domenica, Dicembre 4, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniIran: Comunicato del Dr. Mohammad Maleki nell'anniversario del massacro del 1988

Iran: Comunicato del Dr. Mohammad Maleki nell’anniversario del massacro del 1988

“Non smetterò di lottare per ottenere giustizia per le vittime del massacro del 1988 fino al mio ultimo respiro”

Cari compatrioti, giovani iraniani e studenti universitari,

E’ passato un anno dalla rivelazione del file audio del defunto Ayatollah Montazeri, che ha denunciato un episodio che egli stesso definisce “un crimine storico”. Questo file audio ha svelato molti segreti, quando la voce dell’ayatollah ha raggiunto milioni di iraniani e di iraniane per la prima volta.

Con termini precisi e inequivocabili, Montazeri parla di alcuni fatti del massacro dell’estate del 1988 che hanno scioccato il mondo. Le sue parole hanno denunciato il “Comitato della Morte” e i suoi crimini, così il mondo ha visto ciò che è accaduto e che sta ancora accadendo agli iraniani nella Repubblica Islamica. Il mondo ora sa come decine di migliaia  dei migliori uomini e donne dell’Iran furono mandati a morte solo per essere rimasti fermi nei loro principi e critici verso il regime. Questa rivelazione ha avuto un tale impatto in ogni angolo del mondo che questa questione è stata nuovamente affrontata in tutti i circoli per i diritti umani. 

Cari compatrioti, studenti universitari e giovani che siete la speranza per il futuro,

Vi avevo promesso che sarei stato con voi fino all’ultimo respiro, per combattere al vostro fianco contro l’ingiustizia e la crudeltà e per essere un difensore della libertà per il mio popolo povero e sofferente. Io so che ogni inizio ha una fine e che ad un certo punto bisognerà lasciare questo mondo. Da qualche tempo soffro di un male incurabile, ma spero di essere in grado di portare avanti il mio impegno di aiutare il popolo e l’Onnipotente. Io giuro a tutta l’umanità che rispetterò il mio impegno e che sarò instancabile nella campagna per onorare le vittime del massacro del 1988 e per assicurare alla giustizia questi assassini e criminali.

Ancora una volta avverto i leaders e gli esponenti del velayat-e faqih che non manca molto al giorno in cui dovrete affrontare il destino di tutti i despoti della storia. Verrà il giorno in cui dovrete rispondere di tutto il sangue innocente che avete versato. Un giorno dovrete rispondere di tutte le vostre bugie, dei furti e dei crimini. State certi che la campagna per ottenere giustizia per le vittime del massacro del 1988 avrà successo. Vorrei esprimere la mia personale e profonda gratitudine a tutti coloro che stanno partecipando a questa campagna in tutto il mondo.

Per concludere, vorrei attirare l’attenzione su tutti i prigionieri politici nel carcere di Gohardasht, come Reza Shahabi, Jafar Eghdami, Hassan Sadeghi, Abolghasem Fooladvand, Saeed Masouri, Mohammad Banazadeh Amirkhizi, Saeed Shirzad e gli altri che sono dovuti ricorrere allo sciopero della fame per difendere i loro diritti legali e umanitari.

Viva i prigionieri politici Rouin Otoufat, Narges Mohammadi, Abolfateh Soltani, Maryam Akbari-Monfared, Zahra Zahtabchi, Arash Sadeghi, Golrokh Araii, Reza Malek, Fatemeh Mosana, Atena Daemi e tutti gli altri innocenti che stanno languendo nelle carceri del velayat-e-faqih.

Dr. Mohammad Maleki

Agosto 2017

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,416FollowersFollow