giovedì, Gennaio 26, 2023
HomeNotizieIran NewsIran: il bilancio delle vittime dell'incendio alla prigione è più alto di...

Iran: il bilancio delle vittime dell’incendio alla prigione è più alto di quanto dichiarato ufficialmente

CNRI – Il numero dei detenuti rimasti uccisi durante l’incendio del 4 Agosto in una prigione in Iran,  per colpa delle autorità che hanno impedito ogni tentativo di salvarli, è in realtà molto più alto di quello pubblicato dai mezzi di comunicazione statali.

 

Notizie dall’Iran indicano che con un altro detenuto morto venerdì per le gravi ustioni riportate, il numero delle vittime dell’incendio nella prigione di Shahr-e Kord è salito ad almeno 40.

I media di stato avevano parlato di soli 11 detenuti morti.

In contemporanea con la visita di Hassan Rouhani in città, per reprimere i detenuti, le autorità della prigione hanno tenuto le porte chiuse mentre divampava il fuoco, cosa che ha causato molti morti nell’incendio.

Notizie del regime dicono che il giorno dell’incidente le autorità della prigione hanno impedito ai camion dei pompieri di entrare e che alla fine, dopo tre ore, gli è stato permesso ma poi sono stati ancora bloccati.

La Presidente eletta della Resistenza Iraniana, Maryam Rajavi, il 6 Agosto ha esortato le organizzazioni internazionali e gli organismi in difesa dei diritti umani a condannare il deliberato omicidio dei prigionieri bruciati vivi e ha chiesto l’invio di una missione d’inchiesta per indagare sulle terribili condizioni di vita nelle prigioni in Iran.

E ha detto: “Questa atrocità senza precedenti è solo un esempio delle tragedie a cui gli assassini al potere in Iran costringono i detenuti da molti anni. Questi barbari che governano l’Iran devono essere rigettati dalle nazioni civili e devono affrontare la giustizia per le innumerevoli atrocità che hanno commesso”.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,872FollowersFollow