domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieIran NewsIran: Furiosa reazione delle Guardie Rivoluzionarie (IRGC) e delle altre forze repressive...

Iran: Furiosa reazione delle Guardie Rivoluzionarie (IRGC) e delle altre forze repressive contro la gente riunita a Pasargad

Pasargad No. 4

Il disumano e anti-iraniano regime teocratico, quest’anno ha avuto una reazione furiosa alla manifestazione del 7° di Aban (29 Ottobre) per la commemorazione della nascita di Ciro il Grande. Tutti gli organi repressivi, in particolare le Guardie Rivoluzionarie, sono ricorsi ad espedienti diversi per terrorizzare la gente ed impedire il formarsi di una grossa manifestazione popolare a Pasargad.

Eccone alcuni: 

1. In un comunicato emesso dalla polizia, si affermava stupidamente che, chiunque avesse partecipato alla manifestazione sarebbe stato soggetto all’articolo 610 della legge Tazeerat (5° Libro del Codice Penale del regime teocratico iraniano). In base a questo articolo “Nel caso in cui due o più persone si riuniscano e cospirino per commettere crimini contro la sicurezza del paese o all’estero, o per fornire mezzi a questo scopo, saranno condannati ad una pena da due a cinque anni di reclusione, sempre che non vengano considerati mohareb (in guerra con Dio)”.

2. Il Battaglione 302 dei Basiji, noto come Komeil, ha creato nella città di Neyriz un campo di combattimento di nome “Fajr 4” dal 27 al 29 Ottobre. La maggior parte delle truppe che hanno partecipato a queste manovre erano in borghese.

3. E’ stato allertato l’esercito nella provincia di Fars e tutti i permessi del personale sono stati cancellati.

4. Le forze repressive hanno bloccato i terreni agricoli della zona e dispiegato le forze armate intorno ai villaggi.

5. Al checkpoint sulla strada secondaria che va da Eghlid a Safashahr, le Guardie hanno cercato di disperdere la folla che cercava di raggiungere Pasargad, sparando in aria

6. Ad alcuni checkpoints, ai passeggeri delle auto è stato chiesto di firmare una dichiarazione scritta con cui si impegnavano a non andare a Pasargad per le prossime 24 ore.

7. All’ultimo checkpoint verso Pasargad, il regime ha chiuso la strada con ostacoli simili a grossi chiodi, in modo che le macchine non potessero passare.

8. Il regime dei mullah ha arrestato un gran numero di persone, e persino gente del luogo, per aver aiutato i viaggiatori ad arrivare a Pasargad.

9. In alcune manifestazioni svoltesi nelle vie e nelle strade verso Pasargad, la gente ha gridato slogan contro il governo come “A morte il principio del potere del velayat-e-faqih! (leader supremo)”.

10. La Guardia Rivoluzionaria Hossein Shariatmadari, rappresentante di Khamenei nel quotidiano Kayhan, terrorizzato dalla massiccia adesione popolare alla manifestazione di Pasargad, domenica ha scritto: “I sostenitori di Ciro di quei giorni, sono le stesse forze di  Hezbollah oggi”. Ha affermato che la guerra di Ciro serviva “ad espandere la religione monoteistica e a salvare le nazioni oppresse dalla dominazione dei tiranni” e che questo è ciò che sta facendo il regime teocratico oggi, “con la sua presenza nella regione e il supporto alla resistenza (leggasi terrorismo e fondamentalismo)”. Questa Guardia Rivoluzionaria, che non riesce a nascondere la sua rabbia per gli slogan contro il governo ed in particolare per lo slogan “A morte il principio del potere del velayat-e-faqih”, ha aggiunto: “Se i partecipanti alla manifestazione fossero davvero per Ciro e fosse sincero ciò che dicono, dovrebbero gridare lo slogan ‘A morte l’America e a morte Israele!’”.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

29 Ottobre 2017

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,375FollowersFollow