di tutto il paese, di unirsi per esprimere loro solidarietà, di lottare contro il regime teocratico e chiede a tutti i sindacati e alle federazioni di condannare la repressione e l’oppressione del fascismo religioso al potere in Iran, verso questi lavoratori.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

26 Febbraio 2018

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,935FollowersFollow