sabato, Novembre 26, 2022
HomeNotizieIran NewsIran - In una conferenza al Senato degli Stati Uniti si è...

Iran – In una conferenza al Senato degli Stati Uniti si è discusso sugli interventi terroristici delle Guardie Rivoluzionarie 

CNRI – Giovedì 6 Aprile, si è tenuta una conferenza al Senato americano a cui hanno partecipato illustri politici americani, insieme ad esperti di politica estera e terrorismo, per discutere la natura delle Guardie Rivoluzionarie iraniane e le loro funzioni.

Descrivendo il ruolo-chiave delle Guardie Rivoluzionarie quale primo strumento del regime per la repressione in patria e l’esportazione del terrorismo e del fondamentalismo all’estero, gli oratori alla conferenza hanno ribadito la necessità di nominare le Guardie Rivoluzionarie come un gruppo terroristico e di imporre loro sanzioni omnicomprensive.

L’ex-ambasciatore americano nel Bahrein, Adam Ereli, che ha moderato la conferenza, ha presentato gli oratori precisando che la Resistenza Iraniana nel 2002 ha rivelato gli impianti nucleari del regime iraniano, cosa che ha portato i paesi occidentali a concentrarsi sul programma nucleare del regime.

L’ex-ambasciatore americano alle Nazioni Unite, John Bolton, nel suo discorso ha parlato della storia degli atti terroristici delle Guardie Rivoluzionari sin dalla loro fondazione e anche del ruolo-chiave che le Guardie Rivoluzionarie stanno avendo nel programma nucleare e missilistico del regime, dicendo che, nominare le Guardie Rivoluzionarie come un gruppo terroristico straniero, sarebbe la cosa giusta da fare.

Bolton ha parlato dell’attacco con armi chimiche del regime di Assad contro Khan Sheikhoun, dicendo che il regime di Assad non sarebbe potuto restare al potere senza il supporto attivo del regime iraniano.

Bolton ha anche detto che le Guardie Rivoluzionarie dovrebbero essere inserite nella lista dei gruppi terroristici non solo per i loro vari atti terroristici compiuti negli ultimi 35 anni, ma per il loro attuale coinvolgimento in atti terroristici in tutta la regione, in particolare per ciò che stanno facendo in Siria e in Iraq.

L’oratore successivo, Ilan Berman, nel suo discorso ha parlato dell’importanza politica ed economica della nomina delle Guardie Rivoluzionarie a gruppo terroristico, dicendo che “Le Guardie Rivoluzionarie sono una delle fondamenta della Repubblica Islamica che controlla un terzo, o più, dell’economia del paese. La sua nomina (a gruppo terroristico) consente al Governo degli Stati Uniti di colpire le aziende esposte sul mercato americano. Consente inoltre all’esercito americano di avere un approccio molto più diretto nei confronti dei gruppi di miliziani appoggiati dalle Guardie Rivoluzionarie. Inserire le Guardie Rivoluzionarie nella lista dei gruppi terroristici consente anche agli alleati degli Stati Uniti e ai suoi partners economici e politici di adottare un approccio più duro”.

Berman poi ha evidenziato il punto più importate, riguardo alla necessità di nominare le Guardie Rivoluzionarie come gruppo terroristico, è cioè che questo è un segnale per il popolo iraniano che un cambiamento significativo è avvenuto.

Michael Pregent dell’Hudson Institute, è stato l’oratore successivo ed ha fatto notare, all’inizio del suo discorso, l’aumento degli interventi delle Guardie Rivoluzionarie dopo l’accordo sul nucleare, dicendo: “Le Guardie Rivoluzionarie agiscono al di là della legge e rispondono direttamente a Khamenei. Le Guardie Rivoluzionarie posso utilizzare aerei commerciali per riempire le loro stive di armi e trasferire i loro comandanti a cui è stato vietato l’espatrio in base alle recenti risoluzioni dell’ONU. Le Guardie Rivoluzionarie sono in grado di fare tutto questo e perciò sarebbe molto importante nominarle un’organizzazione terroristica, dato che questo glielo impedirebbe”.

Pregent ha anche detto che le Guardie Rivoluzionarie appoggiano i Talebani in Afghanistan e danno rifugio ai leaders di Al-Qaida.

Alireza Jafarzadeh è stato l’oratore successivo e nel suo discorso ha descritto la rete delle Guardie Rivoluzionarie e i loro sforzi per addestrare i terroristi. Ha anche parlato delle risorse finanziarie delle Guardie Rivoluzionarie che vengono utilizzate per finanziare operazioni terroristiche.

Jafarzadeh ha spiegato come Khamenei stia usando le Guardie Rivoluzionarie per saccheggiare le risorse economiche e le proprietà del popolo iraniano, finanziando così i suoi atti terroristici in tutta la regione.

Jafarzadeh, a questo proposito, ha segnalato il suo libro di nuova pubblicazione “L’ascesa dell’impero finanziario delle Guardie Rivoluzionarie”, nel quale sono menzionati i nomi delle aziende appartenenti alle Guardie Rivoluzionarie e a questo regime reazionario.

“Chiunque sia in affari con il regime iraniano” ha asserito Jafarzadeh, “in realtà sta facendo affari con lo stesso Khamenei e con le Guardie Rivoluzionarie… Perciò è necessario espellere le Guardie Rivoluzionarie dai paesi della regione, dato che loro sono la fonte di tutti i problemi. Il punto fondamentale è che le Guardie Rivoluzionarie devono essere designate come gruppo terroristico straniero e che devono essere cacciate ed espulse dai paesi della regione”.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,364FollowersFollow