giovedì, Gennaio 26, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaIran - Iraq: preoccupazioni per il destino dei residenti del campo di...

Iran – Iraq: preoccupazioni per il destino dei residenti del campo di Ashraf

Amnesty International
20 aprile 2009

ImageAmnesty International ha scritto una lettera al primo ministro iracheno al-maliki nel riguardo dello sviluppo della situazione dei 3000 iraniani esiliati che si trovano nel campo di Ashraf nel nord-est di Baghdad che le autorità irachene gli chiedono di lasciare il loro paese. Questi iraniani sono membri e simpatizzanti dei Mojahedin del popolo iraniano.

Amnesty International, in particolare ha espresso le sue preoccupazioni dopo le dichiarazioni del consigliere per la sicurezza nazionale iracheno, al-Robei che in una intervista con la TV al-Forat aveva dichiarato che avrebbe reso insopportabile la permanenza dei residenti di Ashraf in Iraq. Poco dopo questa dichiarazione è stato impedito l'accesso di una squadra di chirurghi nel campo. Secondo le relazioni uno degli obiettivi dei medici era operare una donna malata di tumore.  I medici alla fine hanno trovato modo di entrare nel campo.
Amnesty International nella sua lettera al primo ministro iracheno ha chiesto le garanzie affinché le autorità irachene non violino i diritti umanitari dei residenti di Ashraf e spiegazioni sulla dichiarazioni del dott. Al-Robei sul far diventare “insopportabile”  la loro vita.  Amnesty International aveva già chiesto al governo iracheno le garanzie che nessun residente di Ashraf o altro dissidente iraniano non sia spedito in Iran perché ci sono forti preoccupazioni che potessero essere torturati o che comunque venissero violati i loro diritti.
 
precedenti:
l'organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano (POMI) è una organizzazione d'opposizione iraniano di cui molti membri si trovano da molti anni in Iraq. La PMOI era inserito nella lista dei gruppi terroristici dell'UE, che successivamente è stato depennato perché non incitano la lotta armata contro il governo iraniano e non vi partecipano. Dopo l'occupazione dell'Iraq, nel 2003 le forze statunitense hanno assunto la responsabilità di tutela dei residenti di Ashraf che erano riconosciuto come persone tutelate dalla IV Convezione di Ginevra. Questa situazione è mutata dopo gli accordi tra gli Stati Uniti e l'Iraq, dal 1 gennaio 2009, sebbene nel accordo non c'è cenno del campo dei residenti di Ashraf. Si dice che il governo iraniano preme sul governo iracheno per espellere i membri e simpatizzanti dei Mojahedin del popolo dall'Iraq.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,872FollowersFollow